CALCIO: CURATO IL MAL DI TRASFERTA DEL PRO GIOIA

item.jpgprimo

logoDopo le due sconfitte consecutive lontane da Gioia, gli uomini di Passariello danno una grande prova di carattere a Bitetto.

Si rivede Maggipinto titolare dopo quasi quattro mesi, ma l’assenza a sorpresa dello stacanovista Grimaldi costringe l’allenatore ionico a rivedere il reparto arretrato, schierando Buttiglione sulla destra e L’Oliva centrale anche se non in ottime condizioni.

È la prima domenica con il caldo e i giocatori ne risentono parecchio. Lo dimostra l’avvio fiacco di entrambe le squadre. Nei primi 20’ non si vede niente di emozionante. La partita si rivela noiosa. A suonare la sveglia è Sportelli, attaccante della squadra di casa, che con le sue folate e i suoi assist impensierisce non poco al 23’ e al 30’ la difesa giallo nera.

Al 33’ il direttore assegna un penalty a favore del Pro Gioia, per un fallo di mani netto di un difensore bitettese, e a trasformarlo è il solito Lopriore, che ormai naviga a vele spiegate verso la conquista del titolo di capocannoniere del girone.

La squadra di casa prende coraggio e riesce ad agguantare il momentaneo pareggio a seguito di una mischia in aria di rigore gioiese al 40’. Il primo tempo si conclude sull’uno a uno.

Nella ripresa il mister Passariello da un impronta diversa alla squadra inserendo Maldarizzi e Manghisi. Dal 46’ in poi è solo Pro Gioia in campo.

La squadra ospite mette finalmente in mostra il bel gioco e la grinta, latitanti nella prima frazione.

Il due a uno è firmato da un incontenibile Bisignano, autore di una grande prestazione, al 56’, spiazzando il portiere avversario dopo aver raccolto la sponda, in questo caso nelle vesti di assist man, di Lopriore.

Sul piatto d’argento Lopriore serve anche la palla del tre a uno al 78’ a Risplendente. Palla filtrante tra i difensori centrali e tu per tu con il portiere bitettese, quest’ultimo battuto dalla’ala gioiese. Purtroppo però non arriva la sperata notizia al termine della gara, ossia il tonfo della capolista.

Pro Gioia a quota 53 ma ancora seconda ad inseguire.