Mercoledì 17 Ottobre 2018
   
Text Size

È IN EDICOLA IL NUOVO NUMERO DE “LA VOCE DEL PAESE”

Gioia-21

Tante le novità anche in questo numero, buona lettura a tutti.

Gioia 21

Commenti  

 
#7 ME MEDESIMO 2018-06-12 08:10
Ma poi c'è qualcuno che controlla che questa ordinanza sindacale venga rispettata? Perche proprio questa mattina,di buon'ora, nei pressi di Expert c'era un forte odore di fumo. Cosa che accade non di rado da queste parti. Quale sarà la provenienza?
 
 
#6 Uffa 2018-06-11 14:15
Condivido i commenti fatti a proposito dell'intervista, chiamiamola così, rilasciata dal signor Romano contro la Longo e condivido l'editoriale schietto e duro della Voce del paese. L'intervista suona come il rancoroso e bizzoso sfogo di chi aspetta la caduta di un assessore, come è stato detto da molti, per attaccare a testa bassa e senza cognizione di causa. Quali sarebbero i "mediocri" a cui la Longo ha dato spazio secondo le accuse del Romano? L'elenco fatto dalla Longo sui social con compostezza (non li ho votati e non li voterei ma per onestà bisogna riconoscerlo) contempla persone davvero di cultura che leggono libri, vanno alle mostre e ai concerti. Chi accusa vorrei capire se fa almeno altrettanto, diamine! E poi ci sono anche alte figure intellettuali che hanno dato lustro agli eventi gioiesi, davanti alle quali l'accusatore dovrebbe inchinarsi, piuttosto che parlare di mediocri. Intellettuali che non si limitano a leggere, andare alle mostre o ai concerti, ma i libri li scrivono, le mostre le fanno, la musica la scrivono o la suonano. Quindi le accuse, infondate, denotano piuttosto il tentativo goffo e maldestro di colpire la caduta amministrazione per candidarsi probabilmente a succedere nel ruolo. Di assessore? Di consigliere? Una cosa è sicura, dopo questo tonfo (è poco parlare di caduta di stile perché è un vero e proprio tonfo) e dopo questa figuraccia sarà difficile trovare qualcuno disposto a votarlo.
 
 
#5 Pasquale R. 2018-06-09 18:25
È vero! L'editoriale sbugiarda chi si riempie la bocca di sè stesso e dice che nessun altro sarebbe capace come lui. In pratica quello che ha dichiarato nell'intervista ad un...... altro giornale. Dispiace per quel bravo giovane.......... giornalista abbia firmato l'articolo intriso della bile e della rabbia di chi si crede e non è. E che brutta figura ha fatto "l'intervistato" dopo le bacchettate dell'editoriale della Voce del paese. Che figura anche peggiore dopo che su Facebook la ex assessora ha fatto l'elenco dei grossi nomi dei suoi eventi smentendo le accuse ricevute. E che figura dopo la valanga di commenti di solidarietà alla Longo e contro l'accusatore. Che figuraccia! E di quando andava a braccetto con l'assessora pensa che nessuno se lo ricorda? Ma questo pensa che la gente è...... smemorata?
 
 
#4 fraddiavolo 2018-06-04 19:24
Incuriosito dall'editoriale e dal commento di @pulcinella sono andato a leggere l'intervista. Effettivamente sembra solo lo sfogo rancoroso di chi prima andava a braccetto e poi non più. Che sia stato scaricato o si sia autoescluso (a volte alcuni si autoescludono non presenziando alle altrui iniziative) non è dato di sapere. Escluderei che si tratti di una manovra elettorale, perchè chi si presenta a questo modo stizzoso non sarebbe eletto neppure nell'assemblea condominiale! Comunque, sbirciando sui social, l'assessora ha steso tutti elencando i nomi che hanno partecipato ai suoi progetti e tutte le espressioni di solidarietà. Roba tosta, altro che chiacchiere. Contestarlo significa ...rovinarsi...da soli, come è avvenuto.
 
 
#3 Pierino 2018-06-04 07:55
..il testo lo conosco...chiedevo lumi sulla definizione di "incendio boschivo", in altre parole io che non abito in prossimità di un bosco, posso o non posso accendere il mio forno a legna esterno?...per favore mi aiuti a fugare ogni dubbio...Grazie

La Redazione
Questo è quanto prevede l'art.2 della legge in questione, la 353/2000:
"L’art. 2 della legge definisce, per la prima volta cosa, cosa debba intendersi per incendio boschivo.
”Per incendio boschivo si intende un fuoco con suscettività ad espandersi su aree boscate, cespugliate o erborate, comprese eventuali strutture e infrastrutture antropizzate poste
all’interno delle predette aree, oppure su terreni coltivati o incolti e pascoli limitrofi a dette aree”.
Più di questo non possiamo aggiungere, se non quello di consigliarti, per dirimere ulteriori dubbi, di parlarne direttamente con i Carabinieri Forestali di Gioia del Colle.
Saluti.
 
 
#2 pulcinella 2018-06-03 19:20
Un grande editoriale in questo numero. Che ridimensiona e da una regolata a chi davvero si è autoconvinto di essere colto e di fare cultura. Ma và.
 
 
#1 Pierino 2018-06-03 17:03
Gentile redazione vorrei un chiarimento circa l'ordinanza del commissario per limitare i danni da incendi: premesso che abito in campagna, non vicino ad un bosco,ma ci sono cmq alberi,posso o non posso accendere il mio forno a legna?
Grazie per la risposta

La Redazione
L'ordinanza non è del Commissario ma dell'ex Giunta: "ORDINANZA SINDACALE N. 35/2018 Oggetto: Prevenzione incendi boschivi e di interfaccia ed obbligo di manutenzione delle aree incolte o abbandonate anno 2018".
In merito alla domanda se lo stesso è situato all'esterno dell'abitazione di residenza o di altro fabbricato, si rende necessario rispettare i contenuti della suindicata ordinanza con riferimento al punto 11, che recita:
"È fatto divieto durante il periodo di grave pericolosità di incendio, dal 1 giugno ed il 30 settembre 2018, in tutte le aree del territorio comunale a rischio di incendio boschivo (art. 2 della L. 353/2000) e/o immediatamente ad esse adiacenti:
· accendere fuochi di ogni genere;
· far brillare mine o usare esplosivi;
· usare apparecchi a fiamma o elettrici per tagliare metalli;
· usare motori (fatta eccezione per quelli impiegati per eseguire i lavori forestali autorizzati e non in contrasto con le PPMPF ed altre norme vigenti), fornelli o inceneritori che producano faville o brace;
· tenere in esercizio fornaci, forni a legna, discariche pubbliche e private incontrollate;
· fumare, gettare fiammiferi, sigari o sigarette accese e compiere ogni altra operazione che possa creare comunque pericolo immediato o mediato di incendio;
· esercitare attività pirotecnica, accendere fuochi d'artificio, lanciare razzi' di qualsiasi tipo e/o rnongolfiere di carta, meglio note come lanterne volanti dotate di fiamme libere, nonché altri
articoli pirotecnici;
· transitare e/o sostare con autoveicoli su viabilità non asfaltata all'interno di aree boscate;
· transitare con mezzi motorizzati fuori dalle strade statali, provinciali, comunali, private e vicinali, gravate dai servizi di pubblico passaggio, fatta eccezione per i mezzi di servizio e per le attività agrosilvo-pastorali nel rispetto delle norme e dei regolamenti vigenti;
· abbandonare rifiuti nei boschi e in discariche abusive."
Saluti
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI