LA BEGA DE LEONARDIS VS LONGO APPRODA IN PREFETTURA

Documento21

Come promesso nella sua precedente missiva il sindaco Piero Longo ha “girato” al Prefetto di Bari la richiesta di accertamenti, sottoscritta e protocollata dal consigliere Claudio De Leonardis, con l’invito a “voler porre in essere tutti gli accertamenti consentiti al fine di fare chiarezza sulla vicenda”, per “dimostrare incontrovertibilmente l’assoluta legittimità del suo operato”.

Una decisione che evidenzia la profondità della crepa “apertasi” nei loro rapporti, che, dopo questo ultimo passo e in assenza di ulteriori e terzi coinvolgimenti (lavoratori o sindacati), rischia di estendersi definitivamente, passando dalla sfera strettamente personale e amministrativa a quella esclusivamente politica.

Chi la spunterà?

L’orgoglioso primo cittadino, il puntiglioso consigliere De Leonardis o la speranzosa quanto ancora incredula coalizione di centrosinistra?

Di seguito la missiva preparata dal primo cittadino, anche se non è dato sapere quando e come sia stata inoltrata al Prefetto.

-------------------------------------------------------------

Ill.mo

Sig.  Prefetto

c/o Prefettura di Bari

P.zza Libertà, 1

70100 Bari

 

Oggetto: Nota prot.arrivo n.4831/Sindaco del 12.2.2010 a firma del consigliere comunale Claudio De Leonardis. Richiesta di accertamenti.

Ecc.mo Signor Prefetto,

la presente nella mia qualità di Sindaco del Comune di Gioia del Colle, per comunicarLe che in data 12.2.2010 mi è pervenuta, a firma del consigliere comunale del gruppo  “La Puglia prima di tutto” la nota in epigrafe indicata che allego alla presente.

lettera_1

Le rappresento sin d’ora la totale infondatezza della stessa, attesa la gratuità e la vaghezza delle affermazioni (rectius insinuazioni) ivi contenute e prive di alcun circostanziato riferimento.

Ed invero, a riprova dell’infondatezza e della gratuità delle affermazioni del consigliere, voglio a titolo esemplificativo evidenziare come con il personale della SPES il sottoscritto, dall’insediamento del Consiglio di Amministrazione non ha alcun rapporto, né contatto diretto, essendo la gestione del personale in capo a tale organo (Società per Azioni) e non in capo allo scrivente.

Voglio rilevare altresì, in materia di personale dipendente, come dal mio insediamento, in favore di questo, sono stati riconosciuti incentivi e gratificazioni senza distinzione di appartenenze e simpatie come raramente è accaduto nel passato, oltre ad aver sbloccato concorsi interni ed esterni “fermi” da periodi indeterminati e per quanto attiene la SPES, volevo sottolineare che lo scrivente ha voluto e ottenuto la trasformazione in tempo pieno da part time per i dipendenti della precitata società addetti alla manutenzione del verde.

Al contrario, preciso come con l’intero personale al servizio del Comune di lettera_2Gioia del Colle vi è un rapporto autentico basato sulla massima stima e collaborazione. Ciò è facilmente desumibile dal fatto che attualmente non sussiste alcuna tensione nel rapporto con i dipendenti, così come con i sindacati.

Inoltre, a smentire quanto riferito, in merito ad una asserita “sufficienza, arroganza e supponenza che mostra nei confronti di tutti quei cittadini che pensandola diversamente da lei si riconoscono in altre formazioni politiche”, mi preme sottolineare come il sottoscritto nella gestione del bene

Ad ogni buon conto, nella mia qualità, con la presente La invito a voler porre in essere tutti gli accertamenti a Lei consentiti al fine di fare chiarezza sulla vicenda e dimostrare incontrovertibilmente l’assoluta legittimità del mio operato.

RingraziandoLa anticipatamente per l’attenzione che vorrà rivolgere alla presente, Le porgo distinti saluti.

Gioia del Colle, 22/02/2010

Pietro LONGO

Sindaco di Gioia del Colle