Martedì 18 Giugno 2019
   
Text Size

CLAUDIO DE LEONARDIS “MINACCIA” IL SINDACO PIERO LONGO

lettera

elezioni-regionaliIn una lettera-denuncia, indirizzata al sindaco Piero Longo e al Segretario Generale, il Consigliere Comunale e Provinciale de “la Puglia Prima di tutto”, Claudio De Leonardis, con grande coraggio minaccia il ricorso al Prefetto e al Ministro degli Interni per informarli circa i comportamenti autoritari e arroganti assunti dal sindaco nei confronti del personale dipendente sia del comune che della Spes. Questo il testo integrale della lettera in questione che il consigliere ha protocollato, presso l'ufficio competente, nei giorni scorsi.

Egr. Sig. Sindaco di

Gioia del Colle

e, p.c.: Al Sig. Segretario Generale

Gioia del Colle

Le scrivo la presente per segnalare una situazione originatasi con il suo insediamento a sindaco di questa città e che invano ho sperato essere frutto delle solite maldicenze.

Dalla realtà purtroppo non si può sfuggire.

Mi riferisco in particolare allo stato di tensione che si respira nei corridoi di Palazzo San Domenico e della Spes, a motivo di un autoritarismo fuori tempo e fuori luogo con il quale gestisce i rapporti con il personale dipendente, ma anche la sufficienza, l’arroganza e la supponenza che mostra nei confronti di tutti quei cittadini che, pensandola diversamente da lei, si riconoscono in altre formazioni politiche.

lettera1

Al di là dei giudizi morali, questi atteggiamenti, non proprio consoni al ruolo istituzionale da lei ricoperto, che dovrebbe viceversa consigliarle una maggiore attenzione e capacità di ascolto, violano palesemente i più elementari principi di democrazia e non solo. Rammentandole che, in ogni caso e suo malgrado, ella è chiamato a rappresentare anche coloro che sono distanti anni luce dalle sue posizioni politiche e dal suo modo di interpretare e gestite la cosa pubblica, mi permetta di farle osservare che viviamo in uno Stato democratico nel quale è ancora garantita la libertà di pensiero e di espressione; uno Sato profondamente diverso da quello a cui, con tutta probabilità, nostalgicamente continua ad ispirarsi.

Pertanto, in qualità di cittadino, prima ancora di Consigliere Comunale, nel sollecitare una maggiore vigilanza da parte del Segretario Generale, nella sua qualità di Responsabile del Personale, al quale la presente è stata inviata per conoscenza, Le rivolgo formale invito perché cessino immediatamente i comportamenti denunciati, informandola che, ove gli stessi persistessero, sarò costretto a portarli all’attenzione del Sig. Prefetto, del Sig. Ministro degli Interni e di tutte le istituzioni interessate perché siano accertate eventuali violazioni di legge.

Cordiali saluti

Gioia del Colle, lì 12.02.2010

Claudio De Leonardis

Commenti  

 
#8 kekko 2010-06-29 02:26
vai così claudio, ti conosco dapprima che diventassi consigliere , umile rispettoso e sensibile alle problematiche dei cittadini. VOGLIO LUI COME SINDACO.
 
 
#7 gioiese 2010-02-18 03:51
...si ma poi non ci lamentiamo se sui manifesti scrivono tutto azzurro o se si mette il simbolo PDL. Il Consigliere(?) giustamente fa il gioco del prendi-voto vedremo il 29 Marzo.
Ma per me non è coincidenza elevare questi problemi adesso in campagna elettorale.
Come si vede anche il fatto delle strisce blu...alla riunione dei cittadini sarà presente.
 
 
#6 Un Cittadino 2010-02-17 23:23
Continuo a meravigliarmi di quanto riusciamo a scendere in basso e solcare le vie dell'ignoranza, che divaga tra noi cittadini. Solo un cieco potrebbe non pensare che questa "pubblicità occulta" è un semplice messaggio di inizio ostilità allo scopo di rastrellare qualche voto in più. Se si è a conoscenza di fatti che possano essere denunciti, si agisca immediatamente. Non voglio entrare nel merito dei comportamenti del Sindaco, ma sicuramente posso entrare nei comportamenti uno sbarbatello che continua ad inquinare la nostra città con i suoi manifesti, e non solo. Qualcuno direbbe "Chi è senza peccato scagli la prima pietra", ed allora mi chiedo quale rispetto delle regole della democrazie può chiedere chi non le rispetta affatto? Altrimenti siamo tutti leggittimati a denunciare pubblicamente cose note a tutti, come la provenienza dei voti del Signor De Leonardi, senza avere le prove, benchè tutti sanno. Vorrei chiedre a quest'altro paladino della nostra città: qual'è il prodotto dei suoi mandati per noi cittadini?
 
 
#5 enzo cuscito 2010-02-17 21:16
Non voglio credere ad una coincidenza voluta, anche se alle porte di una difficile campagna elettorale mi pare oltremodo legittimo. Tuttavia ho avuto modo, negli ultimi mesi, di conoscere Claudio e, pur essendo su posizioni politiche differenti, credo nella sua sincerità e onestà politica. La denuncia si basa su fatti reali e anche gravi. Basterebbe percorrere i corridoi del nostro Comune per prenderne atto. Non si amministra una città con la convinzione di avere tutto in pugno, le cose e le persone. Un Sindaco non dovrebbe mai dimenticare di essere alla pari di ogni suo concittadino. Un conto è l'autorevolezza, che in questo caso è carente, altro è l'autoritarismo (che invece abbonda). Al di la di una carica, di un grasso stipendio, di auto ed autista e di una fascia istituzionale sulle spalle, non si deve mai dimenticare di essere uno tra pari, uomo tra uomini. Qui sta la distinzione (come insegnava De Gasperi) tra un pseudopolitico e uno statista.
 
 
#4 il solista 2010-02-17 18:42
Ma come mai questa denuncia arriva proprio ora? Come mai De Leonardis che è consigliere da già due anni se ne accorge solo ora di questi comportamenti del sindaco che a quanto pare sussistono già da diverso tempo? A me pare solo e soltanto un ottimo biglietto da visita in vista delle regionali
 
 
#3 tantoper 2010-02-17 13:50
Ovviamente la coincidenza degli eventi (fatti e denuncia) lascia qualche sospetto sulle reali intenzioni di questa denuncia.
Vedremo quali saranno le conseguenze, e se il De Leonardis sarà in grado di passare ai fatti se la cosa dovesse degenerare.
Io ho i miei dubbi, perchè in queste circostanze "riescono" sempre, come e dove, "aggiustare" le cose.
E sapete bene chi poi continua a prenderla sempre nel ...
 
 
#2 peppe 2010-02-17 12:54
I manifesti ormai sono dappertutto, sotto gli occhi di tutti e per questo sono diventati pubblici. Questi comportamenti del sindaco denunciati dal consigliere De Leonardis, no. Bene ha fatto la redazione a pubblicare la lettera, caro gioiese, o in nome di una inesistente pubblicità occulta si vogliono chiudere, oltre alla bocca dei dipendenti anche "la voce di gioia". gioiese, non chiudere gli occhi anche dinanzi all'evidenza, aprili!!!!
 
 
#1 gioiese 2010-02-17 12:21
ma che significa questo???? è un modo per farsi esporre il suo manifesto politico per le elezioni? pubblicità occulta si chiama questa cara redazione!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.