CHIESTA ESENZIONE ICI ZONA INDUSTRIALE D/1

esenzione-ICI-D1

2_Senza-titolo-62E' mio dovere informare la cittadinanza della comunicazione fatta nel C.C. del 4 Febbraio 2010 relativo all'interpellanza presentata il 25 Gennaio 2010 relativa alla proposta di esenzione dal pagamento ICI nella zona industriale che sarà oggetto di discussione nel prossimo Consiglio Comunale (se sarà iscritta).

______________________________________________________________

Al Sig.Sindaco

Alla Giunta Comunale

Al Presidente del Consiglio

Al Segretario General   e

Al Dirigente UTC

Oggetto:   Proposta di esenzione pagamento ICI aree fabbricabili zona industriale D/1

Interpellanza consiliare ai sensi dell'art.34 del Regolamento sul funzionamento del C.C.

Premesso

che il Comune di Gioia del Colle, oltre che a realizzare in questi anni nella zona artigianale D/2 un Piano di Insediamenti Produttivi per consentire le attività a piccole e medie aziende, ha previsto con delibera n.91 del 20 Dicembre 1999 l'adozione di un Piano di Insediamenti Produttivi nella zona industriale (D/1), con l'obiettivo di dare adeguate risposte agli operatori economici, in un area fortemente strategica e contribuire al rilancio occupazionale del nostro territorio;

Considerato

che nonostante la volontà amministrativa, di agevolare i costi di esproprio delle aree nella zona industriale, pari a 5 euro al mq. per rendere appetibile gli investitori esterni al territorio, in questi dieci anni pur avviando il bando e perseguire azioni di marketing territoriale, non ci sono state richieste, a causa anche di assenza di infrastrutture e servizi connessi;

Constatato

che lo strumento urbanistico di attuazione del Piano di Insediamenti Produttivi nella zona industriale ha una validità di dieci anni e che è prossimo alla scadenza;

Rilevato che questa amministrazione prevede di avviare nel 2011, le procedure di un project-financing e/o studi di fattibilità per la realizzazione di eventuali insediamenti produttivi nella zona industriale;

Visto che il Comune di Gioia del Colle, attraverso lo strumento urbanistico di attuazione e il particellario di esproprio, ha di fatto vincolato le aree nella zona industriale e che i legittimi proprietari ad oggi sono costretti a pagare la tassa  ICI pur in presenza di limitate agevolazioni previste dal Regolamento comunale;

Constatato i giustificati ritardi sull'attuazione del Piano da parte dell'amministrazione e tenuto conto che nel corso dei dieci anni attraverso il pagamento ICI, da parte dei  proprietari hanno di fatto quasi raggiunto il valore reale delle aree oggetto di futuro esproprio.

Rilevato che nel Regolamento Comunale ICI, all'art. 22 comma 3-4 è prevista l'esenzione dal pagamento nelle zone F5/F6 ( verde pubblico ), mentre per quanto riguarda le aree tipizzate F1-F2-F3-F4 presenti nel tessuto urbano, sono esenti dalla tassazione fino al rilascio della concessione edilizia.

Io sottoscritto Tommaso Bradascio in qualità di Consigliere Comunale alla luce di quanto esposto.

INTERPELLO

il Sig. Sindaco al fine di prendere in esame tale proposta e di porre in essere allo scadere dei dieci anni dello strumento urbanistico attuativo PIP D/1, tutti gli atti propedeutici per l'estensione delle  agevolazioni previste nelle zone “F”, anche nelle zone “D1” e fino al rilascio della concessione edilizia, cosi come previsto dal Regolamento ICI all'art.22   e di modificare nella parte delle Entrate, il Bilancio di Previsione 2010 in corso di approvazione.

Gioia del Colle 25 Gennaio 2010

Tommaso Bradascio consigliere comunale