Martedì 14 Luglio 2020
   
Text Size

GIOIA: RITORNA LO SPETTRO DEL DISSOCIATORE MOLECOLARE

SPES-piano-industriale-pp

spes e dismo1Mentre diviene sempre più concreta la possibilità che Gioia sia designata capofila dell’A.R.O./5 (Ambiti di Raccolta Ottimale) e il sindaco Sergio Povia ne sia il presidente, il 29 gennaio il piano industriale della Spes viene presentato alla città (per scaricare Delibera clicca qui).

La gestione del bacino che riunisce Gioia, Acquaviva, Adelfia, Casamassima, Sammichele e Turi con i suoi 150.000 abitanti, consentirebbe a Povia di realizzare un suo sogno: ilciclo integrato dei rifiuti” progettato nel ’95, rievocando non più il temibile “termovalorizzatore” ma un più moderno e sostenibile (economicamente parlando), ma non meno pericoloso dissociatore molecolare (DISMO -http://www.la-piazza.it/giornale/06_2004/gioia/gioia01.htm).

Durante la presentazione del piano industriale della Spes il dottor Angelo Mancazzo, ad un anno esatto dal suo insediamento, tira le somme di un bilancio più che positivo per l’azienda che di recente ha ricevuto dal Comune il riconoscimento di crediti per oltre due milioni di euro.

dismo-gioia-del-colleOrganizzazione, pianificazione e controllo sono i vettori su cui l’azienda traccia le coordinate del futuro. Avendo raggiunto un punto di equilibrio finanziario possiamo progettare con più serenità. L’adozione del piano industriale, oltre a rientrare nei criteri prefissati di efficienza, efficacia ed economia, consentirà di produrre ricchezza.”

Dettagliatissimo e particolarmente articolato il piano industriale presentato dall’ingegner Giovanni Mummolo - ordinario della Facoltà di Ingegneria presso il Politecnico di Bari nonché primo presidente italiano della prestigiosa European Academy on Industrial Management - il quale, dati del 2011 alla mano, ha descritto quali diversi scenari potrebbero prospettarsi a seconda delle scelte “industriali” che si andranno ad operare.

Oggi la Spes ha al suo attivo 21 operatori e 3 autisti per spazzare 250 km di strade e tener pulita una città che ospita 5.400 famiglie e 320 attività tra cui 76 ristoranti, 57 bar e gli istituti scolastici.

spes e dismo2Nel 2012 (al 31.10.2012 dati ufficiali) la raccolta differenziata è stata del 22,08%, ogni tonnellata conferita in discarica costa alla comunità 7,5 euro. Dal 1° gennaio 2014 se non si raggiungerà il 40% dei rifiuti differenziati, il costo dell’eco-tassa salirà a 25,82 euro.

Per poter tener pulita la città oggi ogni gioiese “paga” in media 150 euro, con alcune delle innovazioni proposte nel piano si salirebbe a 174, con l’ecotassa imposta ai comuni non virtuosi nel 2014 si arriverebbe a 226,00 euro di tassazione pro-capite.

L’età media dei mezzi in uso è di 11 anni, uno risale al ’72, occorrono 4 minicompattatori e 3 grossi mezzi, tre con tre assi e uno con quattro. Il costo dello spazzamento si aggira intorno ai 600.000, 00 euro (9 operatori e 3 spazzatrici), si potrebbe meccanizzare il tutto con 10 operatori e 7 spazzatrici, oppure, terza ipotesi, 8 operatori con 3 spazzatrici non sette giorni su sette nelle zone periferiche. Per raggiungere l’obiettivo del 40% di raccolta differenziata domiciliare dovremmo salire a 46 unità, per raggiungere il 50% ne occorrono 57.”

porta-a-porta-raccolta-250“Occorre suddividere la città in tre tipologie di raccolta: per case singole nel centro storico, per condomini e villette residenziali. Con l’attuazione del piano - continua Mummolo - degli attuali 560 cassonetti ne resterebbero solo 150, contribuendo ad aumentare il decoro della città. La frazione organica sarà raccolta 4 volte a settimana, saranno distribuiti alle famiglie due secchielli, un sotto lavello forato ed uno da 25 litri con manico antirandagismo da porre fuori. Vetro e alluminio saranno ritirati una volta a settimana, ogni due settimane la carta. Si potrebbe anche attuare con successo una raccolta condominiale. I servizi accessori che incidono sul costo del conferimento sono la logistica, lo spazzamento e il centro comunale di raccolta. Per tenersi entro i 174 euro pro-capite di costo, il bilancio 2011 (4.300.000,00 euro) varierebbe di poco salendo a 4.900.000,00 di cui 2.600.000,00 per il personale, 900.000,00 per i mezzi ed il resto da destinarsi alle attrezzature. Si sta, inoltre, pensando di localizzare in zona artigianale una nuova sede per la Spes, nei paraggi del depuratore, per dotarla di spazi idonei e nuove strutture.”

“Si potrebbe anche disporre contenitori per la raccolta di plastica, carta e organico presso supermercati e centri commerciali. L’utente potrebbe “ricaricare” una carta magnetica ad ogni conferimento, spes e dismo poviautilizzandola per ottenere sconti o buoni spesa. Nei supermercati il 30% della merce organica finisce al macero e solo in parte, prima della scadenza, viene distribuita tra le associazioni di volontariato. L’adeguamento ai processi aziendali richiede una contabilità di centri di costo con reportistica ed informatizzazione, per avere la possibilità di incrociare i dati dei contribuenti. Occorre, infine una corretta comunicazione per sensibilizzare l’utenza e predisporre kit ed ecocalendari.”

Il sindaco Sergio Povia si sofferma sulla necessità di dotare la Spes di una nuova e più confortevole sede, dotata di ampi parcheggi, sala convegno per scolaresche, strade spaziose e un “biodigestore anaerobico” che trattando reflui organici cittadini potrebbe produrre biogas. Ricorda che il parco automezzi in uso fu acquistato nel ’97 e che oggi la loro manutenzione costa 90.000,00 euro annui, tanto da rendere più conveniente il ricorso al leasing.

spes e dismo5A Gioia da tempo si è fantasticato sulla mia vocazione a distruggere l’ambiente. Con il presidente del Consiglio Tommaso Bradascio abbiamo scoperto che presso il depuratore l’Acquedotto ha posto un sistema anaerobico, per intenderci si smaterializza la “cacca” per produrre biogas in una fossa profonda 12 metri. Abbiamo una grande opportunità con la programmazione del ciclo completo dei rifiuti, siero incluso. Con una programmazione sulla gestione economico - finanziaria possiamo garantire ulteriori forme di accesso e la Spes invece di essere un costo potrebbe rivelarsi una risorsa e con il biogas potremmo alimentare i mezzi, sempre se qualcuno non vorrà speculare sui problemi ambientali.”

E di problemi ambientali, nonostante le rassicurazioni del professor Cosimo D’Onghia, agronomo ed esperto in biomasse, ce ne sarebbero e non pochi.

Tutto ciò che è organico ha origine dalla fotosintesi e contiene molecole di carbonio, pertanto può essere usato per produrre metano. Le sostanze organiche sottoposte a scissione in molecole più semplici - afferma l’agronomo - in assenza di ossigeno vengono sottoposte ad una lama sangiorgio impianto refluifermentazione detta “digestione”, i batteri scindono i carboidrati in metano. Il biogas purificato ed inviato ad un motore (cogeneratore) produrrà energia e calore. Abbiamo usato carboidrati e li abbiamo trasformati in metano a costo zero per l’inquinamento.”

“Dal digestore, di vasca in vasca e in vari passaggi si arriva a scindere la parte liquida (liquido digestato da cui ricavare acque di spandimento con quantità limitate di nitrati, azoto ammoniacale e solfato ammonico) da quella solida (fanghi e ammendante) entrambe possono essere utilizzate nei campi per l’irrigazione o come concime. Il dissociatore molecolare produce diossine solo a temperature superiori a 600°. Un impianto che funzioni 8.000 ore l’anno - conclude D’Onghia - produce in media 880.000 Kw termici. Il gas prodotto prende il nome di syngas. Un impianto da 100 Kw costa dai 300.000,00 ai 500.000,00 euro, dieci mesi fa costava quasi il triplo, i costi si sono abbattuti perché alcune componenti fabbricate in Austria sono prodotte in Italia.”

______________

COS’E’ IL DISSOCIATORE MOLECOLARE – BIODIGESTORE

Abbiamo chiesto di illustrare gli eventuali rischi collegati all’impianto di dissociazione molecolare proposto dalla Spes a Roberto Cazzolla Gatti, docente di “Ecologia teoretica”, coordinatore per l’IUNC del Gruppo per l’adattamento ai mutamenti climatici, specializzatosi in Biodiversità e Servizi Ecosistemici in Germania.

Per produrre syngas si può operare a 500° ed avere un processo autotermico che utilizza ossigeno e metano, oppure un processo di reforming che inizialmente utilizza acqua, ma poi prevede una combustione con aria che elimina il metano. In ognuno dei due casi si utilizzano ossigeno, reagenti per abbattere il fumo nero ed un quantitativo spropositato d'acqua.”

“Le temperature di combustione dovrebbero limitare la produzione di diossina, ma il combustibile non è sempre caloricamente equivalente e quindi talvolta la temperatura scende e si hanno picchi di emissione aromatica (diossine, benzolo, etc.). Inoltre, sebbene le alte temperature (circa 400°/500°) garantiscano la riduzione delle diossine, favoriscono, invece, il tanto discusso problema della formazione di polveri sottili (<2,5 nm) che non vengono rilevate dagli strumenti attualmente in uso (neanche dall'ARPA) e sono altamente cancerogene e penetranti (teratogene e mutagene). Non esiste al momento alcun sistema per abbattere le nanopolveri.”

“Infine - continua il biologo - si producono scarti liquidi azotati che potrebbero dare problemi di eutrofizzazione. Per poter mantenere attivi questi impianti è necessario un approvvigionamento costante, giorno e notte, di sostanza comburente ad alto potere calorifico. Questo, come nel caso delle centrali a biogas per le biomasse, non può sempre avvenire per ragioni logistiche e quindi si ricorre alla combustione spesso di plastiche degli RSU ed oli a basso costo (tropicali, come quello di palma, ad altissimo impatto ambientale).

La digestione del "bio-scarto" (da cui biodigestione) dovrebbe simulare il naturale metabolismo della sostanza organica. In natura questo processo avviene per due vie: aerobica o anaerobica. La prima prevede l'utilizzo di ossigeno per scomporre le sostanze in forme chimiche semplici utili alla costruzione di materia organica nuova (tessuti, organi, etc.) e la produzione di elementi semplici di scarto (solitamente CO2, NOx, SOx). La seconda via, quella anaerobica, utilizza sostituti dell'ossigeno (ed avviene ad esempio in profondità nel suolo o nei bacini idrici) ad opera di batteri specializzati che utilizzano idrogeno solforato o metano, producendo scarti altamente ridotti (Nx, Sx, CH4).

Le due possibilità hanno dato vita ai due processi attualmente utilizzati nel trattamento dei rifiuti: il compostaggio - che a mio avviso è in assoluto la soluzione più ecosostenibile e meno pericolosa - e la biodigestione anaerobica.

Nessuna delle due vie prevede alcun tipo di combustione per cui non si formano sostanze chimiche chiamate eterocicliche aromatiche (come la diossina ad esempio).

Affinché si formi diossina sono necessarie alcune condizioni:

a) devono essere presenti nel flusso gassoso molecole di O2. La quantità generata aumenta proporzionalmente rispetto alla concentrazione di O2, con un ordine di reazione pari a circa 0,5;

b) si genera una quantità massima di PCDD/F (policloro-dibenzo-p-diossine) a 300-325°, mentre al di sotto dei 250° o al di sopra dei 450° se ne possono rilevare solo tracce;

c) deve essere presente il cloro (nei rifiuti organici, ovviamente c'è).

Bisogna ricordare che insieme alle diossine, in queste condizioni, vengono prodotti diversi altri composti (clorurati) come ad esempio benzolo (policlorurato), fenolo, naftalene e difenile.

Inoltre, è stato dimostrato che la formazione di PCDD/F (diossine ed altre sostanze aromatiche) è strettamente correlata con la gassificazione del carbonio a basse temperature. Anche questo fattore dipende dalla presenza di ossigeno e aumenta in rapporto alla concentrazione di O2 con un ordine di reazione pari a circa 0,5.”

Commenti  

 
#17 nico 2013-06-14 01:10
al sig. "Democrazia"

Uno dei freni di questo Bel Paese è costituito da chi fa opinione, parlando di fatti o situazioni "per sentito dire",non verificate, in assenza di ogni autonoma capacità critica o peggio perchè lo ha detto il suo Capo di Turno che capisce ... ma anche questa è "democrazia"
 
 
#16 nico 2013-06-14 00:51
"Il Lupo perde il pelo ma non il vizio."

Godiamoci questo illuminato sindaco che forse ci donerà un suo vecchio amore : UN nuovo INCENERITORE oggi chiamato "DISMO" i cui esperimenti presso la TERMOSUD sono TOP SECRET. Non si conosce cosa brucia, le emissioni di DIOSSINA, POLVERI SOTTILI ...le quantità e il tipo di di rifiuti; TUTTO SULLE NOSTRE TESTE. MA CHI CONTROLLA LE EMISSIONI? ....ILVA docet.
Grazie signor sindaco per i controlli che fai per il Tuo popolo .... bue
 
 
#15 DAParadiso 2013-02-08 12:42
Il secondo REFERENDUM lo promuoveremo contro l'eventuale insano progetto del sindaco e del suo inseparabile braccio destro: (responsabile degli appalti), colui che si muove, con passo felpato, negli ultimi piani di Palazzo S. Domenico.
 
 
#14 Pippo 2013-02-08 09:56
Quante inesattezzze di gente incompetente in materia!

La Redazione
Messaggio rivolto a chi? Qualche precisazione in più corredata dai tuoi dati esatti, no, vero?
Buona giornata
 
 
#13 Osservatore 2013-02-07 23:29
In Italia, soprattutto a Gioia del Colle, nessuno rende mai il conto del proprio operato, del proprio agire politico. Vicende come questa e come tutto l'operato di questa amministrazione consolidano questo convincimento.
Non mi riferisco ai conti con la giustizia, quelli prima o poi si è chiamati a regolarli, ma al rendiconto di scelte politiche adottate che dovrebbero presentare ai cittadini, quei cittadini che con il loro voto hanno permesso a questi signori di governarci.
 
 
#12 Veleno 2013-02-07 23:15
Me lo sentivo che tornava a sentirsi PUZZA di termoinceneritori! Occhio, Bradascio che nella zona del depuratore se si accende un fiammifero con quelle esalazioni vai a fuoco pure tu e tutte le revisioni, altro che SYNGAS! Ci manca solo che si torna a parlare pure di discarica di inerti, è il ciclo delle c....te di povia è completo:)
Una curiosità... come mai non ne ha parlato nessun altro di sta storia?
 
 
#11 Fermare povia 2013-02-07 21:35
E di grazia questa nuova idea dove troverá luogo? Cosa hanno fatto di male i gioiesi a Povia? Poi nessuno parla delle assunzioni part time in comune qualcuno vigila anche su questo?
 
 
#10 xy e z 2013-02-07 21:33
Se un giorno tutta la (...) che c'è in questo paese dovesse venire fuori svilupperebbe tanto BIOGAS da poter alimentare una centrale elettrica per secoli e magari eviteremmo anche di sottrarre terreno all'agricoltura. Quindi illustri signori (...) andatevene a (...) casa vostra.
 
 
#9 DAParadiso 2013-02-07 20:00
Purtroppo Gioia, per quanto riguarda l'atteggiamento del Sindaco Povia nei confronti della gestione rifiuti, ha un cattivo ricordo. La battaglia, per lui persa, di Montesannace. La sua logorroica loquela mira solo a svendere il sano territorio della nostra Gioia del Colle. Piuttosto, anzichè riempire le tasche ai trasportatori di rifiuti, si attivasse a portare la raccolta differenziata al 40% entro il 2014. Povia ha solo accennato ad una nuova sede per la SPES, però si è guardato bene di affermare che alla chetichella sta già preparando un progetto alla contrada PAVONCELLI. Povia come Berlusconi, si lamenta che vi sono troppe regole e leggi che gli impediscono di continuare a devastare il territorio. VIGILEREMO E CONTRASTEREMO!!. Maledetti appalti!!.
 
 
#8 vinci vito antonio 2013-02-07 18:25
x democrazia: penso che la Redazione abbia risposto in modo esaustivo.Aggiungo: certamente bisogna incenerire, ma soltanto i soli rifiuti che è impossibile riciclare. Quando saranno capaci di una raccolta differenziata degna di questo nome allora ne riparliamo. O bisogna far presto perchè all'orizzonte si profila un'altra opportunità, cioè un nuovo appalto?
 
 
#7 democrazia 2013-02-07 17:11
x vito vinci.
E' sacrosanto ciò che dici ma il problema dei rifiuti da tempo va affrontato. Non dimentichiamo che Nicola Barbera si è battuto per un inceneritore alla Termosud. Nel dibattito chi riteneva che avrebbe fatto danni chi invece riteneva che non avrebbe fatto nessun danno ma avrebbe creato occupazione o mantenuto il personale che prima fu messo in cassa integrazione poi licenziato. Di fatto comunque quel progetto è stato realizzato in Olanda pari pari, in una Nazione che conosciamo benissimo quanto è attaccata ai valori dell'ambiente, a dimostrazione di un rischio inesistente.

La Redazione
Nazione che al pari di altre in Europa e nel mondo è tornata sui propri passi. La verità bisogna dirla tutta, lo ripetiamo, non solo quella che conviene. E Povia, alla stregua dei suoi stessi sostenitori, dovrebbe saperlo, e non fare sempre finta di non curarsene.
Ecco cosa succede lì oggi: "In Olanda comunque la politica – oltre a porsi l'obiettivo di ridurre il conferimento in discarica di rifiuti recuperabili – è quella di bruciare sempre meno rifiuti a favore di prevenzione, riciclo e riuso (ad esempio mediante incentivi, come cauzioni e riconsegna presso i centri commerciali sul riutilizzo delle bottiglie di vetro e di plastica)".
Buona serata a tutti.
 
 
#6 vinci vito antonio 2013-02-07 15:40
Tutto ciò che brucia produce VELENO! Ricordiamocene.
 
 
#5 democrazia 2013-02-07 15:38
Tutto bene ... l'importante è che l'ufficio della Presidenza sia con finestra affacciata verso il depuratore.
Sono dispiaciuto per il personale che sarà dislocato in questa sede perchè evidentemente lo si vuole eliminare nel giro di pochi mesi.
 
 
#4 Paolo Da Pelo 2013-02-07 15:34
Usiamo i termini nel modo giusto: d.lgs. 133/2005 "è impianto di incenerimento: qualsiasi unità e attrezzatura tecnica, fissa o mobile, destinata al trattamento termico di rifiuti ai fini dello smaltimento, con o senza recupero del calore prodotto dalla combustione". E' UN INCENERITORE.
 
 
#3 Paolo Da Pelo 2013-02-07 14:57
Sono di Acquaviva delle Fonti, che fa parte del vostro stesso ARO. Acquaviva ha scelto una direzione diversa, quella della strategia Rifiuti Zero. Uniamoci in questa battaglia. Altro che dissociatore molecolare! Raccolta porta a porta spinta su tutto il territorio e Compostaggio! Diamoci una mano. Uniamo le forze.
 
 
#2 Silvio B. 2013-02-07 14:27
non gli bastano le zone F a povia mò vuole gestire pure i rifiuti. sergione, vedi che non abbiamo ancora dimenticato quello che hai combinato anni fa con i rifiuti quando eri sindaco, non te lo scordare anche tu ciò che è successo. il tuo saper fare si riferiva a questo? allora fai attenzione, potresti scivolare e andartene a casa prima del previsto, come quelli che hai fatto cadere per tornare a comandare e fare i fatti tuoi. grazie redazione per queste informazioni che ci servono. eccome che ci servono per capire come stanno le cose e da che parte sta spingendo la barca stò s...indaco.
 
 
#1 falce e martello 2013-02-07 13:56
se le cose stanno così, siamo messi proprio male. ora è tutto chiaro, Povia è tornato per completare i suoi progetti, e stoppini, come ha scritto più volte sul giornale la Piazza, aveva ragione ragioni da vendere su di lui, e questo articolo lo conferma. e bravo a Povia. come al solito ce la racconta diversamente per farci trovare davanti al fatto compiuto. ora anche prfesidente dell'ARO per mettercela in quel...... e aiutare tutti i suoi. ma non se ne può tornare nel paese in cui è nato così potrà realizzare di tutto e di più, ma a casa sua. e ca...
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.