Venerdì 06 Dicembre 2019
   
Text Size

LA S.F. NERI RISCHIA CHIUSURA. LAVORI NON COMPLETATI-foto

sf-neri-aula-lavori-non-completati-pp

sf neri aula lavoriNella mattina di oggi, su richiesta di alcuni genitori, sono intervenuti i Vigili del Fuoco del Distaccamento di Putignano per verificare l’agibilità del secondo piano dell’Istituto San Filippo Neri.

La scuola nei giorni scorsi è stata oggetto di un intervento progettato dall’U.T.C. del Comune a seguito della messa in sicurezza dei pannelli di cartongesso presenti in alcune classi del secondo piano.

Il 28 novembre 2012 il forte vento che causò tanti danni a Taranto, infiltrandosi nel controsoffitto creò vibrazioni tra i pannelli.

Il tetto dell’istituto lo scorso anno era stato, per altro, oggetto di ulteriori interventi di coibentazione e pulizia dei pluviali per evitare infiltrazioni.

La Dirigente Anna Grazia De Marzo chiese, pertanto, con urgenza una verifica da parte dell’U.T.C. che a sua volta ha incaricato una ditta di rimuovere l’intero controsoffitto per mettere in sicurezza la scuola.sf neri dopo i lavori

Durante i lavori iniziati prima di Natale e continuati in questi giorni alcune classi sono state spostate nei laboratori.

Il 7 gennaio, nonostante il tour de force da parte del personale addetto alle pulizie per accogliere gli alunni e i docenti, il piano superiore si presentava a “nudo” dei pannelli con le putrelle ben in vista e un cordolo non intonacato nella parte alta del soffitto.

I tempi stretti di consegna non hanno consentito di riposizionare a norma tutte le plafoniere per cui lo spettacolo che si è presentato agli occhi dei genitori li ha ulteriormente allarmati, tanto da non tener conto delle rassicurazioni del sindaco Sergio Povia, che riveste anche l’incarico di assessore ai Lavori pubblici e di responsabile della Sicurezza prontamente accorso insieme ai tecnici dell’U.T.C.

Il timore di allergie generate dalla polvere proveniente dalla parte di muro non intonacata e i fili a vista hanno determinato la decisione di chiedere un sopralluogo da parte dei Vigili del Fuoco che hanno dichiarato inagibile il piano superiore.sf neri lavori elettrici

Da ciò l’emergenza di garantire in tempi brevissimi sia il ripristino del controsoffitto che una adeguata collocazione delle classi restate senza aula.

La dirigente e il suo staff si sono prontamente attivati in tal senso, la De Marzo ha addirittura precorso i tempi inviando già in data 28 dicembre una richiesta al Comune per poter disporre dei locali in uso al Corpo forestale presso il plesso di via Eva, quanto mai strategici per evitare il doppio turno, da note del palazzo in fase di destinazione alla Caritas.

Abbiamo ritrovato il piano superiore a fine lavori, in condizioni disastrose… un vero cantiere. Dopo aver provveduto a far ripulire tutto, mi sono accertata - contattando i responsabili dell’sf neri ripristino luciU.T.C. e lo stesso sindaco - che la scuola fosse agibile e solo dopo aver ricevuto rassicurazioni in merito gli alunni sono saliti in aula. Alla luce di quanto disposto dalla verifica dei Vigili del Fuoco organizzeremo il tutto affinché il disagio arrecato alle famiglie e agli studenti sia minimo e garantendo quanto prima la ripresa delle lezioni”.

La dislocazione delle classi in altra sede non arrecherà pochi disagi a studenti e famiglie.

Resta da chiedersi perché i responsabili dell’Ufficio Tecnico abbiano ritenuto opportuno far rimuovere l’intera controsoffittatura prima di chiedere un parere preventivo di agibilità ai Vigili del Fuoco, senza per altro assicurarsi che la ditta incaricata completasse per tempo i lavori e comunque, ipotizzando il completamento degli stessi in altra data, perché non siano state prese le dovute precauzioni al fine di garantire la fruibilità dell’istituto che - va ricordato - è proprietà comunale.

Così come resta da chiedersi come mai sia stata avanzata l’ipotesi, da parte del sindaco, di completare i lavori a giugno, cioè a fine anno scolastico, per una presunta “mancanza di soldi” quando nel Programma triennale dei lavori pubblici per il 2013 sono previsti “50 mila euro per la manutenzione dellesf neri lavori soffitto scuole elementari”.

E se anche fosse, la somma occorrente la si potrebbe rilevare da un altro capitolo, inserito nello stesso Programma, inerente la “Manutenzione straordinaria dell’impianto semaforico di Via Fontanelle”, per il quale sono stati previsti ben 80 mila euro, non più necessari dopo la realizzazione degli attraversamenti pedonali rialzati (SPESI 17.319 EURO PER ATTRAVERSAMENTI NON A NORMA?).

Se c’è la volontà politica di far fronte ad una esigenza straordinaria, e si vuole salvaguardare l’incolumità di alunni, genitori, docenti e personale, le risorse si possono, si devono trovare a tutti i costi e subito, costi quello che costi.

Commenti  

 
#34 Solito lettore 2013-01-09 17:26
Mamma mia in che mani siamo caduti. E' questa è la nuova Amministrazione che dovrebbe proteggere i cittadini, ed altre istituzioni? Quante cose strane stanno accadendo! Ma non possiamo far nulla per cacciar via questi (...)?
Sì, perchè su Palazzo S. Domenico, mi sembra si sia inserita una compagnia teatrale.... E voi mamme di questo scampato pericolo, ringraziate S. Filippo Neri, che ha protetto i bambini. Tutte le volte che passo per andare alla COOP, mi fermo e gli faccio una preghiera, affinchè protegga la scuola e il ns. paese. Grazie Direzione.
 
 
#33 francesco 2013-01-09 16:51
...però c'è la fontana, la statua di San Filippo, mica possono pensare anche al sistema anti incendio o alle più elementari norme di sicurezza......
 
 
#32 Vittorio Scardicchio 2013-01-09 14:50
Dalla determina in merito noto che le ditte appaltatrici sono le solite. Perché non si fa la rotazione? Non pagano tutti le tasse per lavorare?
 
 
#31 Sonix 2013-01-09 13:47
Dopo tutto il casino montato ieri, questa mattina di fretta e furia viene pubblicata la determina di assegnazione lavori, con firma del dirigente dell'UTC in data 21 dicembre e invece del Segretario in data 31 dicembre, pubblicata solamente oggi ovvero dopo ben 11 giorni, strano vero?
Qualcosa non torna.

La Redazione
A direr il vero è spuntata anche quella riguardante il rinnovo alle segretarie personali del sindaco, del 28.12.2012, sollecitata dal consigliere Enzo Cuscito, e tanto altro ancora.
Buon appetito a tutti
 
 
#30 galuanna 2013-01-09 12:36
Avendo un passato di educatrice e quindi dopo aver lavorato moltissimi anni con i bambini, leggendo quanto è successo, rabbrividisco!
Ho ricordo di un Sindaco(Povia) molto accorto ai bisogni e alla salute dei bambini e stento a riconoscere questo comportamento, nel Sindaco di oggi. Come è possibile che lui abbia fatto sostare dei bambini in locali non idonei, mettendo in serio pericolo la loro incolumità? Non penso che il Sindaco sia una persona irresponsabile a tal punto di permettere che i bambini IGNARI, corressero un così grave pericolo?
Tirando le somme, io penso che la rete a cui Povia fa punto di riferimento e affidamento, NON HA FUNZIONATO!!! Voglia,a questo punto il Sindaco, rendersi conto che qualcuno dall'alto gli ha voluto molto bene, perchè, così come è stato commentato in precedenza, sarebbe bastato un pò di vento più forte e chissà quali sarebbero state le conseguenze (Io ne so qualcosa, purtroppo...). Sicuramente ora, per mettere in sicurezza bambini e personale docente e non, ci vorranno un bel pò di soldini, sarebbe cosa BUONA E GIUSTA che, se i personaggi della RETE (SIC), sono stati "premiati" finanziariamente (1000.0000 volte SIC!!! SOLDI NOSTRI), in uno scatto di dignità e come offerta votiva, li rendessero al Comune visto che a loro GLI E' ANDATA PROPRIO BENE!
Pertanto: SIA RINGRAZIATO IL CIELO!!!
P.S.
Evviva i nostri piccoli cittadini gioiesi, a loro un saluto ed un in bocca al lupo grande quanto il mare!!!
 
 
#29 Federico Curci 2013-01-09 10:33
Questa é la gente che hai votato...bravo gioiese...prima incassi i soldi del" voto promesso" e poi ti lamenti di coloro che hai votato....IMMAGINATE una tromba d'aria come quella che ha colpito taranto, cosa sarebbe successo ai nostri piccoli frequentatori della scuola S.Filippo? non oso immaginare....
 
 
#28 genitore arrabbiato 2013-01-09 09:29
Ho assistito ad una situazione vergognosa: sindaco,dirigenti,assessori,ingegneri e tutto il circo del comune erano daccordo sull'allarmismo inutile dei genitori. sono pronti a chiedere scusa ai piccoli cittadini di Gioia del Colle dopo il sopralluogo dei vigili del fuoco? che figuraccia che hanno fatto. ma come possiamo fidarci ancora di,loro se si sono preoccupati solo di coprire la loro faccia davanti ad un evidente scempio? hanno fatto finta di nulla per loro era tutto ok, pericoli inesistenti!!!!VERGOGNA!SI PREOCCUPANO DEI SOLDI DA SBORSARE PER L'INCOLUMITA' DEI NOSTRI FIGLI, MA CONTINUANO AD ASSUMERE PERSONALE AL COMUNE, FANNO BANDI PER DIRIGENTI E FUTURE ASSUNZIONI SONO ALLE PORTE. MA LA VERITA' QUAL'E'?
 
 
#27 Sirsi Fabio 2013-01-09 09:23
Buongiorno, cerco di rispondere alle sue domande.
Sicuramente l'organo più competente a stabilire l'agibilità della scuola è quello dei vigili del fuoco, ma bastava un pizzico di buon senso e la conoscenza tecnica per capire che quello che si è presentato il giorno 07.01 era uno scenario surreale. Io credo che tutti quelli dell'ufficio tecnico, compreso il Sindaco sapessero ma era dura ammettere un loro errore e la mancanza di controllo.
Relativamente all'asportazione di tutta la controsoffittatura, l'ing. Antonio Mancino mi ha fatto visionare alcune foto fatte da lui all'inizio dei lavori dove si evidenziava che su diversi pannelli in gesso si stavano staccando le piastre di fissaggio potendo provocare l'imminente cadute degli stessi pannelli. Operazione che ritengo giusta aver affrontato ed imprevista.
La direttrice supportata dal corpo docente doveva pretendere un parere esterno all'ufficio tecnico, così come è stato richiesto dalle mamme non accontentendosi di ciò che ritenevano i tecnici del Comune.Ricordo che a seguito delle mie affermazioni la direttrice riteneva giusta e valida la decisione del geom. Plantamura che era tutto in sicurezza non fidandosi del mio parere. Un minimo di dubbio doveva averlo e chiamare un organo esterno per farsi sostenere. I tecnici del Comune cosa potevano rispondere se non che era tutto in sicurezza, i proprietari sono loro, hanno scelto l'impresa, sono i direttori dei lavori e sono loro quelli che dovranno effettuare i pagamenti.
Nessuna polemica, ciò che ho voluto scrivere ieri sera è stato solo un'informativa dello stato di fatto che magari non tutti i genitori potevano capire in quanto non tecnici, come ritengo non lo sia il Sindaco pur avendo la carica anche di assessore ai lavori pubblici. Ho ritenuto che le persone idonee a tale argomentazione fossere i tecnici del Comune e non il Sindaco che credo non abbia alcun titolo tecnico per stabilire se la suola fosse in sicurezza o meno.
Ho esternato tutto ciò al geom. Plantamura e all'ing. Mancino nonchè ai vigili del fuoco dopo che le mamme mi avevano chiesto di evidenziare ciò che avevo riscontrato.
Adesso le faccio io una domanda, così come ho esternato io un mio parere davanti a tutti i genitori e al geom. Plantamura perchè non lo hanno fatto tanti altri ing. ben noti su Gioia e che portano i propri figli alla S.F. Neri pur essendo presenti ieri? Anzi mi hanno dato del folle a dichiarare che le plafoniere non fossero in sicurezza e che stavo fomentando solo preoccupazione delle mamme. Poi ognuno è libero di dire ciò che pensa e questo è il mio pensiero.

La Redazione
GRazie Inge Sirsi per gli ulteriori chiarimenti. Giriamo la sua richiesta ai professionisti presenti, non ha fatto i nomi ma capiranno, sperando accolgano il suo invito.
Buona giornata.
 
 
#26 SEMOLO 2013-01-09 09:17
La gente è troppo impegnata (vero o presunto che sia ). Mamme rampanti che non possono perdere tempo , stamattina era uno spettacolo vedere "mollare a volo" i bambini da dentro le auto . Tutti a scuola ! Senno' chi cavolo li tiene! Con questo andazzo hai voglia Povia personaggi vari a dormire sonni tranquilli.
Poi magari qualche mamma fara' una telefonata per sapere.....
 
 
#25 SEMOLO 2013-01-09 09:10
Le infiltrazioni sono dovute per caso alla installazione dei pannelli solari ?? Perchè oggi ci sono operai a smanettare proprio attorno ai pannelli ? Che ditta ha messo i pannelli ? Che ditta si occupa dell'antincendio ??
 
 
#24 SEMOLO 2013-01-09 07:35
Per un servizio piu' preciso la redazione dovrebbe chiarire a che ora di quale giorno sono state scattate quelle foto! Il lunedi i bambini sono entrati tutti REGOLARMENTE.
Se sono stati fatti entrare con una situazione simile QUALCHE TESTA ALLORA DOVREBBE CADERE. Non per un fatto politico ma per chiara incapacita' gestionale (forse malafede)
 
 
#23 SEMOLO 2013-01-09 07:29
Cioè la ditta che stava eseguendo i lavori ha lasciato per terra prolunghe , fili elettrici e se n'è andata? Dentro una scuola che doveva riaprire? Ma è regolare? A chi compete il controllo?

La Redazione
Quel materiale era di un elettricista chiamato con urgenza per fissare le plafoniere.
 
 
#22 Sirsi Fabio 2013-01-08 23:21
Nella mattinata odierna, in qualità di padre di un alunno e di ingegnere elettrico, allarmato da una rapp.te di circolo, ho voluto constatare personalmente lo stato di fatto dei lavori commissionati dal Comune e sospesi in data 04.01.13 in attesa di ulteriori fondi.Ho evidenziato immediatamente l'assoluta precarietà dei corpi illuminanti disposti nei corridoi e sostenuti con del filo di ferro.Non ci sono norme di sicurezza che permettono una tale situazione bensì esistono art. di costituzione, leggi, DLG e normative che prevedono l'installazione delle plafoniere con adeguati staffaggi e sistemi di sostegno in dotazione alle stesse plafoniere e prescritti dalla casa costruttrice, o sistemi analoghi nella funzionalità da impiegare anche per installazioni provvisorie.Molto probailmente era la soluzione più economica per l'impresa ma certamente la peggiore da un punto di vista della sicurezza.Oltre a ciò, parte dell'impianto antincendio é stato scollegato dall'impresa nonchè alcuni punti luce erano danneggiati ed accessibili ai bambini con conseguente pericolo di elettrocuzione.Le scuole con più di 100 persone sono considerati luoghi marci di tipo A con elevata densità di affollamento o elevato tempo di sfollamento in caso di incendio.Prima di eseguire l'asportazione totale della controsoffittatura in gesso probailmente era rispettata la classe del compartimento antincendio come da progetto.La sua asportazione, evidenziando a nudo sia le travi in ferro che i tavelloni in laterizio, sicuramente ha comportato una riduzione del grado REI che non risulta essere più idoneo alla classe del compartimento antincendio.Le strutture in metallo hanno una bassa resistenza al fuoco, a causa della loro elevata conducibilità termica.Per ristabilire il grado REI, le strutture metalliche devono essere protette da rivestimenti, da schermi tagliafuoco o da vernici intumescenti, mentre i tavelloni e i mattoni con un adeguato strato di intonaco, questi ultimi a volte possono essere preparati anche con materiali ignifughi (es. vermiculite) per aumentare la resistenza al fuoco.In alternativa ripristinare la controsoffittatura con materiale idoneo a garantire il grado REI originario. Per il geom. Plantamura e per il Sindaco si trattava di una situazione di fatto totalmente sicura!!!!!
Detto ciò spendo due parole in merito al comportamento della dirigente, che avete elogiato, in realtà già in data 07.01.13 doveva sospendere le attività didattiche e segnalare agli organi competenti ciò che hanno evidenziato oggi alcune mamme.Ad oggi la stessa non sapeva come giustificarsi e quale versione raccontare.I nostri figli hanno diritto allo studio per cui bisogna trovare una sistemazione urgente e una soluzione ai problemi causati da incompetenti sia nella gestione che nel controllo delle opere in fase di esecuzione.I fondi per le piante sono stati trovati e per la scuola?

La Redazione
Egr. ing. Sirsi, la ringraziamo per l'intervento a chiarimento. In questo caso però ci sono altre domande da porre. Perchè i nostri tecnici e politici si ostinano a dire che non c'è assolutamente rischio, nonostante il parere dei Vigili del Fuoco? Come mai è stata tolta tutta la controsoffittatura a sua tempo, si dice, posta in opera perchè non adeguata e pericolante? Il personale docente come poteva mettere in dubbio le assicurazioni dei tecnici comunali tra cui un assessore che opera nell'edilizia? Quindi nessun elogio, se non aver riportato i fatti. E a proposito di fatti. Possiamo farle una domanda, che non vuol essere una polemica? Queste sue argomentazioni, perchè non le ha esternate direttamente al sindaco, come ci è stato raccontato da alcuni presenti (genitori, dirigente, docenti e tecnici), quando lo stesso sindaco ha asserito che non c'erano rischi e quindi nulla di che preoccuparsi?
In attesa auguriamo una buona nottata, a tutti.
 
 
#21 Nino Romano 2013-01-08 23:00
L'Ufficio Tecnico? Beh, vabbè....
 
 
#20 massimo 2013-01-08 22:58
Haa dimenticavo sarebbe stato meglio mettere a posto la scuola. E non il palazzo municipale .tanto se cadeva gli cadeva il solaio addosso ai nostri politici forse (...) e non sui nostri figli.
 
 
#19 Massimo 2013-01-08 22:45
Ma io mi chiedo in tutta questa storia ma l ufficio tecnico a cosa serve? Non dovrebbe controllare i lavori che si svolgono??? Questa impresa che stava mettendo in opera i lavori non e' stata controllata come tutti i lavori che si fanno x il paese!!! Stanno li' solo x lo stipendio o quant altro come il nostro bel sindaco !!! Anziche sperperare soldi come lo fanno da anni ma x i loro interessi spendessero i nostri soldi realmente x il bene comune !!! (...)
 
 
#18 Legalitè 2013-01-08 22:01
Siamo alle comiche ora rispondono i dipendenti di Povia, la sig.ra Margaret Antonicelli farebbe il suo dovere stando zitta e il sindaco dopo questa ennesima farsa farebbe bene a dimettersi.
Continuo ad invocare l'intervento delle forze dell'ordine per fare chiarezza su tutto quello che sta accadendo anche a scuola.
Dov'è la determina di affidamento dei lavori? I Vigili del Fuoco l'hanno richiesta nel loro intervento?
 
 
#17 Lilli G. 2013-01-08 21:35
Ho visto l'assessore lenin masi che si è portata via in anticipo la figlia, si vede che il pericolo c'è e lui che è un tecnico lo sa, se no la lasciava a scuola, o no? Povia i suoi bambini li manderebbe? Non che la mazzini stia messa meglio....
 
 
#16 SEMOLO 2013-01-08 20:39
Si , organizziamo un presidio che porti a un tavolo di discussione dove le rappresentanti delle rappresentanti in concerto con gli incaricati degli amministratori facenti funzione possano dicutere ,discutere su ...discutere ...zzz..zz..zzzz.
DOMANI INVECE NON DEVE ENTRARE NESSUNO...punto
Quando la scuola è pronta allora ci facciano sapere !!!!!!!!!!!
 
 
#15 R.D.G 2013-01-08 20:36
Un'ultima notizia,su fb,si parla di scuola agibile e domani aperta regolarmente,quando noi genitori sappiamo vero il contrario...mi chiedo,perchè destabilizzare a tal punto???

La Redazione
Bella domanda. Bisognerebbe chiederlo a chi le scrive. I vigili del fuoco sono stati chiari, poi, se il sindaco si vuole assumere la responsabilità di determinate scelte è padronissimo di farlo, visto e considerato che ha nelle sue mani la delega assessorile ai lavori pubblici, oltre che la responsabilità della sicurezza cittadina. I responsabili dell'istituto non hanno alcuna colpa su quanto accaduto, anzi, si sono attivati più del dovuto per tentare di risolvere il problema.
Saluti e buona serata.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.