Giovedì 24 Settembre 2020
   
Text Size

ULTIM'ORA: TEAM VOLLEY JOHA CEDE TITOLO SERIE B1

team-joya-al-muro

Pur se “dimenticati” dalla dirigenza del Team Volley Gioia come Redazione di Gioianet e “la Piazza”, per la simpatia nei confronti dei tifosi e per l’amicizia del nostro ottimo e puntuale redattore Giuseppe Leronni, sentiamo di lanciare un invito a tutti i gioiesi e non: AIUTIAMO QUESTA REALTA’ SPORTIVA A SOPRAVVIVERE E CRESCERE! Devolviamo il costo di un caffè, un simbolico euro a testa alla società, invitiamo le aziende gioiesi a dare un contributo, fosse anche in “natura” produttiva, le istituzioni, sempre così pronte a raccogliere allori nei momenti di gloria, a elargire un reale contributo economico, e diamo l’esempio di come una società civile sa sostenere e fare “squadra” nei momenti di difficoltà. Forza Volley Gioia!

Donato Stoppini


Lettera-Cess-B1-a-societ-p

Commenti  

 
#12 Volley Ottimista 2011-06-16 15:25
Come fanno? Fanno quello che ha indicato stoppini, spesso si autotassano anche per portare avanti il loro progetto. E poi, la vogliamo smettere di pensare come fossimo tanti masochisti? Se una società ha ottenuto dei privilegi dobbiamo lottare per ottenerli anche noi non per azzerare quelli ottenuti da altri solo perchè non siamo stati considerati alla loro altezza. Un modo di pensare positivo da esportare in tutte le attività se veramente si vuole crescere come mentalità e città.
 
 
#11 PIPPO 2011-06-15 07:54
Possibile che la società che "regge le sorti del volley gioiese", che si chiami johoa,team volley o pinuccio capurso,abbia sempre bisogno di aiuti dalle istituzioni dai commercianti, addirittura dai liberi cittadini.Mi kiedo: ma le altre società sportive come fanno? eppure hanno anke loro problemi, inoltre pagano per disputare le gare nei palazzetti, cosa che la "prima squadra di gioia del colle" non fa...anzi penso ke li si paghi il biglietto per entrare a vedere "lo spettacolo". ....
 
 
#10 Donato Stoppini 2011-06-14 23:39
Chiedo scusa ma questo commento era finito nell'articolo successivo, quello delle precisazioni del presidente.
-----------
Certamente non è facile ma neanche tanto difficile da mettere in atto. Basterebbe che tutti i tifosi si coalizzassero in modo concreto, senza rivendicazioni di sorta rispetto a quello che erano e sono giustamente le loro aspettative. Con lo sguardo rivolto al presente, non al passato. Iniziando con il collaborare con la società aiutandola ad uscire da questa situazione, non ad affossarla, come si è fatto in questi ultimi anni. Non è certamente cambiando ogni anno la direzione che si risolvono i problemi economici, a meno che non si trovi uno sponsor così "altruista" da mettere mano al portafogli senza battere ciglio, in assenza di altri contributi. Quindi fare gruppo e cercare tutti insieme di trovare delle soluzioni che possano evitare la perdita, dopo tanti anni, di una vetrina così importante non solo per il paese ma per lo sport in generale e per il futuro sportivo per i giovanissimi, come ha dimostrato di saper fare il Dr Lippolis con il suo staff e tante altre società sportive locali, non solo di volley, che certamente non navigano nell'oro. E in tutto questo una mano la dovrebbe dare l'amministrazione comunale, perchè è suo preciso dovere sviluppare lo sport comunale con ogni mezzo, anche sollecitando o intermediando con la realtà produttiva locale, che non deve essere interpellata solo per organizzare feste e festicciole, siano esse religiose, culturali o politiche. Fare squadra, formare un gruppo coeso che abbia come unico scopo quello di far crescere a Gioia, e non solo a Gioia, la cultura sportiva e con essa quella sociale. Un modo come un altro per essere partecipi attivamente di un progetto che vada ben aldilà della semplice critica (a volte distruttiva) messa in atto negli ultimi tempi dalla tifoseria (non tutta fortunatamente) e da alcuni esponenti politici locali. Ma pura, semplice e spassionata partecipazione per salvare un "bene-diritto" collettivo quale può essere considerato lo SPORT, in questo caso il Volley Team Jòha. Un modo di fare ed interpretare la cultura sportiva valido ovviamente per tutte le altre discipline. Credere e crescere insieme, qualunque sia il risultato finale, partendo dal presupposto che nello sport si può vincere, è vero, ma anche perdere con dignità o dignitosamente. L'importante è sapere di aver dato e fatto tutto con lealtà e sincerità, oltre che con abnegazione e spirito costruttivo. E questo dovrebbe essere un principio valido in tutti i settori, non solo quello sportivo. Se attuato, cosa potrebbe esserci di meglio? Soffermatevi un attimo a pensarci e poi decidete sul da farsi.
Un saluto a tutti
 
 
#9 Volley Ottimista 2011-06-14 19:38
Che ne direste di una Associazione Temporanea di Esercenti? Alex li veste, Sabato li trasporta, Gemmati li calza e offre i palloni, il bar Grand Italia li disseta, un B&B li ospita gratuitamente se in trasferta e la Vecchia Gioia offre le pizze quando vincono? Con lo stipendio dell'assessore allo Sport (tanto non gli serve e a ben pensarci non serve neanche lui)si crea un fondo per l'ingaggio dei giocatori, che potrebbero allenare i "pulcini del volley" a turno facendosi pagare dai genitori. Io dico che funzionerebbe!!!Forza presidente, siamo tutti con voi. Io iscrivo subito mio figlio se me lo allenate!
 
 
#8 peppe56 2011-06-14 13:41
caro donato visto che hai lanciato la prima pietra, spiegaci quale e come sarà l'iniziativa per promuovere il contributo in sostegno per il ns volley, la gente sapra come fare?
 
 
#7 mo viene natale 2011-06-12 17:39
questa e la societa dei piccoli passi x creare le basi della pallavolo a gioia con scelte oculate su giovani promesse che avrebbero garantito la lungimiranza della volley,.?, che criticava la politica della passata societa? che a sua volta era anche essa sola e senza sponsor locali ma che disputava 4 a1 e 14 a2!!!!! quanto e durato ? 8 mesi ......... evviva la lungimiranza
 
 
#6 tifoso2 2011-06-12 06:11
sarebbe ora che le molte societa',che a gioia promuovono il volley,si uniscano almeno per realizzare una squadra che partecipi ad un campionato nazionale,cosi' anche le giovani promesse gioiesi avrebbero un obbiettivo da raggiungere.
 
 
#5 sandro 2011-06-11 21:44
figurati se il sindaco sta a pensare al futuro del volley. per ora ha altre castagne da tirare dal fuoco. e poi... con la crisi che c'è, se è vero che c'è, a suo dire ovviamente, non può contraddirsi dopo aver tolto il finanziamento a petali di pietra e alla festa federiciana, oppure non è così?
 
 
#4 Milly 2011-06-11 20:29
Possibile che a Gioia tutto debba essere così complicato?? Possibile che si permette ad una realtà così bella di sparire??? Non ho parole...
Solo amarezza...
 
 
#3 Tifoso 2011-06-11 17:30
Vediamo se c'è qualcuno a Gioia che ci tiene o ci tenevano tutti a vantarsi e fare le loro belle figure...noi poveri tifosi orfani di qualcosa che ci faceva appassionare ogni domenica...
RIBADISCO: CHE TRISTEZZA!
 
 
#2 niki68 2011-06-11 15:43
vediamo se ora l'unico presidente che dicono gli ultras si fa avanti
 
 
#1 Tifoso 2011-06-11 12:11
Che tristezza...
Può essere che a Gioia non ci sia nessuno disposto a mettere soldi per qualcosa di cui per anni ci siamo vantati di avere!?
Incomincio a pensare che siamo tutti spilorci!!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.