Giovedì 24 Settembre 2020
   
Text Size

CATENE UMANE PER CHIUDERE CON IL NUCLEARE

nucleare-catene-umane-pp

nucleare-catene-umaneVogliamo un’Italia senza nucleare! Vogliamo farlo sapere a chi vuole cancellare il referendum e rimandare i programmi atomici solo di qualche anno. Abbiamo l’occasione per farlo. Con diverse catene umane che sabato prossimo, 21 maggio, cingeranno altrettanti siti nucleari o in lista per diventarlo.

E’ importante far sentire che tutta l’Italia è unita nel volere un futuro senza nucleare. Far vedere quanto è forte la voglia di dire ‘no’ alle centrali atomiche. Dobbiamo muoverci tutti, portare amici e parenti, far girare l’appuntamento. Facciamo assaggiare ai nuclearisti un anticipo del referendum. Il grande successo del referendum regionale della Sardegna deve farci capire l'importanza storica di quenucleare_logo_referendumsta campagna referendaria.

SITI E PROGRAMMI

  • NARDO' (Lecce-Puglia)

La costa tra Manduria e Nardò è stata identificata fin dal 1979 come zona idonea ad ospitare un impianto nucleare. Nel 2008 il Comune di Nardò si è dichiarato “territorio denuclearizzato”, come molti altri territori nella regione Puglia.

Referente: Mimmo Giannuzzi; e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ; Tel. 080 521 2083; 3283597929

  • nucleare-striscioneSCANZANO IONICO (Matera-Basilicata)

Nel 2003 il Governo Berlusconi ha identificato Scanzano Ionico come luogo per la costruzione del deposito definitivo delle scorie nucleari italiane, con un processo decisionale che non ha visto il coinvolgimento delle autorità locali. La zona in realtà non è adatta per motivi geologici a tale deposito, e il progetto è stato abbandonato in seguito alle forti proteste della popolazione.

Appuntamento alle ore 15.00 in Piazza della Repubblica

Referente: Marco De Biase; Alessandro Ferri; e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ; Tel. 0971447541; 3204371306

  • cateneumanecontroilnucleareSALLUGGIA (Vercelli-Piemonte)

Nel comprensorio nucleare di Saluggia hanno sede l’ex impianto di riprocessamento Eurex-SO.G.I.N e il deposito nucleare Avogadro di combustibile irraggiato. In questo sito sono conservate 164 barre di combustibile nucleare provenienti dalle varie centrali Italiane, 230 m3 di scorie liquide e 5 kg di plutonio. Il tutto a breve distanza dalla Dora Baltea e dal Po in piena zona ad elevato rischio di alluvioni, come già successo nel 1994 e nel 2000. Nello stesso sito é stato inoltre da poco autorizzata la costruzione di due nuovi depositi nucleari.

Referente: Rossana Vallino; e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ; Tel. 392-9667324; 011-2215851

  • nucleare-in-biciCAORSO (Piacenza-Emilia Romagna)

La centrale nucleare di Caorso, entrata in funzione nel 1978 con 860 MW di potenza, è la più grande e più recente delle centrali nucleari italiane in funzione prima del referendum del 1987. Attualmente ospita ancora 8.700 fusti di rifiuti radioattivi di 1^ e 2^ categoria. È tra i siti più probabili per la costruzione di una nuova centrale nucleare.

Referente: Lorenzo Frattini; e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ; Tel. 051-241324; 348/2301239

  • 28099CHIOGGIA (Venezia-Veneto)

Il Veneto è una regione fortemente interessata dai progetti di costruzione di nuove centrali nucleari e dal deposito di rifiuti radioattivi. Chioggia è uno dei comuni di maggiore interesse per il ritorno dell’atomo, insieme a Legnago e la zona del delta del Po.

Referente: Oscar Mancini; Tel. 3356627027; 3405928393

  • nucleare-falsa-soluzione-ppMONTALTO DI CASTRO (Viterbo-Lazio)

22 maggio catena umana contro il nucleare a Montalto Marina (Lungomare Harmine). Concentramento ore 10.00 alla Foce del Fiora.

Il comitato Lazio organizza dei pullman che partiranno da Roma (app.to ore 8 metro Cipro). Costo circa 10 euro. Per adesioni comunicate al più presto nome, cognome e numero di cellulare al 347 2310122.

montaltocentrale-largeA Montalto di Castro era in costruzione la quinta centrale nucleare italiana con due reattori di 982MW di potenza. Il nuovo programma nucleare italiano potrebbe ripartire dal vecchio progetto di costruire qui due reattori. A Montalto è presente una delle centrali fotovoltaiche più grandi d’Europa.

Referente: Pieranna Falasca; e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ; Tel. 3381773810

  • TERMOLI (Campobasso-Molise)

Tra Termoli e Campomarino, presso la foce del fiume Biferno, è stata individuata una zona potenzialmente adatta ad ospitare una centrale nucleare. Appuntamento alle ore 15.30 sotto il Castello di Termoli.cartina_150_nucleare_2010

Referente: Simone Cretella; Tel. 329.43.43.334

  • PALMA DI MONTECHIARO (Agrigento-Sicilia)

La costa agrigentina nei pressi di Palma di Montechiaro è oggetto di studio per la localizzazione di una centrale nucleare, per la disponibilità di acqua e la relativa stabilità sismica della zona.

Referente: Tommaso Castronovo; Tel.091301663; 3295930946.

  • MONFALCONE (Gorizia-Friuli Venezia Giulia).
(Fonte: Fare Verde)

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.