Domenica 23 Febbraio 2020
   
Text Size

OSPEDALE: ANCHE DE LEONARDIS INTERROGA IL SINDACO

ospedale-paradiso

claudio_de_leonardisSulla vicenda Ospedale Paradiso, dopo Tommaso Bradascio e Mauro Mastrovito, entra in scena, contro la sua chiusura, anche il consigliere del Gruppo Misto Claudio De Leonardis. La sua è una entrata in punta di piedi, effettuata per tramite di una “Interrogazione Urgentepronto-soccorso2indirizzata al Presidente del Consiglio Comunale, Avv. Filippo Gianfranco Tisci, e al Sindaco Piero Longo.

Una missiva in cui, dopo aver riconfermato la “prevedibile e successiva chiusura del nosocomio”, sostiene che, "a parere del sottoscritto, non è stato fatto tutto il possibile per far riconsiderare, lo Stabilimento Ospedaliero di Gioia del Colle, come importante punto di riferimento per l’assistenza ospedaliera del nostro nosocomio".

Ragion per cui chiede “quali siano le iniziative che si vogliono intraprendere per evitare la chiusura”, e “se non si ritiene opportuno una nuova ed urgente convocazione del Consiglio Comunale per la discussione dell’argomento”.tisci-filippo

E fino ad oggi cosa si è fatto?

-----------------------------------------------------------------

AL PRESIDENTE CONSIGLIO COMUNE DI GIOIA DEL COLLE

Avv. Filippo Gianfranco Tisci

e, p.c. al SINDACO COMUNE DI GIOIA DEL COLLE

piero_longoDott. Pietro Longo

OGGETTO: INTERROGAZIONE URGENTE

Premesso che:

  1. Il piano di rientro della sanità della Regione Puglia ha previsto per lo Stabilimento Ospedaliero di Gioia del Colle una drastica riduzione a n. 32 posti letto.
  2. Con tale previsione è facilmente prevedibile la successiva chiusura del nosocomio.

Considerato che:

  1. A parere del sottoscritto non è stato fatto tutto il possibile per far riconsiderare lo Stabilimento Ospedaliero di Gioia del Colle come importante punto di riferimento per l’assistenza ospedaliera del nostro territorio.
  2. La precedente amministrazione comunale aveva deliberato all’unanimità una proposta, che a parere del sottoscritto ha a tutt’oggi la sua validità.

Per quanto sopra, si chiede alle SS.LL.:

  • Quali iniziative intendono intraprendere per evitare la chiusura dello Stabilimento Ospedaliero di Gioia del Colle.
  • Se non si ritiene opportuno, una nuova ed urgente convocazione del Consiglio Comunale, per la ridiscussione dell’argomento, da tenersi all’interno dello stesso Stabilimento Ospedaliero.
  • Se non si ritiene, procedere ad una preventiva consultazione con tutte le forze politiche, imprenditoriali, sociali, sindacali e del volontariato presenti nel nostro Comune per concordare una proposta unitaria da sottoporre, dopo l’approvazione del Consiglio Comunale, alla Regione Puglia.

In attesa di urgente riscontro, si porgono distinti saluti.

Gioia del Colle, 28/12/2010

Claudio De Leonardis (Consigliere Comunale)

Commenti  

 
#23 Donato Stoppini 2011-01-01 14:28
Scusate se mi intrometto.
Razionalizzare le risorse economiche a disposizione significa anche investire nelle strutture esistenti non chiuderle per realizzarne delle altre. E' questa l'anomalia tutta italiana. Cioè a dire investire nella tecnologia al passo con i tempi, nelle risorse umane disponibili con continui corsi di formazione. Oppure investire nella prevenzione, di cui si parla tanto ma in cui si fa e di cui si conosce poco, programmando screening obbligatori per tutti i cittadini a scadenze ben precisate, così come fanno tante aziende con i loro dipendenti, eliminando i punti di intoppo determinati da interessi personal-politici che nulla hanno a che fare con la sanità e il diritto alla salute. Informando continuamente i cittadini-pazienti sulle novità in campo clinico-sanitario e sulle nuove metodologie, frutto della ricerca che deve essere incentivata e ampliata non affossata. E così via.
Solo così avremo una sanità al passo con i tempi e sicuramente meno costosa di oggi ma più efficiente oltre che efficace. Ma questi nostri politici più che a questo pensano a comparire sui mass media o a donare pinocchi a sinistra e a destra. La loro miopia politica e imprenditoriale è così evidente che rasenta, a volte, il ridicolo, a meno che tutto ciò non vada ad intersecarsi con i loro interessi, lì, si dà il caso, gli stessi interessi diventano improvvisamente lungimiranti... a discapito dei loro nasi sempre più pinocchieschi.
Tanti auguri e saluti a tutti.
 
 
#22 VALENTINO 2011-01-01 14:05
E chi parla di chiusura!
Razionalizzare le risorse economiche a disposizione non sprecarle!
Spero di essere stato chiaro!
Ma come facciamo a razionalizzare se prima non informiamo i cittadini del quantum oggetto dello spreco?
Se conoscessero le cifre scenderebbero in piazza!(ma i politici spontaneamente non le diranno mai dobbiamo lottare per saperle).
 
 
#21 noncicredopiù 2011-01-01 13:37
ogni fine d'anno dovremmo chiudere tutto, ferrovie italiane, areoporti, autolinee, non solo la gioia-spinazzola-rocchetta. così come fanno i negozianti. ma per favore VALENTINO, pensa positivo. pensa che fortunatamente non c'è stata una tragedia, che quei passaggi a livello andrebbero aboliti e sostituiti, che gli abitanti di quelle zone, nostri connazionali e corregionali, non meritano siffatte tratte ferroviarie. siamo nel 2011 non nel medioevo. miglioriamo le linee di trasporto, altro che taxi o ponte sullo stretto. Buon anno a tutti e un grazie alla redazione per il messaggio augurale che contraccambio.
 
 
#20 VALENTINO 2011-01-01 13:14
Vediamo un altro esempio di spreco:
linea ferroviaria spinazzola-altamura -santeramo - n.1 passeggero al giorno -
Spenderemmo meno se lo andassimo a prendere in taxi!
Cosa centra con l'Ospedale? Centra, centra.
 
 
#19 LUIGI 2010-12-31 19:56
Grazie NICHI ,per l'ospedale ,l'accisa sulla benzina ,il ticket e altro GRAZIE nichi grazie grandieri grazie arci grazie a tutti
 
 
#18 Donato Stoppini 2010-12-31 19:41
In questa vicenda la chiusura dell'ospedale non ha niente a che vedere con il federalismo di cui non c'è ancora nulla di certo, e il solo pensare che qualcuno si sia preoccupato di questa evenienza mi mette i... brividi, soprattutto se si considera che questi conti se li è posti ancor prima che si parlasse di questa eventualità, a meno che non si vogliano mettere i carri davanti ai buoi per ammorbidire la posizione di qualcuno che ad oggi non ha fatto assolutamente nulla, se non parlare e promettere a vanvera, anche ai suoi stessi sostenitori politici.
In quanto alle azioni da mettere in atto, con o senza riferimento a chi abbia fatto qualcosa per cercare di sollevare il problema, e nel suo piccolo partecipare anche alla soluzione del problema stesso, come già accennato in altre occasioni, credo che sia stato fatto di tutto per rendere vane queste azioni proprio da quei personaggi che oggi dicono, sempre a parole, di voler salvare il paradiso, compreso chi li difende. Se proprio si vogliono mettere in atto questi propositi che lo si faccia alla luce del sole, non a mezzanotte, brindando pure, perchè, come ha scritto un altro commentatore, a queste azioni non ci crede più nessuno, sanno solo di propaganda, e il prof. Giannini ne dovrebbe sapere qualcosa, visto che ritiene di essere stato boicottato o bypassato. Quindi, anzichè giudicare o criticare chi si permette di insinuare quanto fatto fino ad oggi dai nostri politici, diamo il buon esempio rimuovendo quel muro di omertà (nickname) che tanto critichiamo negli altri ma che comunque si utilizza per additarli. Troppo comodo agire in questo modo. Un po' di coerenza, ogni tanto, non guasterebbe, perchè continuare a lanciare le pietre verso la parte avversa per poi nascondere le mani?
Un saluto a tutti.
 
 
#17 MGS 2010-12-31 18:02
Quoto l'affermazione di Valentino. Con il federalismo, con quanto stà avvenendo, l'assistenza sanitaria per il nostro Territorio corre pericoli affatto teorici! Invito i lettori a consultare anche quanto affermato ed auspicato dal Prof. Giannini al seguente indirizzo: http://www.gioiadelcolle.info/2010/12/31/il-sindaco-di-gioia-e-loperazione-capodanno-in-ospedale-i/
 
 
#16 MGS 2010-12-31 17:51
Perchè solo criticare, attaccare e mettere una questione tanto importante e delicata solo sul piano di aspri giudizi? E' un modo di dimostrare che "fà fine e non impegna"? Qualcuno si è domandato se, semmai, non sarebbe il caso di dare maggiore forza ad un'azione di difesa dell'ospedale, con una maggiore partecipazione, se non questa notte magari nei giorni a venire? Se l'azione di protesta del Sindaco è partita successivamente ad azioni scellerate e politicizzate ad altri livelli, si è proprio sicuri che non possa o non debba sortire effetti? Quanti dei nostri concittadini criticano ciò che, bene o male, viene fatto da chicchessia, hanno mai avuto un effettivo atteggiamento propositivo e/o partecipativo per difendere un bene comune? Si sono impegnati materialmente? Su questo dovrebbe fondarsi la sensibilità civile: porre le basi di difesa per gli altri, anche se una qualsiasi azione può personalmente risultare superflua o soggettivamente inutile. Normalmente si chiama solidarietà. Quindi, seppure qualcuno non avrà mai l'intenzione di curarsi nel "Paradiso", deve preoccuparsi che altri potrebbero in fututro averne bisogno. Si può anche non essere concordi su un concetto, ma questo non autorizza alcuno ad usare sempre e solo la "mannaia", se si considera che l'Ospedale è a disposizione di tutti, e che non tutti potrebbero essere d'accordo con chi lo vuole chiuso! Oltre tutto, chiunque un bel giorno, inaspettatamente e per gli strani casi del destino, potrebbe averne bisogno! Fare la lotta ai singoli che, comunque, questa notte inizieranno una protesta non mi pare che sia il migliore esempio di difesa civica di un bene comune. Tanti auguri per un futuro pieno di salute e tanta fortuna, casomai qualcuno si ammalasse, di trovare sempre un ospedale vicino e di fare in tempo ad arrivarci; e l'auspicio che i nostri politici locali, insieme a tutta la cittadinanza di buona volontà e le associazioni abbiano solo iniziato la loro azione e che non cedano neanche di un millimetro! Non abbiamo il diritto di negare il futuro ai nostri figli!
 
 
#15 VALENTINO 2010-12-31 17:16
DIMENTICAVO X noncicredopiù
Con il federalismo l'imposizione sarà tutta a "valle".
Auguri!
 
 
#14 noncicredopiù 2010-12-31 16:07
amaramente o alla faccia di qualcuno. comunque brinderà, con lo spumante o lo champagne, con il vino primitivo nostrano o con le bollicine dei fratelli berlucchi. ma per favore, per lui tutto finisce a tarallucci, vino, brindisi, baci e abbracci. dopo i nonnini centenari, i devoti di san filippo, ora anche con chi non ne ce la fa più. e basta, non se ne può proprio più. se proprio deve protestare, seriamente, e per essere credibile, si mettesse in testa ai cittadini, e li inviti a fare altrettanto, occupando strade, autostrade, ospedale, gridando il suo disappunto sotto la regione, la provincia, ma non così perchè diventa ridicolo lui così come il problema della chiusura del nostro ospedale. in questo modo lo sminuisce e ci avvilisce ulteriormente.
 
 
#13 peppe 2010-12-31 15:39
con chi brinderà? con i suoi fedelissimi guardiani dell'ospedale o del palazzo, tanto sono sempre gli stessi, magari con la capa della croce rossa, già responsabile del pdl, ex consigliere, vicesindaco mancata, che mischia spesso e volentieri volontariato e politica. o ci saranno sempre i soliti noti, i consiglieri cucciolotti di san filippo già o ex pierosantosubito, attorniati dai bravi che hanno messo le radici nelle stanze dai bottoni facili del già comune, già spes, già ormai ex ospedale. certamente ci saranno tutti i suoi fans meno che gli ammalati oggi ex pazienti, quelli ormai si contano sulle dita di sei mani e mezza..32... e a cosa brinderanno. al nuovo anno, ai debiti del comune, alla chiusura dell'ospedale prevista per il 2011 o alla promozione per questo lieto evento di qualcuno degli intoccabili dell'ex ospedale...
 
 
#12 Antonio N. 2010-12-31 14:50
il Sindaco Longo ad antenna sud dice che brinderà amaramente questa sera alle 0.00 presso il Paradiso di Gioia del Colle per protesta.Appuntamento in ospedale!!
 
 
#11 noncicredopiù 2010-12-29 20:43
guarda che l'imposizione c'è a monte, non a valle. e non sarà certamente il mantenere aperto l'ospedale gioiese che manderà in rovina la sanità pugliese. i risparmi, se di risparmi si tratta, bisognerebbe trovarli altrove, nella riduzione degli inutili manager nella sanità, dei politici e dei loro stipendi e di tutti i loro benefit, nella eliminazione delle province, delle comunità montane, e così via. i diritti fondamentali sanciti dalla costituzione dovrebbero essere i primi ad avere una copertura finanziaria, non il contrario. ogni tanto cerchiamo di aprire i nostri occhi prima di farli chiudere agli altri, solo per partito preso, se poi non ti va l'idea di avere un ospedale a gioia solo perchè non ci metterai mai piede posso solo dirti che nessuno ti obbliga ad entrarci, ma per favore lascia che rimanga lì dov'è, ma funzionante, per chi lo vorrà.
 
 
#10 VALENTINO 2010-12-29 19:55
risposta x noncicredopiù
un diritto politico senza soldi come si realizza?
E come dire uno Stato/Nazione senza imposizione fiscale!
 
 
#9 noncicredopiù 2010-12-29 18:43
questa del consigliere De Leonardis è la stessa storia dei parcheggi a pagamento che si ripete applicata all'ospedale. prima e dopo l'interrogazione il nulla più assoluto. e poi il papà, parte in causa di questa disatrosa situazione, cosa gli ha consigliato, visti i suoi trascorsi politici e professionali all'interno di Forza Italia e del paradiso, la sua successiva promozione con la carica assunta all'interno dell'asl bari-gioia, e oggi della puglia prima di tutto di Raffaele Fitto? è consenziente.
risposta x VALENTINO
qui non è questione di costi ma di un diritto politico alla salute che si è sbilanciato a favore di putignano, nonostante i numeri siano a nostro favore. e i nostri amministratori... volutamente, dormono!!!
 
 
#8 VALENTINO 2010-12-29 17:50
Domanda:
Quanto costa alla comunità il nostro Ospedale?
Quanto spendiamo per il personale,riscaldamento,manutenzione,etc.etc.
Dopo incominciamo a parlare!
 
 
#7 checca 2010-12-29 16:34
mi sembra un pò tardi, consigliere De Leonardis, fino ad ora dov'è stato?
E' molto semplice scaricare le responsabilità sul Sindaco, bisogna avere il coraggio civico e morale di assumersi le responsabilità e di far capire alla gente da che parte stà. Forse è più comodo avere un piede in due scarpe (a buon intenditor poche parole)!
 
 
#6 pinco 2010-12-29 16:24
caro consigliere De Leonardis le risposte ai suoi interrogativi perchè non le chieda a colui che ha fondato la lista "la Puglia Prima di Tutto" cioè l'onerevole Raffaele Fitto, poi al Dr. De Leonardis e poi infine, visto che Lei è all'opposizione lo chieda al Presidente Vendola o agli amici del Governatore con i quali siede in aula consiliare.
 
 
#5 lupoalberto 2010-12-29 16:07
se effettivamente la cosa così andrà, allora a Palazzo S.Domenico nessuno più si siederà!
 
 
#4 lupoalberto 2010-12-29 16:05
chiuderanno l'ospedale? bravi politici gioiesi quante promesse vane fatte in campagna elettorale!!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.