Domenica 19 Gennaio 2020
   
Text Size

“IL SINDACO FAREBBE A MENO DI CONSIGLIO E GIUNTA”

claudio-de-leonardis.png-pp

puglia-prima-di-tuttoLo afferma il Consigliere Claudio De Leonardis in un comunicato, pervenutoci dalla segreteria della “Puglia prima di tutto”, preparato in risposta a quanto affermato dal primo cittadino, Piero Longo, sulla necessità o meno, da parte delle forze di minoranza, di ricorrere all’utilizzo delle auto convocazioni.piero_longo

“La Gazzetta del Mezzogiorno di mercoledì 24 novembre 2010 riporta le dichiarazioni del Sindaco di Gioia del Colle Piero Longo secondo il quale “le autoconvocazioni dell’opposizione consiliare hanno il solo fine di sfasciare tutto e far perdere soldi ai contribuenti”.

"Curiose le dichiarazioni del Sindaco Longo sulle autoconvocazioni come spreco di denaro dei contribclaudio-de-leonardisuenti. Il suo passato, in effetti, lo porterebbe a fare volentieri a meno del Consiglio e della stessa Giunta. In ogni caso forse farebbe meglio a riflettere sulle decisioni della sua Amministrazione quando, solo per citarne l'ultima, avalla la stima di un suolo indicato per l'area mercatale ben al di sopra di quello reale di mercato, addirittura superiore alla stima dell'Ufficio Tecnico Erariale. Questo è spreco di denaro pubblico, non quello occorrente per l'esercizio della democrazia”.

(Comunicato Stampa - La Puglia prima di tutto)

Commenti  

 
#2 pazza gioia 2010-11-29 15:02
povero Claudio
 
 
#1 Libero 2010-11-27 23:13
Senti chi parla di spreco, forse il ragazzo deve rileggere la Gazzetta Ufficiale del 19 settembre 1993 per ricordarsi qualcosa!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.