Lunedì 14 Ottobre 2019
   
Text Size

SCIOGLIERE IL CONSIGLIO COMUNALE E… “TUTTI A CASA!”

consiglio-comunale-pp

aula-consiliare-gioiaPartendo dalla problematica dell’“Area Mercatale” Sinistra Ecologia e Libertà, andando contro tutto e tutti, fa una proposta shock, quella di invitare tutti i consiglieri comunali ad andare a casa, che certamente farà rizzare i capelli a più di uno di loro, sia esso di maggioranza che di opposizione. Una proposta, consegnata alla nostra redazione, che provvediamo a pubblicare integralmente.

----------------------------------------------------

TUTTI A CASA!

Sinistra Ecologia e Libertà per lo scioglimento del Consiglio Comunale di Gioia del Colle.

sinistra_e-libertaSEL ribadisce la sua totale contrarietà al progetto dell’area mercatale adottato dall’Amministrazione Comunale, in quanto ritiene il disegno complessivo una grande speculazione edilizia e finanziaria.

Se SEL fosse stata presente in Consiglio Comunale avrebbe chiesto la revoca della delibera di C.C. n.64 dell’1.12.2008 (“Approvazione Piano delle Alienazioni e Valorizzazione Immobiliare”), in quanto con tale delibera, decidendo di vendere il mercato coperto, si dà il via all’intera operazione dell’area mercatale.

A differenza di quanto fatto dai gruppi di opposizione con la loro richiesta di autoconvocazione, in cui si chiede la revoca della delibera di C.C. n. 172, revoca che di fatto non prevede l’annullamento del progetto stesso.

Pertanto riteniamo inutile e dannoso il manifesto pubblicato dai partiti di opposizione presenti in Consiglio Comunale perché, definendo “utile per la città” l’area mercatale, di fatto si avvalla il progetto stesso, fondato su atti illegittimi e illegali (assenza di bandi pubblici, incarichi dati con criteri sconosciuti, variazioni di studi di fattibilità).

municipio_gioia_del_colleNoi, invece, siamo per il mantenimento e il miglioramento del mercato coperto di via Regina Elena attraverso la creazione di una filiera corta tra produttore e consumatore, e proponiamo l’apertura di mercati zonali che consentano ai cittadini di avere nel loro quartiere tutti i servizi.

Alla luce di tutto ciò, SEL chiede all’Amministrazione Comunale di revocare immediatamente il progetto dell’area mercatale e denuncia l’inadeguatezza dei consiglieri comunali di opposizione, incapaci di svolgere il loro ruolo di alternativa alla maggioranza.

È un danno enorme e non più sopportabile per la città questa situazione di consociativismo permanente; pertanto chiediamo ai singoli consiglieri comunali di opposizione di essere i primi protagonisti per lo scioglimento immediato del Consiglio Comunale, attraverso la raccolta delle firme.

Commenti  

 
#10 Il giacobino 2010-10-30 18:38
Per fortuna io ne ho ancora un in funzione, voi vi siete fusi del tutto. Addio
 
 
#9 Antonio Giuseppe Grandieri 2010-10-30 18:30
Spero che il buonsenso torni ad illuminare chi oggi rappresenta l'opposizione in consiglio comunale e faccia propia la nostra richiesta di raccogliere le firme per far cadere questa amministrazione o tra non molto ci sarà una nuova Taranto solo che questa volta si chiamerà gioia del colle....
In oltre chiedo gentilmente ,se non vi crea troppo imbarazzo o vergogna, di utilizzate dei nomi reali e non inventati,abbiate il coraggio di metterci la faccia così come fanno molti altri, Antonio Giuseppe Grandieri ( sel gioia)
 
 
#8 rocco bellino 2010-10-29 19:44
x il giacobino
le catene servono per bloccare quell'unico neurone libero che ti fa sparare queste cavolate
 
 
#7 Il giacobino 2010-10-29 18:15
Per il signor Rocco. Quando inizieremo a sentire il tintinnio delle "catene"(MODERATO) vedremo se sono ca@@te o meno? Buona fortuna.
 
 
#6 francesco 2010-10-29 17:49
bene, avanti così a fare vera opposizione...
 
 
#5 rocco bellino 2010-10-29 16:30
x il giacobino
ma chi ti racconta queste ca@@ate? hai letto i bilanci del comune? prima di sparare cavolate informati
 
 
#4 Il giacobino 2010-10-28 21:28
L’oro di Gioia
La nostra città vive tempi oscuri,
il bilancio comunale sta per andare in tilt: si stanno aprendo crepe nei capitoli di spesa, non si conosce l’introito della vendita dei beni di famiglia, né si capisce ancora chi incassa gli utili dei mercati e mercatini, né che fine farà la Spes.
Però si inizia a intuire qual è il denaro che si sta sperperando, dato che i comandanti stanno raschiando il barile di quello che non è il pozzo di S. Patrizio. Difatti, per quello che si sta dissipando si rischia per davvero il dissesto finanziario, pericolo del quale nessuno se ne rende conto, perché ben occultato da feste e festicciole, dalla realizzazione di panche e monumenti opere che vorremmo capire se so’ tutte importanti. Povera Gioia, in mano di chi sta! Di te non gliene frega nulla a nessuno: ti stanno facendo morire per far divertire qualcuno.
Il giacobino
 
 
#3 paolo 2010-10-28 01:57
Cari sinistri imparate a rispettare il prossimo.
 
 
#2 echisenefrega 2010-10-27 23:20
Ma quanto sono bravi quelli di Sel!
Continuate così e a casa resterete solo voi.
 
 
#1 tonino 2010-10-27 20:48
direbbe qualcuno vanno bene i ca@@i vostri, da che pulpito viene il palpito
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.