Lunedì 12 Aprile 2021
   
Text Size

Campagna vaccinale Città Metropolitana. Conferenza dei sindaci

4886657-3f66db-768x430

156465255-2833845210222710-6018014126628558754-o “Nel corso della Conferenza dei Sindaci dell'area metropolitana celebratasi lunedì, è stata redatta una nota congiunta, destinata all'ASL Bari, nella quale, oltre a manifestare la disponibilità da parte delle Amministrazioni comunali a supportare la campagna vaccinale in corso, è stato richiesto un coordinamento interistituzionale più efficace nell'espletamento delle attività previste.

Ecco il contenuto integrale del documento trasmesso:

"Questa mattina si è tenuto un incontro tra i 41 Sindaci dell’area metropolitana di Bari, in preparazione della Conferenza dei Sindaci ASL Bari che si svolgerà mercoledì 3 marzo, avente ad oggetto il supporto dei comuni alla campagna vaccinale sul territorio.

Tutti i Sindaci hanno dato la disponibilità a sostenere la campagna di vaccinazione.

Da quando la campagna vaccinale è uscita dal settore specificamente sanitario sono andate via via emergendo alcune criticità sulle quali è urgente attivare un coordinamento interistituzionale:

1. le strutture sanitarie in senso stretto (strutture ospedaliere e presidi di continuità assistenziale), non sembrano del tutto idonee ad affrontare una campagna di vaccinazione estesa;

2. anche laddove vi sono strutture sanitarie in numero sufficiente, potrebbe emergere una difficoltà nella disponibilità di operatori sanitari quando la dotazione dei vaccini aumenterà;

3. le comunità cittadine chiedono di essere informate circa la pianificazione delle attività di vaccinazione, sulle modalità di prenotazione e sull'effettuazione delle prestazioni su alcune categorie di cittadini (over 80 a domicilio, soggetti fragili, operatori scolastici, polizie locali, operatori dell'assistenza domiciliare).foto-vaccinazione

I Sindaci rinnovano la totale disponibilità delle loro Amministrazioni a supportare la ASL nella implementazione della rete dei punti vaccinali con strutture comunali (palestre, impianti sportivi e altro).

Chiedono però che tali attività vengano coordinate dalla ASL sia sotto il profilo della individuazione della dotazione tecnica dei punti sia nella gestione diretta come presidi sanitari temporanei.

I Sindaci sono disponibili anche ad anticipare i costi degli allestimenti, fermo restando che risulta indispensabile ed oltremodo urgente definire modi e tempi dei rimborsi di tali spese.

In ogni caso, la pianificazione della campagna vaccinale dovrà essere comunicata in modo chiaro e trasparente ai Sindaci, in modo che ciascuna Amministrazione comunale possa aiutare i cittadini a comprendere l’iter di un percorso che si presenta di grande complessità, proporzionale alla enorme platea dei cittadini interessati.

I Sindaci chiedono inoltre di sapere quale sarà, nella campagna vaccinale, il ruolo dei medici di medicina generale, il cui apporto potrebbe essere strategico per assicurare, in sinergia al dipartimento di prevenzione, un efficace servizio territoriale.

In conclusione, i Sindaci richiamano l'importanza che siano inserite, nel più breve tempo possibile, nelle fasce da sottoporre a vaccinazione gli addetti ai servizi pubblici essenziali, che in questa fase di recrudescenza del contagio appaiono sempre più esposti ai rischi".

dal profilo Fb del Sindaco

 

Commenti  

 
#3 Cucchiarone 2021-03-04 15:53
Mentre i sindaci discettano con il grande Lopalco, il virus miete le sue vittime (dum Romae consulitur Saguntum expugnatur). In due mesi si è fatto poco o niente
 
 
#2 Gianni 2021-03-03 21:36
e comunque all ASL se si svegliano i vaccinati potrebbero farli uscire dalla parte del consultorio alla via che costeggia la stazione
 
 
#1 Nicola A. 2021-03-03 17:54
prenotando per un mio parente "over 80" ho potuto verificare che la struttura dove verrà vaccinata è l'ex Inam di Via Ludovico Arosto. Secondo me non è la sede idonea poichè non consente l'entrata e uscita in modo separato. A Gioia c'è l'ex Pronto soccorso o altra stanza nel seminterrato dell'ex Ospedale Paradiso, la struttura dell'ex COOP (tutti ex sic!), il palazzetto, il palestrone, Invece NO! Meglio un luogo in cui è più facile fare ammassare le persone specialmente quelle più fragili. Complimenti a chi ha fatto la scelta.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.