Sabato 06 Giugno 2020
   
Text Size

“Puglia penultima per tamponi eseguiti. Serve cambio di passo”

tamponi in puglia

tamponi in puglia “La Puglia deve potenziare la politica di sorveglianza attiva per il contenimento del Covid -19. Sono ancora troppo pochi i tamponi eseguiti, al contrario di quanto fatto in altre regioni, non è stato predisposto alcun obbligo per chi è rientrato a partire dal 4 maggio. È necessario un cambio di passo nella fase 2, anche attraverso il potenziamento della rete dei laboratori di cui finora abbiamo solo sentito parlare e l’utilizzo dei test sierologici che possono fornire un quadro di riferimento per valutare lo stato immunitario degli operatori sanitari e dei cittadini”. Così i consiglieri del M5S che annunciano un’interrogazione indirizzata all’assessore alla Sanità Emiliano.

La nostra - continuano i pentastellati - è l’ultima regione in Italia per quello che riguarda i pazienti guariti dal Covid-19 e la penultima per tamponi effettuati.  Un dato, quello del numero di tamponi, che non è neppure disaggregato per provincia e per tipologia di paziente esaminato, il che non permette di avere un quadro preciso della tamponi in pugliadiffusione del virus e di conseguenza delle azioni da intraprendere per il contenimento. Per non parlare dell'attivazione delle USCA, ormai diventata la storia infinita. Due settimane fa in audizione il direttore Montanaro ci aveva assicurato a breve la loro partenza, ma a quanto apprendiamo mancano ancora i dispositivi di protezione per i medici, che non possono andare in trincea a mani nude. Per questo chiediamo alla Regione di assicurare un numero maggiore di tamponi sul territorio regionale e cosa si stia facendo per implementare la rete dei laboratori, di rendere obbligatori i tamponi per chi rientra da altre regioni e di conoscere le misure adottate e da adottare in merito all’uso dei test sierologici. Domande che domani faremo in audizione a Emiliano, e a cui chiederemo risposte fatte di dati e non delle solite sentite e risentite chiacchiere”.

Ufficio Stampa M5S Regionale

 

Commenti  

 
#1 Nicola A. 2020-05-07 16:22
Ieri ho letto che la Puglia era al SECONDO posto dopo il Molise per indice di contagio. Sicuramente bisogna porre più attenzione, e su questo non c'è dubbio; ma una cosa non ho capito; ieri in Lombardia (bollettino della Protezione Civile) i contagi erano 764 (indice 0.53) in Puglia 26 contagi, (indice 0.78) come può essere questa discrepanza di risultati? Secondo me questo "indice" non da la reale dimensione del contagio e la gente, con queste statistiche è disorientata.

La Redazione
Quegli indici R0 o Rt vengono fuori da complicati calcoli matematici basati su stime, calcoli empirici, su diversi fattori, non solo numerici, ma anche sociali, politici, demografici, sanitarie, sulle misure di sicurezza adottate, e così via. In sintesi, i dati statistici giornalieri sono solo una componente di ciò che viene valutato, ipotizzato e stimato per determinare quegli indici sia a livello territoriale che nazionale.
Saluti
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.