Giovedì 01 Ottobre 2020
   
Text Size

Pro.di.gio. propone “Regolamento Cittadinanza Onoraria e Benemerita”

liliana segre

cittadinanza onorariaIl Movimento Pro.di.Gio., per tramite del suo Consigliere Comunale Donato Colacicco, ha ritenuto indispensabile farsi promotore della proposta di Regolamento per il conferimento della Cittadinanza Onoraria e Benemerita allo scopo di porre rimedio ad una carenza a tutt’oggi non colmata.

Il regolamento, frutto di un complesso ed articolato lavoro effettuato durante la scorsa amministrazione e perfezionato attraverso una recente revisione all’interno del movimento stesso, si caratterizza per una chiara definizione della procedura da espletare per il conferimento sia della Cittadinanza Onoraria sia di quella Benemerita.

Sempre all’interno dello stesso regolamento vi è la proposta della Cittadinanza Straordinaria per i minori stranieri. Tale strumento ha un puro valore simbolico, non supera la legge italiana sulla cittadinanza per gli stranieri, ma vuole essere un segno tangibile e distintivo della nostra comunità in termini di inclusione e accoglienza”.

Movimento Pro.di.Gio.

Per scaricare la bozza del Regolamento, clicca qui.

Commenti  

 
#7 Franco 2020-02-14 08:42
Mentre negl'altri paesi limitrofi ci sono addobbi per celebrare al meglio il carnevale qui a gioia ci sono ancora le palle di Natale.
Forse le lasceranno per giocare in anticipo quest'anno.
Ma per favore... Gioiesi datevi una svegliata
 
 
#6 Uomodellastrada 2020-02-11 19:05
Quante sciocchezze si è costretti stupidamente a scrivere per screditare qualcuno? È il caso di alfabeta funzionale che non è a conoscenza che gli ultimi testimoni dell'Olocausto in Italia sono solo 13. L'alto valore della cittadinanza sta proprio in questo, conservare la memoria.
 
 
#5 CHE GIOIA 2020-02-11 16:04
Se la sono legata al dito l'istallazione del Crocifisso nell'aula, adesso glie la faranno pagare con la cittadinanza alla Segre a tutti i costi (POI ARRIVERA'ANCHE IL TURNO DI MAOMETTO ED ALI' BABBA'!!)

La Redazione
E magari pure i 40 ladroni. ????
Saluti
 
 
#4 cavolo 2020-02-11 08:50
Perché non guardano oltre il loro naso e non fanno notare che Natale è passato da quasi due mesi mentre le illuminazioni sono ancora al loro posto? Chi paga ancora per l'illuminazione natalizia delle rotatorie?
 
 
#3 alfabeta funzionale 2020-02-11 08:23
Cosa fai oggi? Propongo la cittadinanza onoraria alla Senatrice Segrè, e tu?
Anche...serve per accalappiare voti, soprattutto quando l'Amministrazione è di centrodestra.
Con tutto il rispetto e l'Ammirazione per una Persona come Liliana Segrè, non sarebbe meglio individuare qualcuno delle zone nostre, ahimè sottoposto allo stesso schifoso percorso? Eppure noi, in Puglia, in Provincia di Bari, ne abbiamo di esempi. Basti pensare che ad Alberobello c'è la famosa "casa rossa".
Già mi immagino nelle riunioni: ragazzi allora proponiamo la Segrè così alziamo il primo polverone e siamo belli, poi siccome questi so fascisti e rifiuteranno, gli diamo ancora più contro così acquisiamo consensi e diventiamo ancora più belli.
Poi se sta qualche internato tra i nostri conterranei, che può aiutarci (lui in prima persona o mediante i discendenti) a ricostruire la storia delle deportazioni in Puglia, chissene
 
 
#2 Pinko 2020-02-11 05:56
Pensate a cose più serie.........
 
 
#1 Filippo28 2020-02-10 16:40
Perché nella foto dell’articolo c’è la Sen. Segre? Sembra che sia l’unica a meritare in tutti i comuni d’Italia questo riconoscimento, anzi un obbligo. Tant’è vero che è inutile questa “pippa” della cittadinanza onoraria per la Signora Segre, che è stata fatta Senatrice a vita. Che sottolinea il grande spessore e tutto il resto della Signora Segre.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.