Martedì 25 Febbraio 2020
   
Text Size

Crocifisso nell’aula consiliare. Botta e risposta tra “La Bottega” e “Lega”

crocifisso in aula consiliare

città di tutti - la bottega“LA CITTA' DI TUTTI - LA BOTTEGA”

“L’Associazione politico-culturale "Città di tutti - La Bottega" denuncia all'opinione pubblica l'ennesima bravata del Presidente del Consiglio Comunale, Vito Etna. Egli come il suo capo Matteo Salvini strumentalizza l'immagine sacra del crocifisso per infami scopi propagandistici ha preferito dedicarsi a fare l'arredatore dell'aula consiliare all'impegno cui è stato chiamato di svolgere, quello di Presidente e garante di tutti i consiglieri comunali.

Infatti nottetempo, in barba a tutti gli impegni presi in precedenza con i consiglieri di minoranza dallo stesso sindaco Giovanni Mastrangelo, ha deciso che un nuovo "elemento d'arredo", come egli ha definito il crocifisso, fosse appeso in aula.

Dimenticando colpevolmente che egli è il Presidente del Consiglio Comunale e non già il "padrone di casa". Dimenticando colpevolmente che il Consiglio Comunale si occupa di regolamenti e rispetta regole e regolamenti. Dimenticando colpevolmente che percepisce, a seguito degli ultimi aumenti deliberati dalla nuova giunta di centrodestra, 1.400,00 euro lordi di stipendio mensile, ma lo stipendio deve servire per pagare il lavoro di Presidente e non per fare becera campagna elettorale strumentalizzando simboli che meritano ben altro rispetto. Dimenticando colpevolmente che lo Stato Italiano si ispira a principi di laicità e allo stesso tempo di rispetto di tutte le religioni senza discriminazioni.

Per questi motivi l'Associazione "La Bottega "chiederà ai propri consiglieri comunali di attivarsi per rivolgere opportuna protesta formale al Prefetto e nel contempo di chiedere al Sindaco Mastrangelo di fornire i dovuti chiarimenti sull'insana decisione e sulla correttezza delle procedure seguite. In tale contesto "la Bottega" e i suoi consiglieri chiederanno che venga inserito nell'agenda amministrativa anche la stesura del regolamento che permette di inserire oggetti e simboli sacri, di tutte le religioni senza discriminazione alcuna, nell'aula consiliare in attesa di conoscere anche lo stato dei lavori per la stesura del regolamento che permetterà a Liliana Segre di ottenere la cittadinanza gioiese”.

Uff. Comunicazione Città di tutti – La Bottega

-----------------------

“Lvito etnaEGA SALVINI PUGLIA”

“Il Segretario cittadino Michele Colaprico in rappresentanza del gruppo esecutivo della Lega - Salvini Puglia sezione di Gioia del Colle e di tutti i militanti gioiesi intende rispondere a un ulteriore comunicato stampa controfirmato dal movimento politico/culturale “Città di tutti – La Bottega” che denuncia “[…] l’ennesima bravata del Presidente del Consiglio Comunale, Vito Etna. […]”.

Questa continua contestazione dell’operato del fondatore politico della Lega Gioia del Colle, nonché Presidente del Consiglio Comunale Vito Etna, sta assumendo connotati stucchevoli. II comunicato pubblicato dal movimento “Città di tutti – La Bottega” ha un fine esclusivamente propagandistico; non vedo altra natura in tale comunicato, il quale svilisce a mio parere un simbolo sacro e fortemente identitario della cultura italiana, il Crocifisso; per il movimento meriterebbe ben altro rispetto… eppure non gli viene dato il giusto valore sacro e culturale che ha per noi italiani. Come in passato, invito La Bottega a lavorare per il bene di Gioia del Colle, evitando sterili attacchi e contestazioni. L’opposizione fine a sé stessa in Consiglio Comunale, non genera null’altro che un’azione politica che danneggia il cittadino.

Concludendo, la Lega si batterà sempre per difendere tutto ciò che fa parte integrante della cultura e della storia italiana senza mai offendere e discriminare nessuno; chi invece strumentalizza questa difesa delle tradizioni culturali, religiose, ecc. non vuole bene ai nostri concittadini. Della storia non si deve ricordare solo ciò che più fa comodo alla propria attività politica”.

Il Segretario cittadino
Lega Salvini Puglia Sez. Gioia del Colle

 

Commenti  

 
#31 Fabio... per DX 2020-02-03 09:54
condivido le tue parole in parte, in un futuro, dove nel frattempo l'omologazione culturale della rete sta però occidentalizzando il popolo Arabo. Purtuttavia, ti invito a riflettere sul fatto che l'unica dominazione culturale in atto al momento è quella del "Milanese imbruttito": ossia quella per cui loro, in quanto Settentrionali sono super efficienti e tu, meridionale, stai ricevendo una chance di essere redento dal peccato originale della criminalità e della nullafacenza(Lombroso). E come ha fatto la Lega a inculcarvi nelle menti un messaggio del genere? Con la fede, la fede anacronistica della destra e della sinistra. La fede del crocefisso contro l'Islam. Nel frattempo, però, non ti dicono che i fondi europei che l'Italia prende per rilanciare il mezzogiorno vengono investiti al Nord se vince la destra verde (o al centro se vince la sinistra rossa).
 
 
#30 alfabeta funzionale 2020-02-03 08:21
DX spettacolare il modo in cui fai di tutta l'erba un fascio.
Se fai riferimento ad un estremista, come tale, avrà vedute molto opinabili; vuoi un esempio? trova uno specchio in casa tua e vedi...

Siccome la maggior parte dei mussulmani sono moderati (così come i Cristiani), per loro, il nostro Signore Gesù Cristo, è uno dei più grandi profeti. Per semplificare, i grandi profeti per i mussulmani sono come i santi per noi. Tu ti incazzi in giro per il mondo se anzichè venerare il tuo patrono, S. Filippo, venerano S. Ermenegildo? Credo di no, giusto? E perchè mai un mussulmano moderato dovrebbe essere turbato da un'icona di un proprio "santo"?
Per avere uscite del genere sarai sicuramente un cristiano ultrapraticante, non moderato, per cui ti ci vedo ad aiutare i deboli della società, a fare la carità, ad accogliere il prossimo tuo, come te stesso e tante altre belle cose. Ecco, ovemai avessi letto mezza pagina del Sacro Libro (la Bibbia, se non ci arrivi), scopriresti che quel signore in Croce, accoglieva tutti, soprattutto i reietti della società.

Per concludere, menomale come è andata perchè adesso l'esorcismo praticato dal Crocefisso, terrà lontano tutti i tagliatori di teste ora
 
 
#29 Ps: 2020-02-02 10:01
“Infedele” potrebbe anche non essere un dispregiativo, in fondo non siamo cani

Ragioniamo.
 
 
#28 Ttt catt 2020-02-02 09:52
X commento 26 DX:
Lo rispiego senza ironia:
Quello che ci differenzia - in maniera positiva direi io - da uno stato teocratico come può essere l’Arabia Saudita o l’Iran ad esempio è proprio che la Costituzione Italiana non tollera ingerenze da parte di qualsivoglia religione;
quello che ci avvicina invece a quello che Lei Sig. DX più teme è proprio l’esposizione della croce
Spero di essere stato chiaro e poco polemico
 
 
#27 BIANCA LANCIA 2020-02-02 08:17
X DX
Ma su quale libro di storia ha studiato? La cultura cristiana ci avrebbe trasmesso la tolleranza?!!! Ma quando mai?
La santa inquisizione, la caccia alle streghe, il processo a Galilei, le stragi di indigeni nell'America Latina, le crociate, la esecuzioni pubbliche nello Stato della Chiesa, gli dicono qualcosa? I cristiani per primi chiamavono "Infedeli" i musulmani!!!!
Il cambio di passo dela Chiesa cattolica e' molto, ma molto recente. Pertanto, andiamo cauti a dare lezioni.
 
 
#26 DX 2020-02-01 19:08
X Commento 25: ...ma quanta buona FEDE hai, complimenti!! Ci chiamano "infedeli" e tu dici che il Crocifisso non gli fa ne caldo e ne freddo? E' diventata storica una frase pronunciata da un musulmano, da queste parti non molto tempo fa: " VI CONQUISTEREMO CON LE VOSTRE STESSE LEGGI E VI DOMINEREMO CON LE NOSTRE". Tu intanto continua a sognare con Domenico Modugno...............
 
 
#25 Ttt catt col cul al 2020-02-01 08:39
... che poi sta gente (....quelli del crocefisso) pensa solo ai musulmani ai quali non fa né caldo né freddo il crocifisso ANZI!!! Essendo Gesù riconosciuto come un grande profeta dall’Islam non è che ne siano proprio così turbati. Tra atei, agnostici e ci metterei pure i non praticanti i Cattolici italiani sono una minoranza. Quindi quando volete prendervela con chi non vuole simboli religiosi in ogni dove prendetevela con i non credenti e non con gli altri picc... ehm...con i vostri colleghi di credo
 
 
#24 Ttt catt col cul al 2020-02-01 08:27
Io sono un fedele di Domenico Modugno
Domenica entrerò in tutte le chiese con la musica a tutto volume e guai a chi prova ad abbassarmela
Fa parte della nostra tradizione
E chi non vuole la musica Di Domenico Modugno a tutto volume
Se ne tornasse ad ascoltare il rock a casa sua

Redazione vorrei sapere quando è previsto il prossimo consiglio comunale pretendo che si suoni Vecchio Frak prima di iniziare

Mi associo con quanto detto da Fabio che ha letto benissimo la situazione: Lo stupido porta la discussione ai suoi livelli e ti batte con L’esperienza

Aggiungo inoltre che parlare con un credente è come giocare a scacchi con un piccione ...
 
 
#23 Scemo e contento 2020-01-31 22:38
x REDAZIONE: con quel "NULLA DI NUOVO" cosa vorreste dire, che che se davvero fossimo obbligati ad esporre il corano e la foto di maometto invece del Crocifisso allora TUTTO SAREBBE NORMALE?
Scommetto che solo allora sareste disposti a dimenticarvi della LAICITA' dello Stato e degli art.7/8 vero?

La Redazione
Non abbiamo affermato nulla di ciò che hai dedotto in modo del tutto personale ed arbitrario.
Saluti
 
 
#22 DX 2020-01-31 19:13
La laicità dello Stato è una clausola a salvaguardia dalle ingerenze della Chiesa nella politica, che ha reso impossibile per secoli governare la nostra penisola. Ben altra cosa è invece servirsi strumentalmente di questa "clausola", creata in nostro stesso favore (e di NESSUN'ALTRO) , per farci soverchiare da culture "straniere ed ostili alla nostra", le quali servendosi della nostra tolleranza (che ci vengono tramandate dalle CULTURA CRISTIANA) finiranno per renderci sudditi in casa nostra (SCEMI E CONTENTI). Sono pronto a scommettere su quello che dice "Componente", cioè che arriverà un tempo in cui nelle aule consiliari sarà obbligatorio esporre il corano e maometto, solo allora la Bottega (e la redazione) la smetteranno di filosofare sulla COSTITUZIONE...(IL CORANO DEI "LIBERTINI"!).

La Redazione
Chi sta facendo quello di cui ci accusi è qualcun altro. Interessatevi dei problemi reali, quelli in cui questo ex bel paesello è sprofondato.
Saluti
 
 
#21 Fabio 2020-01-31 17:06
Pur anche da cattivo Cristiano,avrei evitato l'accostamento del crocefisso ai quattro ritratti massonici presenti nella foto, tra cui (se non erro) quella del macellaio Cialdini, autore delle stragi di Pontelandolfo e Casalduni dove civili inermi a centinaia (donne e bambini inclusi) furono arsi vivi nelle proprie case durante la notte, ma tant'è che al nostro Presidente del Consiglio terronico (non me ne vorrà, tanto sarà abitutato all'epiteto nei suoi viaggi a Pontida) fa molto piacere sguazzare in queste discussioni vacue, dove il nulla che rappresenta gli veste mantello da imperatore, piuttosto che leggere qualche buon libro di storia e tradizione più recente (leggi periodo pre-unitario).
 
 
#20 Articolo 7/8 2020-01-31 16:37
Tutta questa discussione rivela solo ignoranza, una mostruosa ignoranza.E' penoso dover spiegare certi argomenti ma visto i tempi in cui viviamo dove l'arroganza e la subcultura scavalcano il ritegno e la vergogna diventa necessario chiarire concetti che si insegnano a scuola e che dovremmo sapere tutti. Religione e Stato sono cose diverse, ciascuno nel proprio ordine è indipendente e sovrano! la Religione attiene alla sfera strettamente privata dell'individuo e si avvale di testimonianze antiche, strutture, scritture (Bibbia e Vangeli) e simboli (crocifisso). In Italia c'è libertà di culto ed inoltre è statuito che i due concetti debbano rimanere strettamente separati.Lo Stato è al contrario una istituzione collettiva, di carattere politico, sociale e culturale costituito da un territorio, da una popolazione e da un ordinamento giuridico al cui vertice è posta la Costituzione. Gli articoli 7 e 8 della Costituzione dicono che lo Stato italiano è una Repubblica democratica LAICA e aconfessionale.....La Costituzione è perciò per tutti gli italiani la "bibbia" laica. Tutti dobbiamo leggerla, capirla e rispettarla. Quindi imporre un simbolo religioso di una sola fede è appunto una grave imposizione non solo per chi professa un'altra religione ma anche per coloro che sono atei, agnostici ecc.ecc. Il miglior posto in cui bisogna riporre il crocifisso è il proprio cuore affinchè ci insegni ad agire come veri cristiani, rispettando tutto il genere umano come sicuramente ha fatto Gesù. Per questo ritengo esecrabile l'aver messo il crocifisso lì dove ora è poichè prima lo si strumentalizza e poi si calpesta il prossimo in altro modo, con altri comportamenti. Tutto ciò è falso e ipocrita. Invito il Sindaco, che ora non rappresenta solo una parte del paese ma lo rappresenta nella sua interezza ad intervenire ancora una volta sulle intemperanze del Presidente sapendo oltretutto che essendo egli un Avvocato tutti i concetti espressi in precedenza siano già parte della sua formazione e del suo pensiero. Magari lo spieghi anche al suo Presidente.
 
 
#19 Angelino 2020-01-31 16:29
Poiché i problemi del paese sono tanti e non vengono affrontati si cerca di sviare l'attenzione dei cittadini.
Sta emergendo un problema col verde pubblico, durante i lavori di potatura stanno tagliando completamente molti alberi:
- Via Ricciotto Canudo tagliati molti alberi anche in buono stato;
- Piazza Umberto tagliati molti platani;
- via G.ppe di Vittorio tagliati alberi.
Buon senso vorrebbe che ogni albero tagliato venisse sostituito con un altro, magari diverso e più idoneo.
Chiedo al Sindaco e a tutta l'amministrazione se intendono eliminare poco per volta tutti gli alberi presenti nelle strade di Gioia o intendono sostituirli, magari aggiungendo qualche altra pianta?
 
 
#18 m.carucci-acquaviva 2020-01-31 13:43
Lo Stato è laico - è ovvio e ormai ben definito - ma la nostra sensibilità, la nostra cultura e la nostra tradizione non ostano all'esposizione del Crocifisso. Ci si dedichi, da destra e da sinistra, alla risoluzione di problemi più seri, senza dispute ridicole da paese allo sbando.....
 
 
#17 CANDIDO 2020-01-31 12:36
Meno crocifissi e più attenzione alla gestione della Città.
Vedi la storia degli avvisi dall'Ufficio Tributi...
 
 
#16 MARAUDER 2020-01-31 12:21
Per un vero cristiano il crocifisso resta sempre un oggetto di FEDE.
Leggo invece molti commenti che dicono che il crocifisso va messo perché fa parte delle "tradizioni e della storia".
A mio parere, un credente che definisce la croce un elemento di "tradizione" svilisce in modo quasi blasfemo quello che dovrebbe essere invece il fulcro della religione cristiana.
Mettetelo pure allora, appeso al muro, nella sala consigliare, nelle scuole o dove vi pare, come un qualsiasi attaccapanni...
 
 
#15 oculato 2020-01-31 12:14
Che strano non vogliono il Crocifisso o adiruttura è diventato complemento di arredo..... ma ogni anno in periodo elettorale e non dietro le processioni religiose ci vanno. come è strana la vita. CI STIAMO AUTODISTRUGGENDO!!! Per cosa poi??? vorrei vedere quelli dell'opposizione al governo di questa città se declinerebbero gli inviti a partecipare alle manifestazioni religiose del nostro paese per almeno essere coerenti con quanto denunciato.
 
 
#14 Giovanni A. 2020-01-31 11:41
Amici della Bottega ma vi rendete conto che sempre più vi rendete ridicoli agli occhi dei Cittadini? Per questi vostri capricci, perderete sempre più consensi; e visto che non sono tanti, cercate di rimettervi sulla giusta via facendo opposizione seria e costruttiva lasciando queste sceneggiate a chi ne è capace.
 
 
#13 Don Innocenzo Mondel 2020-01-31 10:14
Mi sembra che non c'è stata nessuna decisione della Corte Costituzionale di togliere dalle aule pubbliche italiane il Crocifisso!
 
 
#12 franco gisotti 2020-01-31 08:49
Interessante l’ultima frase in neretto“ “Della storia non si deve ricordare solo ciò che più fa comodo “. Come a dire: “state rompendo i ...timpani” da oltre un mese per chiedere la cittadinanza onoraria per un’ebrea sopravvissuta all’Olocausto e ora non accettate la storia del cristianesimo. Patetico
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.