PRESENTATI I “SEMI DI COMUNITÀ” DEL PROGRAMMA PRO.DI.GIO.

presentazione programma sociale prodigio

presentazione programma sociale prodigio “Pro.di.Gio. continua la presentazione del proprio programma elettorale. Dopo “Ambiente e Salute”, presentazione delle politiche per la qualità della vita ad opera del candidato Assessore all’Ambiente, il biologo Giuseppe Procino, e di “Cultura è libertà”, evento sulla Cultura della prof.ssa Fausta Demichele, candidata Assessore alla Cultura ed alla Scuola, domenica scorsa (31 marzo) l’educatore professionale Valerio Passerotti, candidato Assessore all’Inclusione ed alla Partecipazione, ha presentato “Semi di comunità”, programma sulla cura e l’attenzione alle fragilità della persona.

Ad introdurre, il candidato Sindaco di Pro.di.Gio. Donato Colacicco: “In questi giorni, ho avuto la possibilità di parlare con tanta gente e mi sono chiesto quale dovesse essere il filo conduttore della nostra campagna elettorale. Viene facile parlare di cambiamento, quando un’amministrazione cade. Sarebbe strano che io come candidato Sindaco utilizzassi questo termine. Il cambiamento è importante non solo come cambio di immagine ma di mentalità, il modo di interpretare la funzione del cittadino. Il cittadino gioiese deve cambiare, in prima persona, l’atteggiamento verso la politica: informarsi, partecipare, perché solo con un interessamento reale si può comprendere lapresentazione programma sociale prodigio possibilità del nostro paese”. Un chiaro invito alla partecipazione al quale è seguito la necessità di essere attenti alla persona, prim’ancora che cittadino, perché “non deve essere la paura ma la voglia di migliorare a spingere i politici”.

Il punto di partenza della presentazione del programma sui servizi sociali, intesi da Pro.di.Gio. nell’accezione di “welfare generativo”, ovvero capace di rigenerare (creare nuovo valore) alle risorse che l’Amministrazione investe per sostenere le classi sociali più fragili, è stata la Costituzione ed uno studioso gioiese, il prof. Franco Ferrara, scomparso di recente e ricordato con vero affetto e commozione da Valerio Passerotti. 

“Il nostro progetto – ha poi continuato il candidato Assessore all’Inclusione e Partecipazione – possiamo definirlo ‘strutturato’, ‘completo’ e ‘sistemico’. Strutturato perché dietro ogni proposta vi è un pensiero. Complesso, perché è costituito da 60 pagine, è molto minuzioso e preciso nella sua definizione ed è sistemico perché aree diverse tra loro devono essere collegate” per garantire una visione a 360° dello sviluppo gioiese.

Messa in atto del Regolamento per i Comitati di Quartiere, istituto di partecipazione attiva che da la parola ai cittadini, Casa delle Associazioni, luogo fisico per co-progettare, promozionepresentazione programma sociale prodigio degli strumenti per l’Amministrazione condivisi, il consolidamento dei servizi di volontariato civico, come il prezioso supporto offerto dai Nonni vigili, saranno le misure volte ad accrescere maggiore sensibilità ed interesse per la cura del bene comune. 

Per le categorie più fragili della nostra comunità, quali i minori, gli anziani, i diversamente abili e i cittadini vittime di dipendenze, sarà prevista l’individuazione di un Assistente sociale dedicato per ciascuna area, un miglioramento ed una razionalizzazione dei servizi tutt’ora esistenti, mediante un’attenta azione di monitoraggio delle risorse investite e dei servizi offerti. Per l’area minori sarà promossa la misura dell’affido, per l’area anziani sarà istituito uno sportello Alzheimer per diagnosi precoce ed assistenza alle famiglie presso il Centro Aperto Polivalente per anziani, per le persone diversamente abili saranno promossi percorsi ed iniziative di inclusione, come nel caso delle attività sportive.

Per il fenomeno dell’immigrazione sarà promossa l’attivazione dei centri SIPROIMI (ex SPRAR) per non subire ma governare il fenomeno migratorio, promuovendo progetti di inclusione sociale e lavorativa”, conclude il candidato Assessore Valerio Passerotti.

Ufficio Stampa Movimento Pro.di.Gio.