Domenica 08 Dicembre 2019
   
Text Size

Pro.di.Gio.: “Ambiente e Salute - il racconto della serata”

ambiente e salute prodigio

ambiente e salute prodigio“Pro.di.Gio. da ufficialmente avvio al confronto sui temi che caratterizzeranno la vita amministrativa gioiese dei prossimi anni e lo fa puntando i riflettori su “Ambiente e Salute”, temi scelti non a caso sia per la loro rilevanza politica che per le vicende giudiziarie che hanno coinvolto l’impianto pilota gestito dalla società ITEA, nel complesso industriale ex Ansaldo.

“La rilevanza dei temi legati all’ambiente – ha aperto il candidato Sindaco Donato Colacicco – è un monito per quei politici che si prestano a facili strumentalizzazioni, magari anche confondendo ulteriormente i cittadini su alcuni dossier delicati”, proprio come quello ITEA. Il caso riguarda la smentita, punto su punto, che il candidato Sindaco di Pro.di.Gio. ha prodotto, carte alla mano, a discapito della ricostruzione fatta in un video dal candidato del centro-destra Mastrangelo.

“Il parere richiesto al Comune di Gioia era solo di carattere urbanistico e riguardava l’idoneità dell’area ad ospitare l’impianto industriale ITEA – sgombra poi il campo da qualsiasi ambiguità, il candidato vice Sindaco, già Assessore all’Urbanistica con la precedente Amministrazione, l’architetto Daniela De Mattia. L’amministrazione ha detto che possono esserci impianti nella zona industriale purché gli stessi siano ‘non nocivi’”. Ed è proprio sulla base della clausola di “non nocività”, - apposta per la prima volta da questa Amministrazione dopo che per anni si erano consumate sperimentazioni con rifiuti speciali, pericolosi e non – che l’ex Sindaco Lucilla e la sua Giunta avevano richiesto alla ASL – silente durante la fase autorizzativa – di scogliere scientificamente ed unilateralmente il nodo dell’impatto che ITEA avrebbe sulla salute dei cittadini.

“L’Amministrazione Lucilla – conclude la De Mattia - appresa l’assenza del parere della ASL, chiede la revoca dell’autorizzazione alla Regione Puglia”, l’Ente firmatario il provvedimento.

“L'inquinamento ambientale impatta direttamente sulla nostra salute – esordisce il biologo Giuseppe Procino, il primo dei candidati Assessori designati da Colacicco, Ricercatore universitario che erediterebbe le deleghe dell’Ambiente, Agricoltura e Sviluppo - 

Il programma di Pro.di.Gio.prevede diverse direttrici di intervento:

Con l'istituzione della "CASA DELLA SCIENZA" l'Amministrazione Colacicco intende creare un luogo di divulgazione, approfondimento e discussionesu tematiche di gestione ambientali, ecosostenibilità, sanità pubblica e ciclo dei rifiuti. Questo grazie al coinvolgimento ed interlocuzione di Università, Enti di ricerca ed Enti pubblici territoriali. Questo per permettere all'Amministrazione di prendere decisioni ancora più consapevoli su temi delicati quali ambiente e salute pubblica, e ai cittadini di condividerle sulla base di più solide conoscenze tecnico-scientifiche.  Procino ha confermato che in continuità con la precedente Amministrazione, quella Colacicco porterà avanti un programma di sensibilizzazione ai temi ambientali nelle scuole, per formare una generazione di cittadini sempre più sensibili alle tematiche ambientali.  

Citando dati dell'ISPRA, Procino ha analizzato le principali fonti di inquinamento ambientale ed i riferimenti legislativi che regolano le soglie limite di tali inquinanti nell'aria. Il colloquio costante dell'Amministrazione Colacicco con la Regione Puglia, l'ARPA l’ASL e l'Osservatorio Epidemiologico Regionale saranno lo strumento per ottenere un quadro chiaro dello stato di salute dell'ambiente e dei cittadini.  L’Amministrazione Colacicco si propone di ricucire il rapporto tra Ambiente, sviluppo industriale e qualità della vita.

La seconda direttrice dell'Amministrazione Colacicco sarà infatti quella di continuare la collaborazione con l'ARPA per il monitoraggio della qualità dell'aria dell'ambiente urbanodi Gioia del Colle grazie ad una stazione di Monitoraggio già operante grazie ad un protocollo di intesa sottoscritto durante l'Amministrazione Lucilla. "Per evitare di sottovalutare o sopravvalutare il problema dell'inquinamento ambientale, bisogna valutarlo con metodi rigorosi", afferma Procino. I dati del monitoraggio verranno utilizzati per elaborare misure di mitigazione dell'impatto ambientale dell'inquinamento: 1) studio accurato dei flussi di traffico urbano (tra i responsabili del peggioramento della qualità dell'aria); 2) elaborazione di un adeguato piano del traffico; 3) iniziative per promuovere la mobilità su bici; 4) coinvolgimento dei cittadini in pratiche virtuose di gestione del riscaldamento domestico.

Terza direttrice del programma dell'amministrazione Colacicco sarà la tutela del paesaggio e dell'ambiente extraurbano. Il biologo Procino afferma che proseguiranno le opere di bonifica del territorio da amianto e rifiuti illecitamente abbandonati e proseguirà l'azione di contrasto a queste attività delittuose mediante posizionamento di fototrappole sul territorio extraurbano. Grande attenzione infine sarà tributata dall’Amministrazione ai piani di gestione delle zone protette che includono l'agro gioiese, la zona S.I.C. Murgia Sud-Est e l'istituendo Parco di Lama San Giorgio e Giotta alla cui perimetrazione l'amministrazione Lucilla ha partecipato con un ruolo attivo. In particolare il Dr. Procino ha concluso il suo intervento catturando l'attenzione dei presenti sull'area umida che si è creata nelle vasche di recapito delle acque depurate dall'impianto cittadino e che ha permesso, negli anni, di ricreare un prezioso ecosistema ricco di biodiversità e stazione di sosta per molte e rare specie di uccelli migratori in transito sul nostro territorio. Questo rappresenta esempio unico di rinaturalizzazione dell'ambiente di importanza strategica per la valorizzazione del territorio e promozione del turismo oltre che come laboratorio di osservazione per formare la coscienza ambientale in particolare dei giovani gioiesi”.

Movimento Pro.di.Gio. Progetti di Gioia 

 

Commenti  

 
#8 natalecosta 2019-03-16 08:37
Prodigio rimane l'unica realtà credibile. Ho votato convintamente per Lucilla e la sua squadra nel 2016 e voterò altrettanto convintamente Colacicco nel 2018. Mi convincono moltissimo i suoi assessori tutta gente seria, onesta e competente nel proprio campo.
 
 
#7 the jakal 2 2019-03-15 20:40
Ancora il sig. Colacicco!! Qualcuno crede ancora alle sue favole e ai suoi progetti fantasmagorici?? Dismo Isotherm: Ma quale "non nocività"!!
Era ed è un impianto nato con l'unico scopo di bruciare sostanze tossiche e nocive. La "non nocività"? Siamo seri....solo degli ingenui avrebbero creduto alle favole di ITEA.
Sarebbe meglio chiuderla questa fantastica storia. L'assessore architetto, mi dicono, per le sue note frequentazioni Universitarie, ma...si era ben informata della tipologia dell'impianto in questione??. NESSUNO OBBLIGAVA IL COMUNE A RILASCIARE LA NECESSARIA VARIANTE URBANISTICA per poter continuare la SPERIMENTAZIONE. Con riferimento a quella specie di mausoleo di P.zza Pinto: SI TRATTA UN FALSO STORICO!!. Inventato,Si dice, da un nostro concittadino. Le passeggiate di alcuni soldati polacchi da Mottola a Gioia, non credo che meritassero un mausoleo ne tanto meno dedicato a questo pseudo comandante che non ha mai messo piede a Gioia del Colle. Il personaggio, immeritevole di tale riconoscimento, con le sue truppe presidiava il centro italia, precisamente la località di MONTECASSINO. Tra il 1944-45, Gioia è stata presidiata da un piccolo contingente americano. Circa Il mausoleo di P.zza Pinto: il Commissario, pare che si sia limitato a spostare la collocazione del "mausoleo" da una delle rotonde spartitraffico (già indicato dalla precedente amministrazione), a P.zza Pinto, anche qui è meglio stendere un velo pietoso. Un criterio scriteriato nel programmare e progettare i lavori. Si "arranzumesc" un pezzo di marciapiede di P.zza Pinto, tralasciando tutto il resto ormai inguardabile ed impraticabile. Lavori a "Spizzica e mollica" al solo scopo di per poter indire un inutile progetto di idee per il recupero delle chianche del giardino di Giovanni Paolo II (zona 167). Sig. colacicco, lei avrebbe mai progettato il rifacimento di un piccolo giardinetto, in buono stato, innalzando un anacronistico recinto di tufi alto circa un metro (i giardini non si recintano) a discapito della villa comunale di P.zza Pinto?? Avrei preferito un progetto a lungo termine ma fatto bene....magari fino al 2050. Vada fino in fondo e accerti chi ha programmato a spizzica e mollica. Dopo alcuni anni ho trovato Gioia più brutta di prima. Già dimenticavo: Il nuovo marciapiede su via Federico di Svevia nel tratto tra Penny Market e Simply, un'opera incompiuta non avendo previsto, per tutto il tratto di strada, il ripristino stradale ai due lati del marciapiede.
 
 
#6 Raffaele 2019-03-15 14:07
Per fortuna almeno una parte politica sta prendendo in considerazione il problema dell'inquinamento. Marciapiedi ed asfalto va bene, ma pensiamo anche ai pericoli invisibili.
 
 
#5 Sinceramente 2019-03-14 21:50
Cara Redazione, 35mila euro nella determina sono per i lavori svolti. Io Vedo solo 1 lato cambiato. Se non vedo bene lunedì prenoto dall'oculista.

La Redazione
No, nessuna visita, in questo caso hai visto bene, siamo noi che abbiamo preso un abbaglio, almeno così sembrerebbe, tratti in inganno da quel "...1° Stralcio" che spesso e volentieri, come abbiamo potuto appurare, sparisce e ricompare all'interno degli stessi documenti ufficiali. Tra l'altro non è neanche normale che in sede di pagamento di quanto dovuto, inerente il 1° stralcio, si parli di SAL (Stato Avanzamento Lavori) e non di saldo. Se così fosse, si tratterebbe di un notevole esborso economico, sicuraamente, stante il costo del primo intervento, di oltre 150 mila euro. Troppi, a nostro modesto avviso, per riparare poco più di 400 metri lineari di marciapiedi.
Saluti
 
 
#4 Don Chisciotte 2019-03-14 19:50
A me e a tanti altri concittadini sembra un camposanto e comunque se si chiama piazza Pinto avrei fatto un monumento in onore di Cristoforo Pinto. Cosa c'entra il pilota polacco? Forse perché i prodigi sono da sempre legati all'arma aeronautica e hanno voluto lasciar traccia del loro passaggio?

La Redazione
L'autorizzazione è stata data dal Commissario non dall'amministrazione Lucilla. Quindi perchè tirare in ballo il movimento Prodigio?
Saluti
 
 
#3 DX 2019-03-14 19:37
Abbiamo capito: Procino sarà il loro "cavallo di battaglia" E gli altri? Campa cavallo che le buche crescono?
 
 
#2 Don Chisciotte 2019-03-14 17:27
35.000,00euro per ripristinare un lato di piazza Pinto e dedicarlo a camposanto...Prodigio statevi alle case che di danni già ne avete fatti abbastanza.

La Redazione
Per prima cosa l'importo indicato di 35.000 euro, più iva, è riferito al ripristino perimetrale dell'intera piazza, non solo di un lato. Secondo, nella piazza non è sepolto nessuno. E' solo una stele commemorativa. Come Piazza Umberto I con la statua di Garibaldi, Piazza Castello, piazza Cesare Battisti, e tante altre in tutta Italia.
Saluti
 
 
#1 Sinceramente 2019-03-14 14:04
Il candidato assessore Procino è l'unica buona novità delle prossime elezioni.
Per il resto anche da Prodigio i soliti noti.
Avete letto che hanno speso 35mila euro per smantellare il pavimento pericolante di Piazza Pinto, solo da 1 lato? Per gli altri 3 lati, tra cui quello più pericoloso verso Via Regina Elena come si procederà? Si aspetterà il morto?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.