Chiusura SerD. Pro.di.Gio. chiede il rispetto degli impegni assunti

serD-sede-gioiese

prodigio-logo“Il 15 dicembre 2017 l’ex Direttore Generale dell’ASL pugliese, Vito Montanaro, assieme al Direttore del Dipartimento delle Dipendenze Patologiche, Antonio Taranto, rassicuravano il Sindaco Donato Lucilla, in qualità di Autorità Sanitaria Locale, sulla prosecuzione del servizio SerD a Gioia del Colle.

Allora la Direzione Generale aveva rassicurato l’Amministrazione Comunale sull’intenzione di continuare a garantire la presenza del SerD nella nostra città. Oggi, tuttavia, da più parti corre voce di un’imminente chiusura del centro e del venire meno della preziosa copertura che il servizio garantiva.

Per scongiurare tale ipotesi, il Movimento Pro.di.Gio. questa mattina, con una nota al Governatore della Regione Puglia Emiliano ed al neo-Direttore Generale dell’ASL Sanguedolce, ha ribadito la necessità che il servizio SerD resti nel nostro territorio, già penalizzato dal punto di vista sanitario con la chiusura dell’Ospedale Paradiso.

Gli impegni assunti con la comunità gioiese non possono essere traditi, sfruttando magari il vuoto politico determinatosi dalla caduta dell’Amministrazione Lucilla, a seguito del voto contrario di tre consiglieri di maggioranza, due dei quali oggi impegnati con altre forze politiche, tra loro concorrenti

Il Movimento Pro.di.Gio., inoltre, lancia il proprio appello anche agli altri Partiti, Movimenti, Associazioni Politiche, nonché scuole, agenzie educative pubbliche e private, realtà del III settore, a che si assumano iniziative analoghe all’impegno del Movimento Pro.di.Gio., spinte unanimemente nello sforzo privo di colori politici di garantire la presenza del SerD a Gioia, evitando ulteriori penalizzazioni alla sanità locale”.

Ufficio Stampa Pro.di.Gio.