PUBBLICITA’… A PAGAMENTO O SCAMBI DI “CORTESIE”?

Logo-Fondazione

municipio_gioia_del_colleNon si dovrebbe parlar male della concorrenza, specie di quella cartacea, e non lo faremo, evitando di far “nomi e cognomi” di colleghi e testate, ma è pur vero che se il codice deontologico ci “vincola” non ci si può “turar naso, bocca e orecchie” e far finta di… non vedere!

Nelle ultime tre settimane su un periodico locale sono comparse tre mega pubblicità “comunali” a dir poco insolite.

pubblicit-su-faxIl 17 luglio si pubblicizzava la rassegna “Suoni della Murgia 2010”, il 24 luglio la terza edizione di “Piazze e Piazzette” e l’evento “Artistinstrada”, il 30 luglio “Baccanà – Gioia Fiera della mozzarella e del primitivo”, eventi già pubblicizzati sulle brochure del Comune e tramite i vari siti web d’informazione, incluso il nostro (http://www.gioianet.it/cultura/1526-al-via-il-festival-suoni-della-murgia-viii-edizione.html, http://www.gioianet.it/cultura/1598-la-citta-che-fa-buon-sangue-il-programma-di-luglio.html, http://www.gioianet.it/attualita/1602-parte-da-gioia-la-vi-edizione-di-qartistinstrada-2010.html) e quello istituzionale.

Solitamente le amministrazioni provvedono a pubblicizzare su quotidiani accreditati bandi, concpubblicit-fax2orsi, appalti… Talvolta su giornali a tiratura “multipla” (presenti in vari paesi) compaiono anche pubblicità “spettacolari” sugli eventi “di grido”, in questo caso riproponendo lo stesso manifesto che poi itinera nei paesi del circondario, ma a Gioia, su un evento gioiese, pluripubblicizzato, non fosse altro per le polemiche che si accendono prima ancor dei riflettori su quanto organizzato, che senso ha?

Qualcuno ancora non sa qual è “l’offerta” culturale del nostro assessore alla cultura, nonché sindaco e presidente del Consiglio provinciale Piero Longo? Nessuno si è accorto che ci dovremo “sorbire” fiere, mercatini e pubblicit-fax3Baccanà (cosa significhi resta un mistero, nonostante qualche vaga assonanza con “i baccanali” di dionisiaca memoria!), Mozzapizza, Mozzafreddo e Primitrink?

Sono pubblicità “pagate” con denaro pubblico? Si è deliberato in merito? O sono degli omaggi, delle regalie del periodico in questione (ipotesi, proprio perchè verificatasi per ben tre volte consecutivamente, alquanto improbabile trattandosi di un giornale commerciale), ormai sempre più spesso portavoce della “voce” dell’amministrazione, quasi quanto un bollettino comunale?

O, al contrario, ma per lo stesso motivo, sono da considerare delle premialità gentilmente concesse dall’amministrazione?

Comunque sia, una cosa è certa, è stata l'unica testata giornalistica, non solo cartacea, ad oggi, ad aver avuto il privilegio di "pubblicizzare" questi eventi promossi e proposti direttamente dall'amministrazione comunale. Una scelta basata su quali prerogative?