Domenica 16 Dicembre 2018
   
Text Size

Nota di Enzo Lavarra sulla Dop Mozzarella di Gioia del Colle

mozzarella di bufala inquinata

lavarra enzo“La sentenza del Tar Lazio chiude ogni pretesto ad un ricorso che non aveva mai avuto fondamento, e che dovrebbe indurre i campani ad abbandonare la contrapposizione fra due prodotti che rimangono distinti; prodotti entrambi destinati al successo con forme adeguate di promozione del marketing.

Dalle ultime mie verifiche con gli Uffici preposti del Ministero delle Politiche Agricole, e segnatamente con il suo dirigente dott. Polizzi, sono ampiamente confermate le ragioni di fiducia nel buon esito finale di Bruxelles per la Mozzarella Dop di Gioia del Colle.

Frutto del salto di qualità della filiera fra allevatori e aziende casearie che così facendo attualizzano una grande tradizione nell’epoca del mercato globale”.

 

Commenti  

 
#4 Ex allievo 2018-08-05 21:07
Ah scusa professò; ma, l'animale del proverbio da te citato, è sbagliato: NON è il lupo, ma l'orso.
Manneghi a te.
 
 
#3 giorgio gasparre 2018-08-05 08:24
E secondo te, ex allievo? Il tutto nasce dal fatto che si vende già la pelle del lupo prima di averlo ammazzato. Io tifo che arrivi la DOP., ovvio.
 
 
#2 Ex allievo 2018-08-04 10:54
Da quanto riportato nell'articolo e dichiarato dal sig. Enzo Lavarra nella sua nota, la mozzarella di Gioia del Colle, non può ancora fregiarsi della certificazione DOP se prima non si esprime favorevolmente la commissione che risiede a Bruxelles.
Egr. prof Giorgio Gasparre non riesce proprio a darsi una risposta leggendo l'articolo?
 
 
#1 giorgio gasparre 2018-08-03 16:08
Scusami Enzo ma non capisco: la mozzarella prodotta a Gioia del Colle può o non può fregiarsi della certificazione DOP?
Grazie
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI