Lunedì 18 Dicembre 2017
   
Text Size

Congresso Fdi. Il resoconto dei rappresentanti gioiesi

meloni-resta

logo fdi“Il secondo congresso di Fratelli d’Italia, celebrato a Trieste dopo una lunga serie di congressi provinciali e locali, ha consentito al nostro partito di confermare il dato di una crescita quantitativa e qualitativa non indifferente.

Da qui si parte per i prossimi appuntamenti elettorali, che già con le elezioni in Sicilia si sono rilevati per noi positivi e vincenti.

Si parte con il nuovo simbolo: via il richiamo al sogno in cui in molti hanno creduto negli anni addietro, avanti con l’ardente fiamma della passione, delle profonde radici, del credo, degli ideali; con il tricolore simbolo dell’italianità e dei valori del nostro popolo e con il nome che da cinque anni abbiamo scelto per il nostro percorso e e che vocali principi fondanti del nostro programma: la famiglia, l’appartenenza, la patria.

Dalla Puglia oltre 200 persone hanno contribuito ai lavori del congresso e hanno votato il documento per il sud presentato a Bari con la classe dirigente di Fdi di tutto il meridione che ha altresì portato alla conferma Giorgia Meloni presidente, all’elezione dei membri dell’assemblea nazionale e alla ratifica del programma.

I due delegati presenti di Gioia Del Colle hanno contribuito al congresso portando all’attenzione della platea, tramite Giacomo Lattarulo, dei problemi che affliggono l’agricoltura locale, dalla concorrenza sleale dell’olio tunisino al latte della Germania passando per la cagliata lituana e bielorussa oltre dei danni generati dal grano canadese, che influisce a mettere in difficoltà tutto il comparto agricolo, portando alla chiusura di oltre 100.000 aziende zootecniche in tutto il territorio nazionale.

Abbiamo parlato della mozzarella e della guerra che si sta facendo per avere il marchio DOP che ci appartiene di diritto e nei fatti, ovvero di quella qualità incontrovertibile di un prodotto che nessuno ci può togliere.

Per noi delegati e’ stata un’esperienza entusiasmante e molto passionale, abbiamo assistito a degli interventi toccanti e anche molto tecnici, che fanno percepire la qualità e l’umanità presente nel nostro partito.

La vicinanza alla famiglia e ai valori fondamentali per un futuro migliore sotto l’aspetto della natalità, passando per la sicurezza nelle nostre città e la lotta all’immigrazione clandestina, sono stati i temi toccati dal coordinatore locale Resta Francesco Paolo in occasione della due giorni congressuali di Trieste.

Siamo certi che il nostro partito crescerà sua sfera nazionale notevolmente, ora spetta a noi farlo crescere a Gioia del Colle iniziando dal primo congresso cittadino che si celebrerà il 7 gennaio 2018 unitamente all’importante e imminente appuntamento elettorale delle politiche in primavera”.

Ufficio Stampa Fdi Gioia del Colle

 

Commenti  

 
#16 Romolo 2017-12-15 22:11
Forse Resta e Lattarulo hanno diverse idee che non trovano una collocazione precisa in un unico partito! Quindi si spostano con frequenza!
 
 
#15 Veramente 2017-12-14 22:43
Resta e Lattarulo hanno cambiato troppi partiti. Possibile che non si siano mai trovati bene con nessuno?
 
 
#14 LINGUAGLOSSA 2017-12-13 15:15
Per FdI tutti i problemi sociali ed economici di Gioia, provincia, regione e Paese, provengono esclusivamente dalla presenza degli immigrati ! Non andiamo oltre questo proclama altrimenti poi gli viene il mal di testa ad andare ulteriormente a fondo alle questioni ! Per piacere ... facciamola facile facile ! :lol: :lol: :lol:
 
 
#13 aldino 2017-12-13 12:27
x vediamo
stai facendo uno stupido gioco...
è la COOP che deve risolvere, il Sindaco e l'Amministrazione ce la stanno mettendo tutta ma caro e furbetto Vediamo, questo tu lo sai bene e sei patetico quando nomini Lattarulo!
 
 
#12 Vediamo 2017-12-13 08:43
LATTARULO, RESTA UNA SOLUZIONE PER LA COOP, NO? SIETE BRAVI SOLO ALLA CRITICA O SAPETE ANCHE FORMULARE UN PIANO DI AZIONE?
OGGI IL SINDACO SPIEGHERA' COME INTENDE MUOVERSI IN QUESTA VICENDA, VOI INVECE?
 
 
#11 LINGUAGLOSSA 2017-12-11 10:06
Per DX ... questo fatto di soprassedere ai rigurgiti neofascisti e alla minimizzazione sul fenomeno della fascio-mafia di Ostia, perchè ... c'è una società che va a rotoli ..., è un qualcosa di davvero squallido ! Dillo direttamente che li appoggi, ma non cercare alibi nelle storture sociali che ci sono state (anche durante i governi di destra), ci sono e ci saranno nel nostro Paese ! Ditelo chiaramente che volete i loro voti, uscite gli attributi, non vi nascondete dietro il dito nero dell'immigrazione !
 
 
#10 Mago 2017-12-10 00:21
#veritiero ma che hai la sfera magica?
 
 
#9 Veritiero 2017-12-09 19:32
Non hanno una, dico una, idea concreta. Soprattutto a livello locale....
 
 
#8 DX 2017-12-09 17:11
Linguaglossa la contiguità col nazifascismo 2.0 è quello che la tua mente ha deciso di voler vedere, e comunque l'esasperazione della gente di fronte agli orrori che certa democrazia continua a spacciare per "CIVILTA'" può portare anche a questo...MA SOLO A CAUSA DI QUELLI CHE LA PENSANO COME TE.
 
 
#7 Solidale 2017-12-09 14:59
Fratelli d’Italia e Giorgia Meloni unica speranza nel prossimo governo
 
 
#6 pulcinella 2017-12-09 08:37
Alla larga!
 
 
#5 Vero 2017-12-07 22:38
Non mi piacciono.
 
 
#4 Basito 2017-12-07 21:35
Come al solito si strumentalizza tutto, anche un semplice comunicato stampa.
 
 
#3 LINGUAGLOSSA 2017-12-07 09:19
Rispetto le idee e le ideologie di ognuno quando vengono manifestate con i modi e nell'ambito delle strutture democratiche e liberali, ma questo fatto che FdI ha delle evidenti contiguità con le nuove frange del nazifascismo 2.0 e con gli ambienti della fascio-criminalità di Ostia e dintorni mi porta a prendere netta e rigorosa distanza da questi soggetti !
 
 
#2 Milagros 2017-12-07 07:42
Madoooo.....quel sorriso (quello maschile) e uguale a quello di Renzi! ???? va be tanto non cambia niente o quelli di la o quelli di lì sempre presa per i...fondelli è.
 
 
#1 soddisfatto 2017-12-06 23:58
bello il selfie con Giorgia Meloni,
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI