Giovedì 14 Novembre 2019
   
Text Size

“BIMBIMBICI” E “GIOIAINBICI” PRESI D’ASSALTO

p30692_1364365202171_162285

30692_1364367562230_1622852405_808563_293433_nGrande successo, e non solo in termini di partecipazione attiva, per le due manifestazioni che hanno visto la bicicletta come assoluta e indiscussa protagonista.

Circa 700 gli iscritti ufficiali che fin dalle prime ore di domenica mattina si sono presentati in Piazza Plebiscito per partecipare alle due iniziative organizzate per promuovere la mobilità sostenibile.

Bimbimbici”, promossa dal Ministero dell’Ambiente, e “Gioiainbici”, giunta alla sua terza edizione, sostenuta dall’Assessorato all’Ambiente del Comune di Gioia del Colle ma, di fatto, organizzata e gestita dagli ideatori storici (esclusa l'Inter Club), Recta 28092_1364357481978_1622852405_808550_928040_nCivitas, Croce Rossa, Gioia Soccorso, M.T.B., Pro Loco, Fidas, Ogechi, Asotudis, oltre ad una sempre più crescente e numerosa partecipazione di associazioni culturali e di volontariato presenti sul territorio, tra cui lo Spicchio Verde, i Veterani dello Sport, l’Aquilone.

Due i percorsi ciclistici previsti.

Il primo, riservato ai bambini che avevano aderito a “Bimbimbici”, partito da Piazza Plebiscito alle 9.30 precise, si è snodato come un lungo e tortuoso serpentone per le stradine del Centro Storico, con due puntatine  nel verde di Piazza 30692_1364382762610_1622852405_808583_3511720_nPinto e nei giardini di Paolo VI, per poi concludersi alle 11.00 in Piazza Castello.

Il secondo, a cui avrebbero dovuto partecipare, questo nelle intenzioni degli organizzatori, i soli adulti iscritti a “Gioiainbici”, è partito da Piazza Castello alle 11.30 e, dopo aver raggiunto Monte Sannace, si è concluso, intorno alle 16.00, in Piazza Plebiscito.

Una giornata, a detta di Antonio Montenegro, uno dei più attivi ed attenti organizzatori della manifestazione, “fin troppo impegnativa, non soltanto per l’elevato numero dei partecipanti, ma soprattutto, per la presenza 30692_1364386322699_1622852405_808585_4650353_ndi tantissimi bambini, anche su bici a rotelle, che, nonostante la partecipazione al percorso loro riservato, hanno voluto ugualmente “aggregarsi” al gruppo degli adulti, rallentando e ostacolando oltremisura il raggiungimento della località prestabilita”.

Un rallentamento giustificato - continua con fervore Montenegro - da un percorso reso ancor più difficile sia dalla strada sterrata, si è preferito utilizzare il vecchio percorso che conduce a Monte Sannace (Serra Capece), che dalla presenza di numerosi saliscendi, soprattutto in direzione del Monte”.

30692_1364407243222_1622852405_808612_7436574_nUn’esperienza - sottolinea - da non ripetere nelle prossime edizioni, così come saranno da rivedere i percorsi da scegliere e le  regole da adottare per far fronte ad una sempre maggiore partecipazione cittadina a questa iniziativa che, devo essere sincero, non ci aspettavamo così massiccia”.

Una partecipazione - afferma in conclusione - di cui, nonostante tutto, sono doppiamente soddisfatto, orgoglioso e contentissimo. Soprattutto della risposta del “pubblico” non partecipante, che non mi è sembrato scocciato, né spazientito. Un messaggio culturale da lanciare a chi di dovere, che arrivi a chi, vivendo lì nella stanza dei bottoni, risulta essere troppo distante dalla realtà, e che si 28092_1364356441952_1622852405_808548_7032386_noccupa poco della mobilità sostenibile, lasciando marcire piste ciclabili che sono costate alla collettività centinaia di migliaia di euro. Dopo questo successo, ci aspettiamo qualcosa di più dall’Amministrazione, che dovrebbe iniziare a comportarsi come un buon padre di famiglia!”.

Una giornata, per molti versi, da ricordare, anche per chi ha aiutato gli organizzatori, che seppure presi alla sprovvista da questa massiccia partecipazione, le 500 magliette previste, per esempio, non sono bastate per tutti, sono ugualmente riusciti a salvaguardare l’incolumità dei partecipanti e a concludere senza incidenti entrambe le manifestazioni.

30692_1364405563180_1622852Un plauso va anche a tutti coloro che si sono prodigati per la buona riuscita di questa giornata all’aria aperta, una sorta di gita fuori porta vecchio stampo. Dai Vigili Urbani, per aver assicurato un percorso libero da ostacoli, agli sponsor (tra cui la Granarolo) che hanno messo a disposizione tutto il necessario (yogurt, latte, mozzarelle, bruschette, pomodori, pane, nutella, acqua e bibite) per rimpinzare bimbi e adulti durante e dopo il tragitto previsto.30692_1364387602731_1622852405_808586_4996354_n

Un ringraziamento particolare, da parte degli organizzatori, va anche a Piero Romanazzi, titolare della PieRre Animazione, ai trampolieri e ai clown per aver reso ancora più allegra e gioiosa la già vivace “combriccola” prima della partenza, dopo l’arrivo o nel corso delle premiazioni dei bambini, a cui, informiamo per dovere di cronaca, è stata consegnata una medaglietta di partecipazione donata dall’Amministrazione.

Da parte nostra ringraziamo Antonio Montenegro per aver messo a disposizione dei nostri lettori la sua foto gallery.

image003Un ringraziamento, sicuramente dopo aver letto questo articolo, arriva anche dall'Assessore all'Ambiente Federico Antonicelli, che così ci scrive:

Riflessione a caldo: stamattina volevo trovare le parole per ringraziare tutte le associazioni, i singoli privati, i cittadini, i partecipanti, soprattutto i bambini. Volevo ringraziarvi tutti, anche chi per un motivo o per l’altro non ha potuto offrire pienamente la propria collaborazione. Volevo stringervi tutti in un abbraccio affettuoso di solidarietà e riconoscenza, volevo farlo subito prima di ogni consuntivo o valutazione, ma non trovavo le giuste parole e allora, grazie a nome di tutti i bambini di Gioia del Colle.

Visita http://picasaweb.google.it/redazionegioianet/ 2010/bimbi bici{/gallery}

Commenti  

 
#15 Chigaro 2010-05-11 18:37
C'è una voce che dice..."i soldi per la manifestazione sono stati sottratti da quelli per la disinfestazione del territorio".....avete conferme?
Rimane cmq una bell'iniziativa.
 
 
#14 confartigioia gfVasco 2010-05-11 12:04
rispondo all'amico Peppe, che non conosco, vedi si continua a parlare tanto per farlo, la confartigianato e sì diretta da federico Antonicelli, ma è composta da tante persone,l'intervento è mio, mio di Gianfranco Vasco un volontario che in confatigianato si occupa di promozione e organizzazione di eventi, Federico non ha firmato, perchè non credo ne sia nemmeno a conoscenza, con ciò concludo, non ho mai scritto un commento che sia uno e non credo lo farò mai più, è una finestra a cui è molto pericoloso affacciarsi, visto come è facile cadere giù. ciao e buon lavoro a tutti.
 
 
#13 echisenefrega 2010-05-11 11:50
la riflessione di peppe non è sbagliata
 
 
#12 antonio montenegro 2010-05-11 01:33
...sbagli
 
 
#11 peppe 2010-05-11 01:12
ho come la sensazione che tutti vogliano salire sul carro....(o la bici?) del vincitore (o da vincitore?), dimenticando che questo successo è merito dell'impegno di moltissime persone, non ultimi gli stessi partecipanti, grazie al loro senso di responsabilità e gioiosità. E il voler addossare colpe inesistenti, stante quanto riportato sia nell'articolo che nei commenti, che non sono poi così discordanti nei contenuti, sull'autore del pezzo, per presunte quanto inesistenti discordanze, credo sia non solo poco corretto nei confronti di chi comunque ha voluto dare risalto a questa iniziativa, ma anche infantile perchè evidenzia un non voler urtare la suscettibilità di chi... conta e a cui domani si dovrà dare conto e tenerne conto. E gli ultimi commenti di montenegro e della confartigianato (diretta dall'assessore federico antonicelli, perchè non si è firmato) ne sono una ulteriorie conferma. Perchè tutto deve essere .... concordato, anche il decidere chi deve fare la primadonna, o sbaglio?
 
 
#10 antonio montenegro 2010-05-10 19:32
Senza voler alimentare la polemica, ma per chiuderla, vorrei dire che le precisazioni "postume" sono le mie, mentre le trascrizioni di un colloquio saranno di qualcun altro, o sbaglio? Se volessimo concentrarci su qualcosa di più concreto, allora dovremmo continuare a commentare l'evento, per renderlo sempre migliore per la prossima edizione.
grazie e a presto
 
 
#9 confartigioia 2010-05-10 19:31
nemmeno un cenno neanche per errore alla confartigianato di Gioia,
vedi, caro Antonio, quanti equivoci nascono da una conferenza stampa o una
"intervista" non concordata fra i vari organizzatori, c'è il tempo della cronaca,precisa e puntuale, c'è il tempo delle delle verifiche anch'esse precise e puntuali e se ne avanza, visto le tante iniziative ancora in cantiere, anche per le autocelebrazioni, a tutti un saluto e spero che l'entusiasmo, il solo che mi ha animato, resti tale e quale.
 
 
#8 la redazione 2010-05-10 15:35
Ringraziamo Antonio Montenegro per i ringraziamenti. Circa però le precisazioni "postume" ribadiamo che quanto riportato nell'articolo è frutto di quanto detto e trascritto nel corso del colloquio avuto con lo stesso e il nostro collaboratore. I contenuti e i virgolettati sono stati riportati così come ascoltati. Se poi sono o non sono state menzionate tutte le associazioni partecipanti, riteniamo, non possedendo un elenco ufficiale ma solo quanto ascoltato, che ciò possa anche succedere. Non casca certamente il mondo. Sicuramente ci sarà chi lo farà e in modo ufficiale.
Detto ciò ci complimentiamo con tutti coloro che hanno contribuito alla buona riuscita della manifestazione per l'ottimo lavoro svolto.
Un saluto e un grazie per la collaborazione dimostrata nei nostri confronti.
 
 
#7 antonio montenegro 2010-05-10 15:05
Il tutto è perfettibile, chiaro, e spero che la buona riuscita della manifestazione possa servire come bigliettino da visita per chiunque voglia proporre simili iniziative alla nostra Amministrazione, e soprattutto per la prossima edizione che avrà come obiettivo non solo il superamento delle adesioni di quest'anno, ma soprattutto il superamento dei pregiudizi culturali che ancora ci lasciano anni luce indietro sulla tematica della mobilità sostenibile rispetto ad altre Amministrazioni. Spero, quindi, che la c.d. "stanza dei bottoni" voglia investire in questa direzione, rivalutando la possibilità di ripristinare la ormai dimenticata pista ciclabile ereditata dalla Comunità Montana, valutando la possibilità di progettare nuovi tracciati ciclabili nella zona nuova del paese dove gli spazi non mancano e nella zona che si sta riqualificando al di là del passaggio a livello di via Dante, istituendo servizi di pubblica utilità come il bicibus per i ragazzi che vogliono raggiungere la scuola in bici, istituendo zone30 o percorsi agevolati in centro e, perchè no, progettando postazioni di bike-sharing per favorire la promozione di una cultura dell'uso della bici in un paese come il nostro che, per morfologia e dimensioni, ben si presterebbe ad un massiccio sviluppo in tal senso.
 
 
#6 antonio montenegro 2010-05-10 15:00
Sulla "stanza dei bottoni", infine, vorrei esprimere meglio il concetto, rinnovando il mio personale ringraziamento a Federico Antonicelli per l'entusiasmo che ha dimostrato in tutte le fasi della manifestazione, sin da quando, un mese fà, ci ha convocato al Comune per proporci l'organizzazione dell'evento, consapevole che se non ci fosse stata la spinta economica del Comune difficilmente avremmo tirato su un così bell'evento con dettagli curati in ogni particolare.
 
 
#5 antonio montenegro 2010-05-10 14:55
Inoltre vorrei rettificare alcuni virgolettati a me attribuiti, e più precisamente il giudizio sulla giornata "...fin troppo impegnativa...". A tal proposito vorrei dire che l'impegno c'è stato ma solo nella fase propedeutica dell'organizzazione ed in maniera assolutamente fisiologica, mentre lo svolgimento è stato assolutamente gioioso per tutti, anche per noi dello staff.
Sull' "...esperienza da non ripetere.." direi, al contrario, che io ripeterei l'esperienza almeno una volta al mese, al massimo sarebbe opportuno studiare qualche correttivo per rendere più fruibile a tutti il percorso, soprattutto ai più piccini che non rallentano nè ostacolano lo svolgimento, bensì arricchiscono la manifestazione con la loro partecipazione.
 
 
#4 antonio montenegro 2010-05-10 14:54
In secondo luogo ritengo sia opportuno verificare meglio quali siano le associazioni coinvolte nell'organizzazione, secondo me qualcuna è stata dimenticata e qualcun'altra impropriamente è stata inserita.
 
 
#3 antonio montenegro 2010-05-10 14:53
Ringrazio la redazione per aver dato voce alle mie considerazioni sulla manifestazione, ma alcune precisazioni sono d'obbligo:
innanzi tutto è bene precisare che l'intera manifestazione è stata organizzata e coordinata dall'Assessorato all'Ambiente del Comune di Gioia del Colle, che opportunamente e con grande lungimiranza ha "delegato" per la logistica e l'organizzazione materiale della giornata un gruppo di associazioni che si sono prestate.
 
 
#2 la redazione 2010-05-10 14:13
Grazie comunque per la precisazione. Evidentemente c'è stato un malinteso che provvediamo a sistemare.
Un saluto.
 
 
#1 vito guagnano 2010-05-10 11:38
Per dovere di cronaca e rispetto per tutti le associazioni che hanno partecipato attivamante alla organizzazione , tengo a sottolineare che l'Inter Club di Gioia del Colle non ha partecipato alla organizzazione della manifestazione stessa.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.