CANILE: LETTERA DENUNCIA DEL CONSIGLIERE TOMMASO BRADASCIO

DSCF1130.jpg2

Al Sig. Sindaco

Al Sig. Assessore all'Ambiente

Alla     Giunta Comunale

Comune di Gioia del Colle

Oggetto. Situazione igienica-sanitaria canile comunale di Via Vecchia Matera.

Signor Sindaco, la situazione del randagismo nel nostro territorio e gli onerosi impegni finanziari sino ad oggi utilizzati, non hanno di certo risolto tale problematica. La destinazione da parte della precedente amministrazione di 200.000 euro per la ristrutturazione del famoso canile sanitario necessario per mettere a disposizione una equipe di dottori Veterinari gestiti dalla ASLE per avviare  i controlli previsti per legge e ridurre il fenomeno nel nostro territorio con conseguente riduzione dei costi, ad oggi  registra inspiegabili ritardi.

Questa amministrazione in continuità con la precedente di cui mi assumo le mie responsabilità, continua ad investire risorse economiche senza un attenta programmazione degli interventi e dei relativi controlli.

La situazione del canile di Gioia del Colle, nonostante i numerosi interventi effettuati, ad oggi  non si intravedono migliorie funzionali e i circa 600 cani presenti, vivono in condizioni precarie.

DSCF1132Una attenzione particolare riguarda lo stato igienico -sanitario dell'area, che nonostante i ripetuti interventi di disinfestazione, al fine di tenere sotto controllo la situazione igienica-sanitaria ad oggi nella zona sono presenti montagne di rifiuti speciali e sacchetti ormai in fase di fermentazione con conseguente inquinamento ambientale senza che nessuno, nonostante abbia personalmente avvisato la SPES, sia ad oggi intervenuto per la raccolta e la bonifica dell'area.

Tale problematica rappresenta un serio rischio, sia per quanto riguarda la salute pubblica in quanto rappresenta un serbatoio di zoonosi, che problemi di contaminazione ambientale.

Signor Sindaco è arrivato il momento di fare chiarezza sui tanti punti oscuri di questa vicenda, che ha bisogno di risposte certe, con l'individuazione di precise responsabilità.

-Quali sono i motivi per cui i lavori al canile sanitario non sono ancora stati completati?

-Quali sono le ulteriori prescrizioni che la ASLE sta imponendo per prendere in carico la struttura sanitaria?

- Perchè è aumentato il numero dei cani vaganti con notevoli ripercussioni sia per quanto riguarda il rischio di incidenti stradali, che l'aumento dei contenziosi e lo smaltimento delle carcasse?

-Quali sono i motivi per cui al canile di Cassano di cui sono custoditi circa 40 cani, si continua a pagare il decesso dei cani e lo smaltimento delle carcasse, mentre nel canile comunale  di cui sono custoditi circa 600 cani ad oggi non è stato registrato nessun decesso? Sono per caso animali con l'elisir di lunga vita?Perchè si continuano a dare incarichi a studi professionali esterni?

Signor Sindaco, Lei nella nostra città ha realizzato aree “free dog” da adibire a luogo di incontro e di ricreazione con l'ausilio di giochi (ancora per poco) ma ad oggi non ha mantenuto la promessa di arginare questo fenomeno sociale.

Pertanto confido in Lei in qualità di Ufficiale Sanitario di attivarsi alla risoluzione delle problematiche che ho evidenziato e che al prossimo Consiglio Comunale relazioni in merito.

Gioia del Colle 1/03/2010

Tommaso Bradascio

consigliere comunale