BASTA RISCHI DI ALLAGAMENTO AL SOTTOVIA FERROVIARIO

allagamenti

sottovia allagato m5s“L'Associazione In MoVimento per Gioia, facendosi carico di molte istanze pervenute dai cittadini gioiesi, vuole vederci chiaro circa i costanti allagamenti del sottovia adiacente l'area cimiteriale.

È bene precisare che i sottovia sono, prima di tutto, dei tratti di strada come tutti gli altri e devono essere progettati e costruiti in modo tale da poter raccogliere, in caso di precipitazioni, l'acqua piovana nei canali di raccolta, attraverso tombini e caditoie.

Tali vie di scolo vengono realizzate al di sotto dei livelli stradali circostanti, come avviene con quegli attraversamenti ferroviari che, recentemente, hanno sostituito i passaggi a livello, sono normalmente dotati di appositi sistemi di pompaggio dell'acqua, che entrano in funzione quando necessario, grazie a valvole automatiche.

I sottovia sono equivalenti a tutte le strade del mondo, devono quindi venire periodicamente pulite e se ne deve verificare la perfetta efficienza delle grate e dei canali di scolo, che possono facilmente ostruirsi per foglie, sassi, terra o detriti e le pompe automatiche, se ci sono, sono come tutte le apparecchiature del mondo, devono essere in perfetto stato di funzionamento e vanno ispezionate spesso, perché se non si mettono in moto quando serve è come non averle.

La responsabilità di questi tragici avvenimenti è, in genere, riconducibile oggettivamente agli enti gestori delle strade, cui viene demandata per legge la tutela dell'incolumità di chi le percorre.

Un ruolo complesso e quanto mai impegnativo, dato che gran parte di questi episodi si verificano su strade vicinali e secondarie, di competenza di amministrazioni locali (o, addirittura, di altri enti come consorzi, ecc.) che, per natura ed organizzazione, non dispongono di strutture adeguate a gestire la manutenzione stradale.

Va tuttavia sottolineato come spesso, da parte degli automobilisti vi siano veri e propri comportamenti errati o addirittura temerari, di fronte ai quali attribuire a priori la responsabilità al gestore appare quanto meno fuori luogo.

Automobilisti che, spesso e volentieri, sottovalutano il pericolo di un allagamento, ritenendo che l'acqua dinanzi a loro sia solo una grande pozzanghera, ed ignorando che se i canali sono ostruiti e i sistemi di drenaggio non funzionano, basta poco tempo per far diventare un sottopassaggio una trappola.

Ció premesso l'Associazione "In MoVimento per Gioia" chiede:

- la chiusura immediata ed efficiente ad ogni allerta meteo con sistemi di chiusura stabili e visibili;

- la dotazione e la perenne manutenzione circa le grate e altri sistemi che consentano il normale defluire delle acque”.

In MoVimento per Gioia