Chiusura col botto per la prima edizione “Animenote Music Festival”

j-ax e articolo 31

j-ax e articolo 31 Sabato 31 agosto presso il nuovo Foro Boario di Noci è andato in scena un evento storico per i fan della band milanese degli Articolo 31, finalmente Ax e Jad dopo 13 anni si sono riuniti per un tour estivo celebrativo dei 25 anni di attività. Il #25Anniversary tour ha toccato le maggiori località italiane, e grazie all’Animenote Music Festival promosso dalla Gioia e Vita S.r.l. è arrivato anche a Noci per l’unica data in Puglia.

In migliaia hanno affollato i varchi del Foro Boario sin dal primo pomeriggio. Ad ingannare l’attesa del live di Ax ci ha pensato un giovanissimo rapper: Jefeo, reduce dalla scuola di Amici 2018, che con i suoi 19 anni ha dimostrato di saper ben tenere il palco. Ha preparato il pubblico al live degli Articolo 31, con suoi brani come Teenager, Video Game, Relax e Silenzio, quest’ultimo dedicato ai suoi genitori, presenti tra il pubblico, che hanj-ax e articolo 31no sempre creduto in lui. Sono le 22, tutto è pronto per accogliere Ax e soci, il maxi schermo sul palco trasmette immagini di personaggi, avvenimenti storici e programmi tv. Così come su una moderna macchina del tempo si parte per questo viaggio da oggi agli anni’90 con l’ultimo brano di J-Ax, Timberland Pro che con il suo ritornello conquista tutti, si passa poi a brani come Snob, L’uomo col cappello e Vecchia scuola, su quest’ultimo J-Ax incita il pubblico a saltare. Di altro genere ma pur sempre in stile graffiante sono Non è un film e Piccoli per sempre: “grazie a voi che siete la mia gente resto piccolo per sempre! È una figata – continua Ax vedere i bambini di fianco ai tatuati in faccia” alla festa per i 25 anni di carriera degli Articolo 31 non poteva mancare un caro amico di Bari: Reverndo con il quale nel 2002 scrisse Gente che spera, un boato accoglie il rapper barese sul palco. E il coro del pubblico si fa sentire durante tutto il brano diventatoj-ax e articolo 31 inno intergenerazionale. Il momento clou del concerto arriva con dj Jad che saluta il pubblico con un allegro “Wagnun e Wagnedd”, il tempo sembra essersi fermato a quegli anni dal 1994 al 2006 quando i due hanno regalato brani che sono entrati di diritto nella storia della musica italiana, è il caso di Tranqi Funky che come ricorda Jad: “proprio qualche giorno fa, dopo 23 anni Tranqi Funky si è aggiudicato un altro Disco d’Oro, che si aggiunge ai 7 di Platino di allora”. Tra i brani più conosciuti e apprezzati degli Articolo 31 c’è sicuramente Ohi Maria: “la dedichiamo a chi in questi giorni sta litigando per delle poltrone, e invece c’è veramente bisogno di pace e serenità in questo paese” asserisce Ax.

Il momento più emozionante del concerto sia per il pubblico che per lo stesso Ax è j-ax e articolo 31stato quando è salita sul palco un ospite d’eccezione, Sofia che a soli 10 anni ha steso tutti con la sua voce e il suo essere a suo agio davanti a migliaia di persone. Sofia è una piccola youtuber che si è fatta notare da Ax con una cover di Tutto tua madre. “Lei lo canta meglio di me, e non è uno dei miei pezzi più facili. Mai come adesso sono felice di avere gli occhiali da sole, perché so che mi farete piangere” aggiunge.

Grande plauso alla band storica dell’Accademia delle Teste Dure formata da: Enzo Tribuzio “Dj Zak” e Fabio B ai computer e consolle, il maestro Paolo Jannacci al piano, Linda Pinelli al basso, Steve Luchi alla batteria, Mark “The Hammer” Arata alla chitarra, Elena Necchi ai cori, Piergiorgio Severi “Space One” ai cori “amico da quando avevamo il pannolino”.

Altra presenza fissa in questo tour, come in quello del 1996, è stato Raptuz pioniere dei writer in Italia e co-fondatore della Spaghetti Funk, che anche a Noci ha dipinto live durante il concerto.j-ax e articolo 31 A fine tour metterà in vendita ogni pannello realizzato nelle 10 date e il ricavato sarà devoluto in beneficenza. Prima di salutare il pubblico pugliese, Ax che ha sempre avuto una parola buona per la gente del sud: “come sempre quando vengo in Puglia, la gente canta tutti i pezzi, dal primo all’ultimo, non importa di che epoca, non importa quanti anni ha, i biker cantavano le canzoni dell’anno scorso e i bambini quelle di 25 anni fa. Come dico sempre seguire J-Ax non è una questione di età, ma è una questione di testa. Qui sono sempre stato trattato come uno di casa anche se sono un fottuto polentone, vi voglio bene ragazzi e vi lascio con una canzone che parla di un argomento che mi sta un po’ a cuore, ma che qui in Puglia sta a cuore a tante persone”, la canzone è Maria Salvador. A coronare questa bella serata di musica e ricordi ci ha pensato un altro giovane musicista, Marco Rissa, chitarrista dei Thegiornalisti, che col suo dj-set spaziando tra brani del suo gruppo e vecchi successi dance, pop italiani e non, abilmente mixati, ha accompagnato il pubblico verso la fine della serata e dell’intera rassegna musicale Animenote Music Festival che alla sua prima edizione ha catalizzato un elevato numero di presj-ax e articolo 31enze grazie anche al calibro dei nomi coinvolti: Loredana Bertè, Mario Biondi, Anastasio e J-Ax con gli Articolo 31.

Scaletta: Timberland pro, Snob, L’uomo col cappello, Vecchia scuola, Non è un film, Piccoli per sempre, Gente che spera con Reverendo, Deca dance, Immorale, Più stile, I love my bike, Musica da rabbia, Il bello di esser brutti, Uno di quei giorni, Caramelle, Vorrei ma non posto, Senza pagare, La spirale ovale, Domani smetto, Un urlo, Non c’è rimedio, 2030, Tranqi funky, Domani, Il funkytarro, La mia ragazza mena, Italiano medio, Volume, Ohi Maria, Intro, Tutto tua madre con Sofia, Ostia Lido. Bis: Maria Salvador

Si ringrazia per la disponibilità al servizio e la perfetta organizzazione dell’evento: l’Ufficio Stampa dell’Animenote Music Festival nella persona di Stefano Impedovo, l’organizzazione Gioia e Vita S.r.l. nella persona di Piergraziano Ritella, P&M Eventi e Kult Events.[Foto: Leonardo Quarato e Stefano Impedovo]