LA SPES “OSSERVATA SPECIALE” DEI CONSIGLIERI DI OPPOSIZIONE

opposizione-e-area-mercatal

municipioNuova iniziativa messa in atto dai partiti di opposizione che, sembrerebbe, hanno trovato una univocità di intenti fino a ieri impensabile, unitaria e compatta, oltre che costante e mirata.

E’ notizia di queste ultime ore, infatti, che mercoledì scorso abbiano preparato, sottoscritto e protocollato, presso il competente ufficio comunale, due ulteriori richieste di auto convocazione del consiglio comunale, indirizzate al Presidente del Consiglio e al Sindaco Piero Longo, per affrontare e discutere due importanti ed urgenti problemi ancora irrisolti, su cui chiedono all’amministrazione di fare immediata chiarezza.

logo_spes_smLa prima riguarda la "Situazione gestionale e comunicazioni inerenti il rendiconto 2009 della Spes SpA Gioia", dove si richiede la presenza, in Consiglio, del Presidente e dell'Amministratore delegato della stessa.

Una vicenda, quella della Spes Gioia SpA, che si trascina da troppo tempo, alquanto oscura, e in cui non si riesce a capire bene quale sarà il suo futuro, così come ancora non è stata posta la parola fine alla ambigua posizione del socio di minoranza, quella famosa Acam interpellata per far decollare l’azienda a livelli regionali se non addirittura nazionali.

La seconda, hlampionia a che fare con il "Servizio di gestione e manutenzione degli impianti di pubblica illuminazione installati sul territorio comunale e fornitura elettrica. Atti di indirizzo e determinazione".

Un servizio a suo tempo dato, nonostante le vibranti proteste dell'attuale maggioranza (allora all'opposizione), in gestione alla stessa Spes, salvo poi essere revocato da una sentenza del Consiglio di Stato, ma che ancora oggi continua ad "onorare", e non solo nella manutenzione.

Entrambe le auto convocazioni sono state sottoscritte dai consiglieri comunali Ventaglini, Mancino, De Leonardis, Donvito, Povia, Ludovico, Masi e Bradascio.