Lunedì 12 Aprile 2021
   
Text Size

LO SCIENTIFICO COSI’ RICORDA LA SHOA

foto-liceo-scientifico-013

Sorprende piacevolmente l’impegno profuso dagli studenti di II F, II D, II A e I E del Liceo R. Canudo, nel proporre una personale ed originale interpretazione della “Giornata della Memoria”, rivelando - senza ostentazione - un prodigioso possesso di competenze tecniche (video e cortometraggi), storiche (ricerche approfondite sui temi trattati), letterarie (poesie, prose e stralci di varie opere), musicali (brani particolarmente “indovinati” ed emozionanti a corredo di immagini e letture) ed infine grafico-artistiche, con un’originale produzione di frame sequenziali elaborati con suggestive tecniche di montaggio, in surreale sintesi espressiva.

Il coordinamento dell’iniziativa del 4 febbraio, affidato al professor Pierluca Cetera ed alle professoresse Ida Cipriani, Caterina Radogna e Piera Schiavone, ha “didatticamente” coinvolto e convinto gli studenti, resi partecipi e consapevoli della preziosa opportunità di condividere un progetto di così vasto respiro, scrivendo nuove pagine di “recupero della memoria storica”.

Memorie senza memoria” è il titolo dell’elaborato dei ragazzi di II F, una panoramica sugli scenari di storia anche contemporanea che vedono negati i più elementari diritti umani, dall’olocausto alle foibe, dall’emigrazione di ieri, all’immigrazione di oggi. Inserti di pregio, le letture ed i versi di Moni Ovadia, Erri De Luca, Primo Levi ed Adriano Sofri.

Narrazione per sole immagini, con didascalie minimali per non offuscarne il messaggio, per la II D, con un video che ha catturato l’attenzione sin dalle prime battute, supportato da testimonianze documentali su Mengele, ricordato da Eva Mezes Kor “…angelo e demone, dagli occhi azzurri, sempre profumato, completamente pazzo…”

Ricercate, di forte impatto emotivo e scenico, le immagini di lager e corpi senza vita, ma per assurdo ancor più agghiaccianti lo scorrere di rotaie e nodi di filo spinato in dissolvenza, per ricordare che “in pochi attimi tutto finì”.

La Shoa e l’infanzia rubata” è il titolo del video della I E. Il contrasto tra il rincorrersi di giocosi e colorati effetti grafici e la disperazione nei versi dei bambini di Terezin, la ricerca minuziosa dei ricordi, dei sogni, delle speranze rubate a quei volti emaciati eppur assetati di vita, ha commosso, così come il nascondersi degli studenti nel corridoio accanto alla cabina di regia, sopraffatti dall’emozione e dalla timidezza, per dar voce alle riflessioni dei giovanissimi prigionieri e lasciare alle parole di un loro compagno meno fortunato, l’estremo, ultimo invito ad apprezzar la bellezza della vita.

Chiusura ad “Arte” con le proiezioni “alla velocità della luce” delle opere in tema, selezionate da Pierluca Cetera, tra cui alcuni negativi elaborati su uomini privi di arti e gli indimenticabili “bimbi” di Nicola Vinci.

Presentati quindi due cortometraggi, “Condensed” curato dagli studenti di II A Nicola Guerra, Giuseppe Lillo, Matteo Notarnicola e Giorgio Amati e presentato da Salvatore Badagliacca e Roberto Balacco, quindi “Ad occhi chiusi” di Emma Monte e Giorgio Manca, video prodotto in collaborazione con gli alunni di scuola elementare che ne hanno “disegnato” gli scenari. Il viso di Enrico Cetera spunta a sorpresa tra volti ingialliti dal tempo, poi i colori tornano a dominare, il volo riparte, si torna a vivere, danzare… Terzo ed ultimo esilarante cortometraggio, non fosse altro per la presenza di interpreti tra il pubblico, “L’essere umano perfetto”, protagonisti alcuni studenti prestati al gioco dell’Arte.

Sigla di chiusura “La vita è bella” cantata in inglese da Clelia Stoppini accompagnata alla chitarra da Vincenzo Fortunato. Sulle stesse, suggestive note si è tornati il 5 febbraio, giorno che ha visto conferire il professor Cesare Colafemmina, studioso di ebraismo di fama internazionale e graditissimo ospite dell’istituto, all’apertura dei lavori delle classi terze, quarte e quinte.

Ricordiamo i nomi dei ragazzi di II F: Renato Caricato, Francesco Catanzaro, Sergio Cavaliere, Valeria Covella, Mariapaola Crescenza, Francesco D’Andrea, Manuel Digirolamo, Mirko Esposito, Antonella Fiorentino, Vincenza Giannico, Michele Girardi, Attilio Gonzales, Domenico Maino, Angelica Marsico, Micaela Milano e Sara Rizzi. Per la I E: Francesca Temperato, Lucia Giampetruzzi, Naomi Lapadula, Mariagrazia Favale, Anna Rizzi, Marianeve Mola, Mauro Ascatigno, Alessandro e Alessandra Fiorente, Rosmina Nanna, Vincenzo Fortunato e Clelia Stoppini. Tutti, indistintamente, davvero bravi!

Visita http://picasaweb.google.it/redazionegioianet/ 2010/liceo scientifico{/gallery}

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.