OLIMPIADI MATEMATICA. ALTRI 13 ALUNNI GIOIESI TRA I PRIMI

taviano-ap

 

manifestofinale 2013Ancora eccellenze tra gli studenti gioiesi classificatisi nelle prime quattro posizioni nella 23a Olimpiade dei giochi logici, linguistici e matematici di GioiaMathesis, associazione intitolata all’indimenticabile professor Michele Villanova (http://www.gioiadelcolle.info/2012/08/27/michele-villanova/).

Insieme al terzo posto di Alessio Curione, studente dell’I.C. Carano - Mazzini (ALESSIO CURIONE, GIOIESE, TERZO ALLE OLIMPIADI DI MATEMATICA) troviamo nelle classifiche nazionali anche tredici alunni della scuola primaria dell’I.C. Losapio - San Filippo Neri.

Per la fascia 9 - 10 anni si è classificato terzo Alessandro Aulenta e quarti Pierangelo De Leonardis, Francesco Falcone, Giorgio Longo e Pasquale Nettis.

Al primo posto nella fascia 7 - 8 anni Anna Elena Galgano, secondo Pietro Ferulli, terzi Fabio Angelillo, Nicolò Palmiotta e Francesca Pavone, quarti Antonio Ardillo, Antonia Carlotta Covella e Vincenzo Pavoncelli.

Risultati che confermano l’eccellenza dell’Istituto in contesti nazionali e premiano l’impegno di docenti e alunni pronti a mettersi in gioco e competere lealmente in una disciplina non sempre amata. Il merito - afferma la dirigente dottoressa Anna Grazia De Marzo - va ai docenti che riescono a far amare la matematica e trasmettono competenze e passione!”.

olimpiadi matematicaIMG 0049Ben 180 alunni della primaria hanno partecipato alla prima prova tenutasi in febbraio - dichiara Valeria Di Gravina, docente responsabile di numerosi progetti attuati in questa annualità, tra cui la partecipazione alle Olimpiadi di GioiaMathesis -, solo in 70 l’hanno superata e in 13 hanno superato la prova finale il 10 maggio, presso il Politecnico di Bari”.

Il segreto che porta gli alunni ad amare la matematica, tanto da partecipare così numerosi alle Olimpiadi e a tutte le altre innumerevoli iniziative avviate nel corso dell'anno scolastico, il motore che fa muovere tutta la scuola è la passione. Noi docenti la trasmettiamo, insieme alla nostra professionalità, in qualsiasi cosa facciamo e loro lo percepiscono”.

I nostri alunni - continua la Di Gravina - mettono se stessi in tutto quello che fanno, si confrontano e misurano le proprie capacità con l'obiettivo di puntare all’eccellenza, ma consapevoli di doversi continuamente confrontare con altre realtà e della necessità di far tesoro di ogni esperienza da cui trarre gli insegnamenti per poter crescere e migliorarsi”.

di gravina e bimbiLa stessa partecipazione è di per sé una esperienza di altissima valenza pedagogica e didattica - conferma la dirigente - ogni vissuto è un piccolo passo verso il traguardo che non sempre è la conquista del primo posto in un concorso, ma più spesso saper “perdere” senza perdere fiducia nelle proprie capacità, trovando in questo lo stimolo per migliorarsi e ritentare… La scuola da sempre è in prima linea per educare alla confronto leale e al rispetto delle regole, obiettivo educativo importantissimo in tempi in cui la competizione è sfrenata e gli esempi che il mondo adulto propone non sono particolarmente edificanti”.

Ma quali sono gli strumenti didattici che la scuola ha per promuovere "buone prassi" nella didattica logico-matematica?

Adottiamo interventi innovativi per la promozione delle competenze chiave, in particolare delle discipline scientifiche e nell'ambito logico-matematico - conclude Valeria Di Gravina -, ci sono, inoltre, aree di intervento nella formazione dei docenti, interventi didattici per promuovere e valorizzare le eccellenze, fondamentale è l’utilizzo dei laboratori e delle risorse interne alla scuola”.