Mercoledì 24 Aprile 2019
   
Text Size

“NERO DI PUGLIA”, UNDICI INTERESSANTI RACCONTI NOIR

racconti-di-puglia-pp

racconti-nero-di-pugliaÈ dedicato alla presentazione del libro ‘Nero di Puglia. Il noir in tutte le sue gradazioni’, edito Gelso Rosso nell’anno corrente, l’incontro, avutosi presso il foyer del teatro Rossini, nel tardo pomeriggio di venerdì 26 aprile. Incontro svoltosi con la collaborazione della libreria ‘Librellula’, e avutosi nell’ambito dell’iniziativa comunale ‘CulTour. Porte aperte ai beni culturali’, promossa dall’assessorato alla cultura.

Una settimana dedicata alla musica, alla letteratura, alla storia dell’arte, ai beni archeologici, e alla scoperta di giardini privati. “[…] CulTour è volto alla possibilità di incontrarsi anche in luoghi splendidi che di solito sono chiusi. Sono felice quando si rivolge cura e attenzione verso il nostro territorio, e sono felice di ritrovare la nostra Puglia in un libro degno di nota”, in questi termini si esprime l’assessore alla cultura, De Giorgi.

Una settimana quindi che ha visto protagonista, tra le molte cose, anche la letteratura noir, perché come lo stesso Valentino Colapinto, che ha moderato la presentazione del libro, afferma: “è un genere che piace molto, e che permette di parlare di temi di cronaca con chiari riferimenti all’attualità”.

In riguardo Rossella Martielli, autrice di uno dei racconti del libro, sostiene: “Un’iniziativa che serve moltissimo a celebrare una regione, che è per certi versi romantica, ma che al contempo offre paesaggi che aderiscono perfettamente al genere noir. Il fatto di dover descrivere la Puglia non ha precedenti: la sfida è stata quella di presentare ai lettori i paesaggi che ci circondano in una veste diversa […]”.racconti-nero-di-puglia2

E continua: “Ho frequentato il liceo classico qui a Gioia. Ho sempre riflettuto e fantasticato con i miei compagni su come la sera quella struttura possa sembrare lugubre, e possa quasi trasformarsi. In fondo tutto dipende come si guarda la realtà … La fantasia è sempre negli occhi di chi guarda!”.

Marino Lenoci – un altro degli autori del libro – sceglie, invece un neologismo per il paese del suo racconto, in quanto trattasi di un paese immaginario. “È come se io e il lettore ci trovassimo in una Puglia parallela. Nel mio racconto, inoltre, è forte la presenza dei muretti a secco, caratteristica propria ed esclusiva della Puglia”. I muretti a secco che rappresentano un conglomerato di elementi uguali e sterili, un limite, un confine, diventano protagonisti assoluti del racconto di Marino.

Altro elemento riscontrabile nei racconti è quello del folklore delle feste racconti-nero-di-puglia3patronali, che è al centro nello scritto di Dirce Scarpello: “Nel mio racconto ho voluto trattare un aspetto particolare, quello delle feste patronali, facendo riferimento alle celebrazioni e alla processione degli incappucciati di Noicattaro, manifestazione religiosa di grande impatto. Ho cominciato ad immaginare cosa potesse spingere un uomo, nel XX° secolo, a ripetere questo rito di espiazione […].

Questi undici racconti ci aiutano a scoprire piacevolmente le differenze fra i vari paesi pugliesi”. Undici racconti che, come sottolinea Achille Signorile, aiutano ad incrementare il piacere della lettura stessa: “In Italia si legge poco, magari per mancanza di tempo … L’idea di abbandonare momentaneamente un romanzo, per poi riprendere la lettura, scoraggia. ‘Nero di Puglianon presenta questo problema, in quanto si tratta di 11 racconti […]”.

Undici racconti dalle diverse tematiche narrate, ma accomunate dal genere noir, e dall’ambientazione tutta pugliese. Per poter scoprire o riscoprire, vivere o rivivere, i nostri luoghi e guardali con occhi diversi.

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI