Domenica 08 Dicembre 2019
   
Text Size

Matera: cosa vedere nella "Città dei Sassi"

matera

Forse tra i borghi più conosciuti della Puglia, Matera si è guadagnata nel corso degli anni una nomea giustificatissima in virtù della sua bellezza mozzafiato.

Sono tantissimi i tour di pugliaprivatetour.it organizzati ogni anno e che permettono di immergersi completamente in questa meravigliosa città.

Compiamo insieme questo viaggio per scoprire cosa vedere nella bellissima Matera.

 

Non solo sassi

La prima cosa che si consiglia di visitare a Matera è il Centro Storico in quanto ricco di tradizioni e di opere interessanti. Questo in realtà non rappresenta la “Matera dei sassi” come comunemente conosciuta ma, piuttosto, quella che potremmo definire la parte alta della città.

Da Piazza Vittorio Veneto è possibile scendere direttamente nella Matera sotterranea denominato anche il Palombaro Lungo. Qui sono situate alcuni centri di raccolta dell’acqua che in maniera naturale scorreva proprio nelle viscere della città.

Oltre a questo è possibile visitare la caratteristica chiesetta di San Giovanni Battista o la Porta di San Biagio. Proprio quest’ultima dove oggi sorge le chiesa di San Biagio una volta era la porta di ingresso alla città dei sassi.

Questa si trova perfettamente in linea con un altro ingresso della città ovvero Via Santo Stefano. In particolare queste due porte permettevano a Matera di essere in contatto con tutte le altre importanti città della Puglia.

 

Cos’altro vedere

Il bello di Matera è che offre ampie possibilità ai turisti in cerca di bellezze da visitare. Il Belvedere Guerricchio ad esempio è una di queste. Anticipato da tre archi quest’ultimo permette di avere una veduta completa sulla meravigliosa città per un panorama davvero mozzafiato.

Altro luogo interessantissimo da visitare è la Chiesa di San Francesco d’Assisi. Questa fu edificata a Matera intorno al 1700 su un’antica chiesetta dedicata agli apostoli Pietro e Paolo. Gli interni sono in stile barocco ed è possibile osservare tante statue di santi e patroni finemente realizzate.

Nello specifico in alto è collocata la statua della Madonna Immacolata accompagnata da quella di San Francesco sulla sinistra e da Sant’Antonio da Padova sulla destra.

L’unica navata dalla quale è costituita la chiesa presenta sui laterali delle piccole nicchie le quali simboleggiano i nobili signori materani. La copertura in alto è realizzata in pregevole legno.

Altre chiese molto interessanti sono la Chiesa del Purgatorio nella quale veniva venerato San Giovanni da Matera. In particolare questa chiesa è ricca di opere d’arte tra le quali spiccano senz’altro 8 tele che rappresentano il ciclo della passione di Cristo realizzata da Francesco Oliva, 3 grandi tele dell’altare attribuite al pittore materano Vito Antonio Conversi e 1 organo settecentesco di grande pregio.

Per chi fosse alla ricerca di un po’ di cultura storica c’è il Museo Ridola. Questo voluto da Domenico Ridola medico e archeologo dal quale deriva il nome, ospita tantissimi reperti risalenti al periodo paleolitico, neolitico e dell’età del metallo.

Sono inoltre presenti molti ritrovamenti della Magna Grecia e del periodo bizantino.

Ma Matera non finisce qui. Sono infatti tantissime le cose da vedere tra cui la Chiesa di S. Agostino, la cripta di San Giuliano, la Chiesa di San Pietro Barisano e tanti altri monumenti di questa città dalle mille sfumature.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.