Giovedì 18 Aprile 2019
   
Text Size

FESTA FEDERICIANA UN PLAUSO A PETALI DI PIETRA - LE FOTO

festa-federiciana-pp

gruppo-petaliA mezzanotte in punto, domenica 25 luglio, si è chiuso il sipario sulla seconda edizione dei festeggiamenti federiciani organizzati dall’associazione “Petali di Pietra”, al termine di una impegnativa settimana dedicata al Puer Apuliae, conclusasi non solo metaforicamente con i “fuochi d’artificio”. Un successo più che meritato, su cui nessuno nutriva dubbi.

Solo quattro i “petali” coinvolti nell’organizzazione: Elvira Pedone, Elisabetta Carnicelli, Valentina Montanarelli e Angelica Afferri, ma dotati di volontà ferrea e tanta energia.

Numerosi i patrocini, non sempre onerosi ma davvero pochi i contributi degli sponsor, a conferma che non vi è grandissima partecipazione ad eventi culturali che pur “riempiono” bar e pizzerie e portano turisti nella nostra città.

rappresentazione-castelloIl 20 luglio, dopo aver superato non poche difficoltà burocratiche, nel castello Normanno Svevo ha avuto luogo la conferenza “Vita di Corte ai tempi di Federico II”, relatori i professori Pasquale Cordasco e Giuseppe Losapio. Nel corso della serata è stato proiettato il film di Lucio Bianchini “Il Giorno, la Notte. E poi l’Alba”, prodotto da Paola Rota. L’opera ricca di suggestioni, è stata presentata dal regista e corredata da splendide musiche. Il 21 luglio banchetto medioevale nell’Osteria del Borgo Antico, il 22 Marco Brando ha presentato “Lo strano caso di Federico II di Svevia” presso il Rosamora Caffè ed infine il 24 ed il 25 la due giorni “federiciana” animata da cortei e abilissimi figuranti armati di cotta, scudi, spada ed arco pronti, per la gioia dei più pifalcoccoli, ad inscenare danzatricecombattimenti e dar prova pratica delle tecniche in uso nei secoli scorsi, coinvolgendo attivamente gli spettatori.

Tra le vie del centro storico e a ridosso del Castello i falconieri accompagnati da giganteschi gufi si sono prestati ad esibizioni e foto. Nell’Arco Paradiso quattro danzatrici del ventre, tra cui la bravissima Samira, hanno affascinato e sedotto un pubblico paralizzato dalle movenze sinuose e da tanta grazia. Negli altri archi sono gufostati allestiti l’accampamento dei templari e le stalle dove i piccini han potuto cavalcare, sia pur da fermi, due splendidi bardi.

Non potevano mancare giullari e saltimbanchi, sbandieratori e tamburi ed ovviamente l’imperatore e la sua sposa, pronti a sfilare in corteo. Tolto qualche paio arcierid’occhiali e acconciature non proprio d’epoca, i figuranti dai lunghi capelli e figurantitalvolta dalle fluenti barbe hanno convinto e regalato suggestioni “medioevali” ai presenti.

Una folla oceanica ha invaso Piazza dei Martiri, rendendo praticamente impossibile vedere il corteo uscire dal castello, poi lo stesso si è snodato in un lungo percorso che ha consentito a tutti di ammirarne la regalità.

follaParticolarmente realistica l’investitura del cavaliere, avvenuta tra tende e stand medioevali, allestiti con cura. C’erano conciatori di pelle, artigiani che fabbricavano ciondoli e anelli lavorati in rame grezzo, pugnali in foderi di pelle, intagli in legno e giochi medioevali, proposti dalle assocorteciazioni e dai ragazzi della Chiesa Madre, presenti anche numerosi punti ristoro e stand gastronomici ed artistici.

Da sottolineare la puntualità degli eventi in programma, replicati ad ore diverse e pertanto “godibilissimi” e l’originale “mappatura” del depliant, di facile lettura.

torturaMenzione d’onore all’allestimento delle sculture in ferrsediao, pietra e legno di Giuseppe Potenzieri Pace. Un artista versatile, abilissimo nel riprodurre icone, affreschi e candelieri “fondendo” - da abile artigiano del ferro - antico e moderno. In alcune sue opere la lavorazione è realizzata con ferro battuto, martelli e mantice ed è talmente ben riprodotta da ingannare anche i più esperti. Tra i suoi manufatti strumenti, armi, fiabesche “spade nella roccia”, asce e pugnali, orridi strumenti di tortura dell’epoca, documentati da schede che ne sarcofagoillustrano il raccapricciante utilizzo, una sorta di museo degli orrori dell’Inquisizione che ben si presta ad una rivisitazione dell’epoca. Una delle creazioni più originali, “in volo” tra i secoli, è l’angelo – zappa, dotato di ali “cesoie” ed aureola collare, scultura che ha riscosso notevole successo nell’Expo di Bari.

pubblicoTra il numeroso pubblico, anche “forestieri”!

Maria Elena, giunta da Trepuzzi, in provincia di Lecce, dopo aver seguito buona parte degli eventi commenta: “… Ma il sindaco dov’è? Da noi per ogni manifestazione anche meno importante di questa, c’è sempre un assessore o un’autorità che presenta e fa gli onori di casa… Non mi sembra giusto che questi ragazzi siano lasciati soli”.

elviraMa Elvira, diplomaticamente non si lamenta e ringrazia proprio tutti, in primis l’amministrazione comunale, per aver reso possibile l’evento.onori

Abbiamo investito davvero tutte le nostre forze in questa manifestazione - dichiara la presidente, portavoce “ufficiale” delle “petaline” - è stato bello vedere adesioni spontanee e disinteressate, a conferma che c’è ancora chi realmente crede nelle cose fatte per bene, ad esempio i ragazzi della Chiesa Madre, di Gioia Soccorso, della ludoteca Lo Specchio Magico, del Circolo Ippico Tre Carri ed altri ancora, per non parlare dei nostri più cari svilataamici e parenti, coinvolti e sconvolti dalla nostra impresa”.

Tra le compagnieparata presenti alla manifestazione: Miles Templi di Toritto, De Arte Venandi di Melfi, I Giullari della Clown Animazione e tante altre non menzionate.

Auguriamo a “Petali di Pietra” un futuro “federiciano” aureo e soddisfacente. Eventi come questi, se promossi a dovere e trasformati in appuntamenti fissi, potrebbero ben competere con rappresentazioni marchigiane e senesi rese celebri da un investimento soprattutto istituzionale e da collaborazioni tra gli enti.

Ringraziamo Mario Di Giuseppe per il suo ulteriore contributo fotografico messo gentilemente a disposizione della nostra redazione.

Commenti  

 
#3 Ass.Petali di Pietra 2010-07-27 23:14
Grazie Dalila per il meraviglioso articolo e grazie a voi tutti per il vostro sostegno!
Un particolare grazie va a Mario Di Giuseppe per tutte le foto scattate e per la straordinaria pazienza mostrata nel seguirci in tutte queste giornate!
Alla prossima
 
 
#2 Ass.Petali di Pietra 2010-07-27 23:10
Grazie!
La nostra unica soddisfazione risiede proprio nell'alto gradimento che anche quest'anno siamo riuscite ad ottenere da parte di tutti i visitatori, locali e forestieri.
La Festa Federiciana nasce proprio con l'intento di arrivare direttamente alla gente, in un clima festoso, popolare... Negli incontri di avvicinamento alla due giorni di sabato e domenica, abbiamo invece voluto sottolineare maggiormente gli aspetti storico-culturali. Grazie ai Proff.Cordasco e Losapio e agli interventi dei rappresentanti del Centro di Studi Normanno Svevi, abbiamo appreso aspetti della vita di corte ai tempi di Federico II. Il regista Paolo Bianchini ci ha raccontato il suo sogno circa un incontro tra Federico II e S.Francesco d'Assisi nel film "Il Giorno, la Notte.Poi l'Alba". Marco Brando ci ha presentato una visione più realistica circa la figura di Federico II grazie al suo libro "Lo strano caso di Federico II di Svevia". In collaborazione con Slow Food e l'osteria del Borgo Antico abbiamo anche curato una cena medievale.
Cultura e divertimento, è questo il nostro connubio vincente!
Sicuramente la Festa Federiciana deve crescere, ma abbiamo bisogno di una grossa mano. Dunque grazie a lei e speriamo che si realizzino le dovute sinergie per costruire un futuro per la Festa Federiciana!
 
 
#1 Cittadino 2010-07-27 18:21
Bellissima iniziativa! Bravi!
Solo una suggerimento: incrementare la divulgazione della cultura! Il 70 % della gente presenta alla manifestazione ignorava e continua ad ignorare che è stato Federico II di Svevia. Ci sono gioiesi che passano da sotto il castello di Gioia del Colle per una vita....e pensano che lì ci abitavano re e regine....
Conoscere la storia del territorio dove si vive, aiuta a migliorare il futuro.
Ancora Bravi e ci vediamo il prossimo anno!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI