HAFIDA FARIDI – LA POESIA DEL MONDO ARABO

n113209178706691_7441

06-01-foto_bn-hafida_faridi_piccolaGiovedì, 15 aprile, ore 20, Spazio UnoTre ospiterà nella sua rassegna dedicata alla poesia Hafida Faridi, mediatrice culturale, docente di lingua araba, sposa e madre di tre figli, una vita vissuta tra due terre, la “rossa Marrakech”, “perla” del Marocco, che le ha dato i natali e Gioia, sua seconda patria.

Lo chador la avvolge da sempre, sia a scuola che per strada, il suo abito lungo, elegante nella sua semplicità ed il passo rapido la rendono inconfondibile, ma ciò che di Hafida più incanta è l’immediatezza con cui traduce sentimenti ed emozioni, in virtù di una rara sensibilità “linguistica” che le ha consentito di pubblicare suoi scritti in una rubrica nelle pagine interculturali della Gazzetta del Mezzogiorno.

Qualche anno fa dette vita ad una associazione: Aafak (OriDSC_2650zzonti), il suo mondo non comprese a pieno le potenzialità di “integrazione culturale” da lei intuite, il suo tentativo di “volare alto” ed il suo viaggio proseguì nella scuola, presso cui tuttora opera.

I suoi interventi in occasione di corsi e conferenze, sempre misurati eppur intensi ed accorati, hanno “colpito” e suggerito riflessioni, ricordiamo la conferenza “Un solo Dio, tre verità” organizzata nel marzo del 2008 dal Lions Club Monte Johe, l’ultima che vide don Vito Marotta sul palco del Rossini e di recente la presentazione del calendario delle tre religioni.

24887_384791397452_754362452_3750006_1983580_n25674_1264508413077_1240752989_30641540_2464107_sIn questa serata in Spazio UnoTre, in via Barba, 13, alle spalle dell’INPS, proporrà delle sue riflessioni poetiche inedite, tanti i temi trattati, tra tutti l’amore e la vita.

A dar voce al suo sentire Laura Colaninno, splendida “regista” nella serata dedicata alla poesia di Susanna De Mattia. Mario Pugliese tradurrà in immagini la magia del Magreb, ed ai presenti sarà offerto un tè alla menta, preparato da Hafida secondo la sua tradizione, a far sì che anche “gusto ed olfatto” si lascino sedurre dalle fragranze arabe evocate dai versi.