Domenica 27 Settembre 2020
   
Text Size

CENTRO POLIFUNZIONALE “LE TORRI”, L'AMMINISTRAZIONE TACE

20771_1348709166597_1497375

SaveIl Centro Polifunzionale “Le Torri” ancora una volta nel mirino di vandali e balordi. Anche domenica scorsa è stato oggetto di episodi di puro vandalismo messi in atto dai soliti teppisti che gironzolano senza meta nel quartiere, sempre alla ricerca di nuove emozioni.

In questa circostanza - afferma Vito Tinelli promotore su Facebook del gruppo: “Centro polifunzionale "le Torri" Gioia del Colle. Apriamolo !”, dopo aver scardinato la porta d’ingresso, ed essersi introdotti furtivamente nel bar, posto al di sopra del supermercato, inaugurato nell’estate di due anni fa e chiuso l’estate scorsa a causa non solo degli elevati costi, ma anche della mancata apertura dell’intero complesso, hanno rubato un televisore, il water del bagno e rotto tutto quello che potevano rompere all’interno della stessa struttura”.

Save0001L’ennesima “visita” di cortesia effettuata ad una struttura ormai in pieno stato di abbandono e di degrado “tra l’indifferenza dell’amministrazione - riferisce Vito Tinelli - nonostante le centinaia di denunce depositate dal 2005 ad oggi al Comando Stazione dei Carabinieri, oltre alle numerose segnalazioni fatte all’amministrazione comunale”.

Denunce e missive a cui – sostiene - non c’è mai stata una risposta, né sono mai stati presi provvedimenti”, tanto da costringere il fautore di questo gruppo, “stufo di tanto silenzio” e della “scarsa attenzione al problema”, a chiedersi non solo quale sia “il ruolo delle autorità comunali e delle autorità istituzionali, se non quello di tutelare i singoli cittadini”, ma anche per tramite di Facebook a domandarsi e domandare: “Il primo cittadino dove sta? Ma la giunta comunale è in città? Se qualcuno ha notizie che ce lo faccia sapere!

Ma anche in questa circostanza dal Palazzo non è pervenuta alcuna risposta. Evidentemente per l’attuale amministrazione questo problema continua ad essere un tabù irrisolvibile a causa di alcune palesi contraddizioni manifestate sulla vicenda.

Non per nulla ai tempi dell’amministrazione Mastrovito, è utile ricordarlo, gli stessi politici che oggi governano il paese erano fortemente contrari all’inaugurazione del centro polifunzionale. Tanto da sostenere apertamente la battaglia legale portata avanti da alcuni commercianti locali, avversi alla sua apertura da loro considerata non rispettosa delle norme vigenti.Delib.G.M.n

Una contrarietà, una volta eletti, non confermata se oggi l’Ente, da loro rappresentato, con delibera di Giunta n. 208 del 12.11.2009, si è costituito - “per meglio cautelare gli interessi dell’Ente” - contro il ricorso presentato innanzi il TAR Puglia da parte della PANDIVA s.r.l..

Un atto dovuto o subito, se oggi si continua ad ignorare anche le denunce presentate dagli stessi cittadini?

Visita http://picasaweb.google.it/redazionegioianet/ 2010/centro le torri{/gallery}

Commenti  

 
#3 patrick 2010-03-11 12:23
Ciao io sono un dipendente del brico io, volevo solo dirti che come te credo sia veramente un peccato che ua struttura del genere sia in questo stato tra l'altro se ne fregano se le attività all'interno vadano male e la gente che ci lavora finisca per rimanere a casa; senza contare il fatto che se avessero dato la possibilità di sfruttare i locali superiori avrebbero dato altre possibilità di lavoro. Voci di corridoio dicono che il gioco politico sia per il fatto che il sindaco è di centro destra e noi quindi una cooperativa....insomma siamo in italia (con la i minuscola).
 
 
#2 peppe 2010-02-18 14:37
.... sarà anche privata, ma il comune ne è corresponsabile. Sbaglio o il parcheggio è pubblico? Al suo interno non c'è una strada dove i vigili fanno decine di multe al mese? E i marciapiedi laterali sono proprietà privata o pubblica? Perchè non si sistemano e puliscono? I componenti di questa amministrazione, ieri, prima di essere eletti, erano contrari all'apertura di questa struttura, oggi la difendono, come mai?
 
 
#1 tantoper 2010-02-18 11:55
:cry: Chiedere all'amministrazione di tutelare la struttura in questione, è francamente un tantino azzardato, dal momento che stiamo parlando comunque di un bene privato e non per questo, la collettività deve gravarsi di sostenere le spese per il suo mantenimento contro atti di vandalismo.
Detto questo, qualcuno dimentica che su quella struttura pende un ricorso giudiziario da diversi anni, e quindi bisogna attendere la sentenza definitiva.
Inoltre vedo che le attività interne alla Coop già non è che vadano tanto bene, e quindi si rischierebbe comunque di vedere attività che durano il tempo di un giorno.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.