Sabato 15 Agosto 2020
   
Text Size

UN DUE E TRE, E IL PLATANO SECOLARE NON C’É PIÚ-foto

platano-tagliato-pp

platano tagliato2Nei giorni scorsi il taglio di un enorme platano all’interno di un giardino in via Padre Semeria, ha causato non pochi danni ad uno dei palazzi adiacenti il giardino stesso.

Danni, per altro, che potevano essere ben peggiori, a causa della maldestra operazione che ha portato al “crollo” dell’albero in parte “rovinato” sul piano rialzato del civico 2, curvando le barre di ferro del balcone del piano rialzato e rompendone un angolo.

Prontamente rimosso (ma non senza prima essere stato fotografato), il platano ha lasciato in ricordo non solo la sua ombrosa presenza - pare, infatti, che oscurasse con la sua fluente chioma le finestre degli appartamenti platano tagliato3- ma anche una frattura nel cemento e forse qualche vetro rotto.

Nei giardini davvero ben curati della zona, la presenza lussureggiante di piante secolari le cui radici divengono, purtroppo, fonte di problemi, porta spesso ad interventi drastici quali lo sradicamento degli alberi o il taglio degli stessi con costi “condominiali” anche sensibili.

In questo caso al “taglio” si è aggiunta la “beffa” di una imprevista riparazione.

Commenti  

 
#5 schizzo 2013-02-10 19:51
bisogna capire se era un albero sano, pericolante,ecc..ricordiamo che è un peccato tagliare gli alberi, ma è anche molto pericoloso mantenere a tutti i costi alberi malati, pericolanti che mettono a rischio cose e persone...tra l'altro gli alberi cittadini sono piantati quasi sempre con un fine anche estetico come le alberature dei viali, quindi in questo caso anche alberi sani ma che presentano forme strane possono subire l'abbattimento per ragioni estetiche come dovrebbe essere, per esempio, per la maggior parte dei ligustri di viale degli studi ormai ridotti a monconi di tronchi con ciuffi di foglie e rami..ecco quegli alberi, benchè ancora "vivi" dovrebbero essere sotituiti in quanto alberature cittadine che hanno anche e sopratutto un forte valore estetico..
 
 
#4 povia innocente 2013-02-10 18:47
Attenzione, un platano stà ad un cedro come una mucca ad un ippopotamo. Se nel giardino didattico di Gioia ci fossero meno svarioni forse questo non succederebbe
:cry:

La Redazione
O platano o cedro o pino o abete, cosa vuoi che sia di fronte ad un ulteriore scempio ambientale. A parte il fatto che quel termine non ce lo siamo inventato ma ci è stato riferito. Quando prenderemo la specializzazione anche in botanica, probabilmente, anzi no, quasi sicuramente, potremo evitare non solo questi errori terminologici da te evidenziati (non sappiamo se a torto o a ragione) ma forse anche gli stessi scempi, ben più importanti dell'utilizzo di un semplice termine, che non sposta di una virgola il problema.
Saluti
 
 
#3 stefano 2013-02-10 18:39
Dov'è il wwf?
 
 
#2 e quindi? 2013-02-10 17:56
Non traggo nulla da questo articolo.

La Redazione
No? Beh, se non trai nulla, allora anche l'albero non esisteva. Forse è per questo che al verde, e non solo purtroppo, sono in pochi ad interessarsi o non non ci si fa più caso. Ma non è, ci dispiace, frutto di semplice quanto fervida fantasia.
Buona serata.
 
 
#1 Fermate povia 2013-02-10 15:41
Stanno disboscando gioia signori. Via paolo cassano poi questo platano restate a guardare continuate prego...
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.