Martedì 20 Ottobre 2020
   
Text Size

OMICIDIO INTELLETTO. PRESO UNO DEI PRESUNTI AUTORI

carabinieri-indagini-pp

arresto-carabinieri-È stato arrestato dopo oltre quattro anni di latitanza uno dei presunti responsabili dell'omicidio dell'imprenditore agricolo Giuseppe Intelletto, di 40 anni, assassinato durante un tentativo di rapina compiuto in un locale privato gioiese il 6 gennaio 2008 mentre l'uomo giocava a carte con alcuni amici.

Si tratta del pregiudicato albanese Olsi Shaqlli, di 38 anni. L'uomo - a quanto si è appreso oggi - è stato arrestato in Albania dall'Interpol lo scorso 13 novembre e stamani ha partecipato al processo con rito abbreviato che si sta celebrando davanti al gup del tribunale di Bari, Sergio Di Paola, in cui sono imputate per gli stessi fatti altre quattro persone, una accusata, come Shaqlli, di tentata rapina, omicidio e porto d'armi, le altre tre di favoreggiamento.

Shaqlli era stato identificato poche settimane dopo il delitto quando, convocato dai carabinieri della locale Compagnia, aveva lasciato tracce del suo dna su un bicchiere in cui aveva bevuto dell'acqua in caserma. Quelle tracce di saliva erano poi state confrontate con il dna presente su una maglia sporcacaserma-compagnia-gioia di sangue sequestrata in casa del 38enne. Sangue in parte dell'imputato e in parte della vittima. Temendo di essere arrestato, l'uomo era quindi fuggito in Albania.

Shaqlli ha chiesto di poter comparire in aula assistito dal suo difensore di fiducia. Il processo è stato aggiornato all'udienza del prossimo 15 gennaio. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, gli autori della rapina (chi sparò materialmente a Intelletto non è mai stato identificato), mascherati con passamontagna e armati con pistola, fecero irruzione in un locale di consulenza agricola, in via della Fiera, dove alcune persone stavano giocando a carte. La reazione dei presenti scatenò una violenta colluttazione. I rapinatori, per garantirsi la fuga, spararono alcuni colpi di pistola. Uno di questi colpì Intelletto che, a causa delle gravi ferite riportate alla testa, morì alcuni giorni dopo nel policlinico di Bari.

(fonte Ansa)

 

Commenti  

 
#7 antonio 2012-11-23 00:16
complimenti vivissimi a quanti hanno contribuito all'arresto.
 
 
#6 vera 2012-11-22 11:08
a sti s....zi.....gli diamo pure ospitalità nel nostro paese, assistenza sanitaria, fiscale, sociale e questi sono i ringraziamenti. è pur vero che la delinquenza non ha colori, nè nazionalità nè sesso ma cerchassero di rendere grazie se riescono a vivere in un paese alquanto civile rispetto al loro!...e non si polemizzi su quanto ho asserito...vi prego! parliamo di persone che tolgono ad altre persone il diritto alla vita! :sad:
 
 
#5 Andrea68 2012-11-21 19:33
PENA DI MORTE, PENA DI MORTE!!!!!!!!!!!!!!
 
 
#4 #ANTONIO 55 2012-11-21 19:22
i nomi dei complici voglio e che sia fatta giustizia
 
 
#3 Dada 2012-11-21 18:58
Speriamo ke la giustizia sia della stessa opinione
 
 
#2 galuanna 2012-11-21 18:57
E' stato preso!!!
 
 
#1 GIOIESE INDIGNATO 2012-11-21 17:28
CHE SIA BUTTATA LA CHIAVE.......DOPO LA CONDANNA.......UNA MOGLIE E DEI FIGLI PER COLPA DI TALI ESSERI INQUALIFICABILI, NON POTRANNO MAI PIU' AVERE PIENA GIOIA DELLA VITA.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.