Giovedì 18 Luglio 2019
   
Text Size

DOPO LE BUCHE ECCO SPUNTARE GLI SCIVOLI KILLER-foto

scivolo-posta-pp

scivolo posta2Recarsi presso l’Ufficio Postale centrale, o passeggiare da quelle parti, da mesi è diventato molto pericoloso. Non bastavano le innumerevoli buche di cui sono dotate le nostre strade, o i mattoni dei marciapiedi non fissati adeguatamente a rendere la vita dei pedoni alquanto rischiosa. Dopo le buche killer, è la volta degli scivoli altrettanto killer. Un altro attentato, non tanto evidente quanto incombente, alla incolumità pubblica che pende come una spada di Damocle sulla testa di tutti i cittadini, nessuno escluso.

A detta dei residenti, che si affacciano sull’Ufficio Postale, “non c’è giorno che questi scivoli non mietano vittime”. “Minimo in due, tre al giorno – racconta Donato, un esercente della zona, spalleggiato da altri frequentatori del rione –, rimangono vittima di questo scivolo scivolo e bucapericolosissimo per via della sua scivolosità fin troppo accentuata. Non solo anziani o mamme con passeggini o bambini in braccio, ma anche tanti giovani hanno rischiato di rimetterci le penne”.

Anche questa mattina – prosegue accalorato – ci sono stati due casi che per un pelo non si sono trasformati in tragedia. Prima una signora con un bambino in braccio è scivolata, e deve solo dire grazie alla sua prontezza di riflessi se è riuscita a salvare suo figlio da un quasi inevitabile urto della testa contro il marciapiede. Poi è stata la volta di una ragazza scivolo posta pendenzache si è ritrovata senza neanche accorgersene con il sedere per terra. Non se ne può più, questo scivolo è diventato un autentico pericolo, anche per i miei clienti”.

Più volte – conclude – ho interpellato i Vigili Urbani facendo presente questo rischio e chiedendo di provvedere o far provvedere, ma fino ad oggi non è cambiato niente, anzi. Per caso dobbiamo aspettare che ci scappi anche qui il morto perché qualcuno si degni di intervenire?”.

Eppure basterebbe poco per eliminare il problema – aggiunge un suo amico -. Se proprio scivolo barrieranon ci sono soldi per sostituire quella pietra, basterebbe applicare sulla pietra stessa messa troppo in pendenza, e fin troppo levigata, delle strisce adesive antiscivolo, come quelle che si usano sulle scale dei palazzi pubblici. Quanto ci vuole per fare questa operazione, sia in termini di costo che di tempo?”.

E non ha tutti i torti ad affermarlo, soprattutto se si considera che lo stesso scivolo è circondato da altre insidie, come ben dimostrano le immagini allegate. In pochi metri quadrati c’è di tutto e di più. Dalla buca oramai divenuta una voragine con tanto di pietre aguzze, presente a pochi passi, nel bel mezzo della strada, allo scivolo posto sull’altro lato che più che eliminarla fa da barriera architettonica, così come lo stesso scivolo killer. Entrambi, spesso e volentieri bloccati da mezzi che sostano in una zona dove non potrebbero sostare.

Ma a Gioia, si sa, ormai tutto è permesso. Anche questo, meno che essere certi di poter camminare sani e salvi per la propria strada.

Commenti  

 
#9 malcapitato 2012-09-04 14:22
... Anche stamattina ennesima scivolata in corso garibaldi con angolo bartolomeo paoli :-.....di scivoli pericolosi ce ne:-)sono tanti.....
 
 
#8 mar 2012-09-04 14:09
Scusate ora ce anche un altro problema oltre alle buche agli scivoli e ai cani randagi ci sono gli ubriaconi a piede libero in via minotauro che fanno cacca davanti alla casa di una mia vicina.con tre bimbi piccoli, lasciano bottiglie.con alcol dentro. Ma dove.siamo arrivati nello schifo..... Le forze dell'Ordine facessero un giro da quelle parti che troveranno ancora.la.sorpresa....
 
 
#7 La Redazione 2012-08-30 12:58
Anche questa mattina, intorno a mezzogiorno, c'è stata l'ennesima scivolata. Un altro anziano gioiese, purtroppo, è stato tradito dalla pietra finemente levigata, e non riuscendo a mantenersi in equilibrio, ha battuto il ginocchio per terra. Anche per lui una forte contusione e tanto dolore. L'esercente Donato ha chiamato nuovamente i vigili. Prontamente intervenuti sul luogo, gli stessi hanno informato dell'accaduto l'ufficio tecnico comunale. Il responsabile ha dichiarato che "qualcosa in merito si sta muovendo". Ci auguriamo che ciò corrisponda al vero, prima che qualche cittadino sporga denuncia per lesioni aggravate chiedendo il giusto indennizzo nei confronti dell'Ente, cioè di tutti noi.
Buon appetito a tutti.
 
 
#6 oltreilmuro 2012-08-30 11:29
per natura lo "scivolo" non potrà mai essere un killer bensì, quel (...)l'ufficio tecnico che seguì allora i lavori (...) a non far rispettare la norma. Pare, o, forse è proprio così la pendenza non può superare l'8%. se la matematica non è unaopinione e i numeri non dicono il falso, il rispetto dell'8% è una gran UTOPIA. quindi se killer ci sono, sono seduti alle poltrone del palazzo municipale. E IO PAGO! Perchè non rendere responsabili i responsabili?????????
 
 
#5 Anna R. 2012-08-30 11:05
Graz, vedrai che nel PUGT ci sarà un capitolo dedicato alle buche, prima però deve essere tutto doverosamente pubblicizzato in conferenza stampa per fare audience e cercare consensi. Non è un problema percepito come SERVIZIO alla città ma come vetrina per distrarre l'attenzione dalle altre ben più importanti AZIONI speculative messe in atto in nome e per conto della crescita della città. La storia la conosciamo bene, prima la subivamo in silenzio, ora se ne parla ad alta voce e si denuncia creando spazi di cittadinanza attiva di cui questi signori dovranno tenere conto. Il prosciutto dagli occhi ce lo siamo tolti, anche perchè con questi chiari di luna rischiamo di dovercelo mangiare per sopravvivere. Inizino a pagare per gli errori già fatti, prima di commetterne altri che tra qualche anno, sentenze alla mano altre amministrazioni addebiteranno alle precedenti. E noi PAGHIAMO! Ora basta! Io non ci sto più e non credo di essere la sola.Facciamoci sentire!
 
 
#4 Graz 2012-08-30 11:01
Confermo è capitato anche a me di vedere gente scivolare specie in quel punto. Ho poca speranza che il problema verrà risolto visto come NON è stato risolto il problema buche visto che le buche sono ancora lì. Dopo quanto successo mi aspettavo che l’amministrazione comunale provvedesse quanto prima a far chiudere almeno le buche più pericolose. Invece niente, non capisco se è una questione economica o di indifferenza verso i cittadini. Opto più per la seconda visto che il costo di qualche secchio di catrame non credo sia eccessivo. Un saluto con la speranza di una maggiore attenzione verso i più deboli dove una caduta può essere fatale.
 
 
#3 Veleno 2012-08-30 10:22
Non ci crederete, ma mentre passavo di lì stamattina un signore stava davvero per finire di sedere a terra... si scivola che è una bellezza! Non è che qualcuno ci ha passato su pure la cera?
 
 
#2 Muovetevi 2012-08-30 08:24
Quello scivolo non rispetta sicuramente la norma e sicuramente è pericoloso anche per i diveramente abili su carrozzina. Chi di dovere vada a rendersi conto e lo sistemi immediatamente.
 
 
#1 leo 2012-08-29 22:53
Ciao non so chi e l’ideatore di tutto ciò ma sono sicuro che questi lavori furono fatti tra il 2007 ed il 2009 adesso diamo la colpa a questa Amministrazione di questo scempio!!!!!!!!!!!!!
CMQ segnalare fa piacere ma perseverare diventa diabolico

La Redazione
L'ideatore di cosa? Perseverare in che cosa? Sapere la data dei lavori a chi dovrebbe interessare? Al malcapitato di turno? Per farne cosa? Egregio leo i problemi, quando si presentano, devono essere risolti immediatamente e senza guardarsi indietro. Soprattutto se riguardano l'incolumità pubblica. Che facciamo? Solo perchè sono stati realizzati dalla precedente amministrazione non si interviene? Dicci che stavi scherzando.
Buona giornata a tutti.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.