Venerdì 19 Luglio 2019
   
Text Size

BRUCIA CASSONETTO, GIOVANI GIOIESI EVITANO IL PEGGIO-foto

incendio-cassonetto-via-cavour-pp

incendio cassonetto via cavour1La tempestività e la presenza di spirito di Francesco Berenato, di uno dei titolari del Panificio Lorusso, e di un giovane passante, ha evitato che un cassonetto, presente su via Tanucci, angolo via Cavour, potesse bruciare fino a trasformarsi in un rogo.

Erano da poco passate le 2 di questa notte, quando alcuni passanti hanno notato fuoriuscire dal cassonetto del fumo. Fumo che man mano che passava il tempo diventava sempre più denso ed intenso. Segno evidente che all’interno dello stesso era in atto un principio di incendio che si è poi manifestato con pericolose vampate. Se dovuto ad autocombustione o a dolo non è dato sapere.

Immediata è stata la reazione dei presenti, tra cui il Berenato e il giovane di passaggio (di cui purtroppo non si conoscono le generalità, per ringraziarlo), che si sono “industriati” per far fronte a questa emergenza.incendio cassonetto via cavour4

Prima decidendo di spostare il cassonetto in una zona più ampia e sicura (era circondato come di consueto da numerosi cartoni che sicuramente avrebbero alimentato le fiamme) e di allertare la squadra antincendio, di cui lo stesso Francesco fa parte insieme a suo padre.

Successivamente di passare direttamente all’azione utilizzando un estintore in dotazione del panificio.

Grazie alla loro azione congiunta, pensiero ed azione, tanto veloce quanto efficace, sono stati scongiurati ulteriori pericoli, sia per le persone che per le cose, ed evitato uno spreco di altre risorse pubbliche, oltre che di sicuri disagi, a carico di tutta la collettività.

Commenti  

 
#4 UnodeiTanti 2012-08-28 15:25
Cara redazione,
allora se il mio commento Le sembra criptato allora lo scrivo in chiaro:
come fa il protagonista principale a trovarsi sempre sui luoghi di incendi (guarda caso alle 2 di notte! 8) ) con tanto di riporto fotografico?
Adesso spero di essere stato come il sole!

La Redazione
Ora va già meglio e possiamo rispondere senza alcun problema. Nel caso evidenziato le foto non ci sono state inviate ma appartengono a un componente della Redazione che trovandosi a passare di lì per caso, come tanta altra gente, le ha scattate con il suo cellulare. Quindi nessuna messa in scena, se era questo il dubbio.
Saluti.
 
 
#3 UnodeiTanti 2012-08-28 14:46
Cara Redazione come mai non è stato pubblicato il mio commento? Non credo fosse da censurare in questo modo, o lei è amico dei giaguaro?

La Redazione
Non è come dici. E' un commento senza alcun significato. A meno che non fosse un commento in codice, criptato. Come tu stesso dici: "Capisc a mè! :-*".
Buon pomeriggio a tutti.
 
 
#2 p. 2012-08-27 06:58
RINGRAZIAMO ANCHE VIRGILIO DE ROSA CHE ERA LI' A DARE UNA MANO PER SPEGNERE QUEL CASSONETTO IN FIAMME.......CMQ EVVERO CHE QUEL NEGOZIO I CARTONI DEVE BUTTARLI ALTROVE,MA E' ANCHE VERO CHE GIOIA E' PIENO DI (...).......
 
 
#1 tantoper 2012-08-26 10:26
Lungi da me buttare la croce addosso a qualcuno, ma in quel punto (angolo di via Tanucci con via Cavour) al titolare del negozio di detersivi bisogna far capire che i cartoni non devono invadere quell'angolo. Allo stesso modo chiedo se è mai possibile che con l'ufficio dei vigili nelle immediate vicinanze, si possa consentire che ciò avvenga (non è raramente ma quotidianamente).
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.