Venerdì 24 Gennaio 2020
   
Text Size

ULTIM'ORA: DECEDUTA NONNINA INVESTITA SU STRISCE PEDONALI

investita-nonnina

tracce-di-sangue-su-asfaltoLa signora 75enne, investita ieri sulle strisce pedonali dell'ex statale 100, nei pressi dell'ingresso del supermercato Lidl, purtroppo non ce l'ha fatta.

Ci è stato comunicato che è deceduta in seguito alle ferite riportate nell'incidente, risultate evidentemente più gravi di quanto facessero presagire a prima vista.

A nulla è valso l'impegno profuso dai sanitari dell'Ospedale Miulli, in cui era stata ricoverata, per tentare di salvarla.

Si aggrava quindi la posizione dell'investitore, un gioiese 63enne che l'ha investita alla guida della sua parabrezza-rottoRenault Scenic, che dovrà rispondere non più di lesioni gravi ma, è molto probabile, di omicidio colposo.

Dopo questo ennesimo e purtroppo tragico incidente in tanti sperano si prendano provvedimenti seri per garantire una maggiore sicurezza su questa strada, a tutti gli effetti comunale ma dalla maggior parte degli automobilisti utilizzata come fosse ancora una statale, per evitare che simili incidenti possano verificarsi nuovamente.

 

Commenti  

 
#22 marco 2011-02-11 14:26
dispiace molto, per tutti, ma ieri sera notavo che non è facile vedere le striscie e credo che manchi anche la segnalazione verticalate. per chi non è di Gioia non è facile "capire" o vedere le striscie, poi si puo discutere sulla velocità o sulla sfortuna.........
 
 
#21 nico 2011-02-11 13:22
Mi spiace di aver causato turbamento, col mio intervento, tra alcuni dei lettori del blog. Il mio era un semplice sottolineare che il valore connotativo di un termine non può in nessun caso essere sottostimato. Mi rendo conto che discorsi di questo genere non possano avere la pretesa di coinvolgere chiunque e che, mancando uno sfondo culturale comune, la comunicazione risulti poco efficace, se non addirittura distorta. Mi trovo d'accordo col signor Antonio N. quando sostiene che i semafori siano ormai retaggio antico: occorrerebbe magari puntare più sui dissuasori di velocità come speed check, dossi artificiali, rondò.
Un caro saluto a tutti.
 
 
#20 Adriano 2011-02-11 12:55
Bisogna aggiungere semafori nelle prossimità delle strisce pedonali con pulsanti di prenotazione per far scattare il rosso alle auto, permettendo al pedone di attraversare con tranquillità col verde come si vedono in altre città.
 
 
#19 Antonio N. 2011-02-11 10:27
in Italia il semaforo via via vanno scomparendo e invece voi che dite?? metteteli? Ma perfavore!!! Bisogna creare(come la via di noci) gli attraversamenti pedonali rialzati. Restiamo con qualche speranza che il "nuovo Assessore" crei qualcosa... :roll:
 
 
#18 colcavolo 2011-02-11 06:25
Mettere qualche semaforo in più sopratutto in quella zona e in altre simile a quella darebbe il giusto onore a questa povera Signora che ha perso la vita così brutalmente. Ciao Costanza...(così si chiama la vittima)
 
 
#17 Francesca 2011-02-10 16:32
Mettete un dannato semaforo nel punto in cui si deve attraversare e fate funzionare ogni tanto quelli che ci sono già (spesso gialli per giornate intere e addio pensare di attraversare!) invece di sprecare i nostri soldi in tante porcherie che si vedono in giro, primo fra tutti a dominare incontrastato lo scempio della Coop! Che schifo, ma vi siete mai fatti un giro nei locali distrutti? SOLDI NOSTRI, NOSTRI SUDORI! Un semaforo cavolo!
 
 
#16 Vito10 2011-02-10 11:45
ovviamente sono d'accordo con Teresa ... ma vede cara signora c'è da dire di più; gioiesi, come il sig Nico, vogliono anche imporre i propri punti di vista senza pensare che c'è gente che non vuole assolutamente rinunciare nemmeno un minuto al proprio diritto all'informazione scritta e/o mostrata in foto. Se il sangue lo impressiona si leggesse topolino! e lasci a chi ha voglia di capire, tutto il diritto di farlo.
Tornando al fatto serio, adesso vedrete che dopo anni di richieste, di segnalazioni, ecc., e dopo che una nonnina ci ha lasciato le penne, sulla ex SS 100 "subito" metteranno i dissuasori di velocità.
Con termine nonnina esprimo un affetto profondissimo per la persona deceduta, ma a volte capita di incontrare persone la cui sensibilità è pari al nulla! E' vero Nico
 
 
#15 muratore@ymail.com 2011-02-09 21:11
Come mai alla coop vi è un marciapiede e dal lidl il lato del supermercato è ancora nel 2011 aperta campagna (non elettorale sia chiaro signor sindaco!). Come mai arriva un colosso della distribuzione, il comune riceve gli oneri per costruire il supermercato e nessuno prima di farlo entrare in funzione pensa a far i DOVUTI INTERVENTI. Altrimenti mi spiegassero come mai i supermercati si fanno in zone a servizi URBANIZZATE e non nelle zone agricole. Tipo io ho un terreno sulla via per Acquaviva zona 3 carri per intenderci pericolosissima posso farlo la un supermercato? Chi sarà il folle che mi dà la licenza... ah forse se rientra nella rigenerazione urbana me la danno la licenza.
Ma se non cambiano gli uomini che NOI TUTTI votiamo come si fa a cambiare rotta. Andate a vedere il lidl di Massafra e rendetevi conto... non si accede dalla statale ma bensì dalla traversa...!
Mi viene il dubbio: o massafra ha qualche tecnico al comune o a gioia non ne capiscono una ... (mi automodero).
Ciao Gioiesi.
 
 
#14 posticcio 2011-02-09 16:17
povera nonnina.
 
 
#13 Genco Teresa 2011-02-09 14:26
Gioiesi non vi capisco!
Ma alla fine che importa la forma, è la sostanza che deve catturare l'attenzione.
Una persona non c'è più, e di certo non cambierà nulla se la chiamiamo nonnina, signora o vecchietta.
Interroghiamoci sulla sicurezza di quella strada, domani chi attraverserà: vostra moglie con vostro figlio, vostra madre, vostra nonna e che Dio li protegga sempre...
 
 
#12 peppe 2011-02-09 13:28
certo nico che devi essere piuttosto arzigogolato e molto fantasioso anche, eh. ma come fai a sostenere tutto quello che hai scritto. se non sbaglio il termine nonnina non può essere considerato nè offensivo nè dispregiativo, anzi, sicuramente è stato usato in modo forse confidenziale, già dal primo articolo, quando l'autore, ma anche noi tutti, non pensava al tragico epilogo, non certamente per mancanza di rispetto, per sviare l'attenzione di chi e da cosa, o per malafede. ma dai, su. con la tua fervida fantasia contribuisci invece in modo fattivo dando suggerimenti in modo che quanto successo non si ferifichi più in futuro.
 
 
#11 muratore@ymail.com 2011-02-09 13:12
se voi pensate che per fare una minirotatoria giù al Sacro Cuore (abbas' ai' Cruc') sono trascorsi 2 mesi e non la fanno immaginate il resto. Campa cliente del supermercato (cavallo) o non camperà?
A proposito, vi ricordate la strisciata blu ciclabile?
Ciao Gioiesi.
 
 
#10 nico 2011-02-09 12:47
Al signor dovì, e alle sue sciocche allusioni, hanno risposto i commenti successivi.
Premetto che ciascuno sceglie il proprio stile per informare: macroesempi possono essere, nei tg nazionali, l'incremento delle "notizie" di tipo scandalistico, oppure quello delle notizie politiche, sportive e via dicendo. Arriviamo al caso presente: il termine "nonnina" possiede, e spero possa convenire chi scrive per informare, una forte valenza connotativa, per cui è possibile inferire facilmente quanto sia stata incauta la vittima dell'incidente stradale, spostando l'attenzione del lettore dalla realtà dell'accaduto (un incidente stradale con un morto) alla poca destrezza dei pedoni quando si attraversa la strada. Ricordo che i pedoni hanno il sacrosanto diritto di uscire di casa e di poter ritornarvi sani e salvi e l'automobilista dovrà in ogni caso adeguare velocità e stile di guida alla tipologia di strada che sta percorrendo.
Un incidente stradale che coinvolga pedoni ha sempre delle ragioni che risiedono nell'uso scorretto e troppo nonchalant dell'automobile ed è su questo che un informatore dovrebbe porre la propria attenzione, selezionando al meglio sia i contenuti sia la terminologia più adatta al caso preso in considerazione. Quanto al particolare truculento del sangue sull'asfalto, credo sia lesivo della persona deceduta e, inoltre, non aggiunga nulla alla sostanza dell'evento. Captare l'attenzione del lettore mediante particolari truculenti credo sia al di fuori della deontologia giornalistica di qualità (è vero, tanti lo fanno, e infatti i loro TG fanno pena: il loro esempio negativo non può essere considerato valido a sdoganare la pratica ai giornalisti locali) e andrebbero evitati.
Rinnovo la mia stima nei confronti di chi scrive sul presente blog (che purtroppo non conosco personalmente) e spero di avere questa volta chiarito il tenore del mio precedente intervento.
 
 
#9 Genco Teresa 2011-02-09 11:16
Di tutte le volte che sono andata in quel supermercato (a piedi) mai un automobilista mi ha "ceduto" il passo sulle strisce, se vuoi attraversare ti devi buttare a tuo rischio e pericolo!!!
Mi spiace tanto per la signora ed i suoi cari.
 
 
#8 petrosino 2011-02-09 01:37
il problema è la velocità, l'ex s.s.100 non è per molti una strada urbana. Provate ad attraversare l'incrocio della via di Noci, si aspetta invano che qualche anima buona rallenti almeno. Inoltre l'amministrazione invece di rendere la strada a più scorrimento con le rotatorie, dovrebbe essere ricollocati i semafori.
 
 
#7 toni 2011-02-08 22:40
quello e un punto ke gli automobilisti nn si fermano a dare la precedenza ai pedoni nn trovi nessuno ke si ferma per far passare la gente.
 
 
#6 nunzio 2011-02-08 21:49
non solo quel punto, bisogna educare tutti gli automobilisti perche' ci sono le strisce pedonali! E rimandare a scuola tutti i cosi' detti poloizia municipale che sono i veri colpevoli perche; sanno che ci sono leggi al quale loro non glie'nefrega niente multate loro per il dovere che non fanno,bisogna educare loro sulle regole stradale che sono i primi ad ignorarle.
 
 
#5 dovì 2011-02-08 21:12
Chiamare una signora 75enne "nonnina" è un'offesa? E l'etica cosa centra? E le macchie di sangue sono una bugia? In altre testate, non solo nazionali, fanno vedere ben altro. Ma per favore pensiamo a problemi più seri anzichè prendercela con la redazione o con chi ha scritto l'articolo (a meno che nico non ce l'ha proprio con loro). Magari facendo proposte su come migliorare la sicurezza di quella strada, per esempio.
 
 
#4 Cittadino 2011-02-08 20:54
Povera signora e sfortunato l'automobilista. Ancora più triste e vedere che la gente parla senza sapere neanche il significato delle parole e ascolta senza capire. E poi non ci lamentiamo se l'Italia va a puttane...
 
 
#3 nico 2011-02-08 19:35
Sicuramente l'investitore è una brava persona, non un assassino incallito. Come definire quindi una persona a cui succede di viaggiare ad una velocità tale da non permettergli di frenare per tempo ed evitare di investire cittadini che attraversano sulle strisce pedonali? Ciascuna parola ha un proprio peso specifico (dunque ritiro l'affrettato "pirata della strada") e mi sorprende si utilizzi il termine "nonnina" per definire la vittima di un incidente stradale. A me dispiace per entrambi, sia per la vittima che per l'investitore e mi auguro per lui che possa trovare l'equilibrio interiore che possa permettergli di vivere serenamente. Resta il rammarico di non riuscire a evitare incidenti mortali anche ora che la strada in questione dovrebbe aver perso la pericolosità di un tempo.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.