Sabato 16 Ottobre 2021
   
Text Size

PIU’ SCUOLA, MENO OSTACOLI. LA VOCE DEGLI STUDENTI

242299803-1016182655810742-7660907991723992927-n

242313059-1016182699144071-5542365495509533339-n Lunedì 20 settembre 2021 a Gioia del Colle si è svolta la manifestazione di protesta contro il documento operativo della Prefettura di Bari Prot. 124293 del 9 settembre 2021, riguardo all’attivazione dei doppi turni di entrata e di uscita nelle lezioni degli Istituti di Istruzione Secondaria Superiore in tutta la provincia di Bari. Questa decisione è stata presa per evitare gli assembramenti sui mezzi di trasporto, in un momento pandemico quale quello attuale.

L’ordinanza prefettizia è dunque motivo di numerosi disagi dal punto di vista organizzativo: primo fra tutti, la modifica degli orari delle lezioni, caratterizzati per il secondo turno dall’entrata alle 9:40 e dall’uscita alla quinta ora alle 13:50; problematica a cui il dirigente scolastico Rocco Fazio ha posto momentaneamente rimedio, riducendo ogni ora di dieci minuti e limitando l’orario alle prime cinque ore di lezione.

Il secondo motivo per cui la manifestazione ha avuto luogo è la mancanza effettiva di mezz242342869-1016182609144080-3138954755506762271-ni di trasporto per gli studenti pendolari, che sono costretti ad affrontare numerosi disagi dovuti al mancato potenziamento delle corse di pullman e treni.

Inoltre, con questa modifica, si va incontro alla diminuzione delle ore pomeridiane utili a studenti e docenti per lo svolgimento dei compiti assegnati ai primi e per l’organizzazione delle lezioni per i secondi; a ciò si aggiunge l’impossibilità di partecipare alle attività extrascolastiche proposte dalla scuola stessa e alle altre attività durante il tempo libero.

Proprio per questo studenti, docenti e genitori dell’IISS “Canudo-Marone-Galilei” si sono riuniti davanti ai rispettivi plessi per protestare pacificamente e nel rispetto delle norme anti-covid, mostrando il loro dissenso causato dal provvedimento.

Presentatisi alle ore otto, hanno manifestato provvisti di cartelloni con slogan che hanno messo in risalto i disagi provati con una buona dose di ironia e di originalità.

È poi giunto il Dirigente Scolastico che, consapevole dei motivi della protesta, ha dialogato direautobus pendolari fsettamente con i presenti, chiarendo le scelte applicate ad ogni istituto e dichiarandosi portavoce delle istanze dei ragazzi con l’obiettivo di comunicare alla prefettura di Bari le conseguenze del provvedimento adottato.

Nella seconda parte della mattinata, la popolazione studentesca si è diretta unitamente verso il comune di Gioia del Colle per instaurare un confronto fruttuoso anche con il sindaco Giovanni Mastrangelo e l’assessore alla cultura e alla pubblica istruzione Lucio Romano. Questi ultimi si sono mostrati disponibili all’ascolto e pronti a dialogare con gli altri sindaci dell’area metropolitana di Bari per dare il loro contributo alla risoluzione del problema.

A seguito dell’intera manifestazione è emersa una profonda coesione da parte di tutte le componenti della scuola: alunni, docenti, genitori e personale ATA; speriamo che tale compattezza sia riuscita a mostrare quanto la scuola sia un’organizzazione pronta a contrastare attivamente e all’unisono qualsiasi ostacolo alla didattica. Reduci tutti da due anni di DDI, adesso come e più di prima, siamo animati dalla volontà e dal bisogno di ripartire insieme, ritornando alla completa normalità.

ROBERTA NAVARRA (V B Liceo Classico)
GEMMA POVIA (IV A Liceo Classico)

 

 

Commenti  

 
#26 Maria C. 2021-09-29 07:58
Dico alla vicaria, che non si leggono per niente commenti di haters!
Piuttosto,di genitori increduli di come, in piena pandemia e con gia' alcune classi in Dad, all'inizio di un anno scolastico che si preannuncia incerto, la priorita'.... nella scuola media Losapio possa essere l'acquisto di magliette, a manica corta e manica lunga, felpate e garzate e felpine anch'esse garzate e felpate, tutte rigorosamente di colore blu, da acquistare dai soliti fornitori (giova ricordare che qualche mese fa tantissimi studenti dovettero acquistare anche solo per fare una sgambata in bici come quando ci fu l'andata in bici a scuola col sindaco Mastrangelo, una maglietta di colore uniforme, credo sempre dai soliti fornitori) per far fare la sfilata ai nostri piccoli studenti.
Ma fateci il piacere e pensate a lavorare per mettere in sicurezza la salute dei nostri figli!
 
 
#25 Genitore 2021-09-29 05:09
Quanti genitori hanno votato?
E perche' poi dobbiamo far vestire i nostri figli come in Inghilterra?
Li si paga la retta e te li forniscono, gli indumenti.
Qui siamo in Italia, scuola pubblica, devo comprare libri, quaderni e tutto il resto, e devo anche acquistare indumenti tutti blu, poi sempre dai soliti negozi, perche' dirigente e vicaria, ad inizio anno, lo decidono?
Se volete fare una cosa piu' sensata, rimettete i grembiuli!
 
 
#24 Genitore e basta 2021-09-28 18:13
Mi dispiace privare gli haters del loro capro espiatorio, ma vorrei precisare che in un istituto comprensivo le decisioni non vengono prese solo dal Preside e dal suo vice. La maggioranza dei genitori ha votato a favore della divisa.... che piaccia o no!Vi manderei a vivere in Inghilterra, con cravattino, gilet, giacca e calzettoni!
Aggiungo solo che gli attacchi personali sono di cattivissimo gusto.
 
 
#23 Virgy 2021-09-28 10:39
#interessata. Hai ragione???? ormai ci si può aspettare di tutto!
Anche mio figlio non comprerà niente e userà il guardaroba che ha. Figuriamoci se gli compero il cambio autunnale, quello invernale eccc. Questi tengono la capa fresca! Meno selfies e più lavoro!
 
 
#22 Interessata 2021-09-27 21:41
L'abbigliamento dal solito negozio, e i fiori dove li prenderemo? Ci indicheranno anche la fiorista? Vedremo!
 
 
#21 Antonella 2021-09-27 15:51
Alla Losapio scambiano la scuola per una sfilata di moda "FASHION"
 
 
#20 Nicola A. 2021-09-27 15:03
@PiDiota,
dimenticavo ... sposA e sposO: figliA e figliO; marito e moglie. Qualcuno mi spiegasse come ci chiameremo con l'argomento GENDER.
 
 
#19 Nicola A. 2021-09-27 14:56
@PiDioti,
sull'argomento GENDER .... POVERI NOI. Costretti a chiamare "genitore 1 o genitore 2; (quale, tra i DUE genitori, sarà il genitore 1 o 2?); ma poi mica finisce qui .... non si chiameranno più nonnO e nonnA; ziO e ziA; fratellO e sorellA; nemmeno il "Padre Nostro" sarà più possibile recitarlo così ... forse reciteremo "genitore 1 o 2 nostro". A pensarci mi viene da ridere ma temo che l'argomento faccia RABBRIVIDIRE. Ma chi è quel "GENIO" che ha avuto questa IN..felice idea? Per favore, smettiamola, forse, si fa in tempo ad evitare questa IPOCRISIA.
 
 
#18 PiDioti 2021-09-27 10:18
X Nicola A.: Bravo, ma prova al giorno d'oggi ad assegnare il colore bianco o rosa alle femminucce e l'azzurro ai maschietti e ti ritroverai denunciato per"distinzione di genere". E poi ricordati che maschi e femmine non esistono piu', oggi si chiamano tutti "GENDER" (ignoranti retrogradi che non siamo altro!)
 
 
#17 Normativa 2021-09-26 23:47
Un decisione del genere, la famosa "divisa", la decide il collegio dei docenti, non certo il dirigente.
 
 
#16 Padre schifato 2021-09-26 18:18
più che schifato! Io ad un grande magazzino in previsione dell'inizio dell'anno scolastico ho rinnovato il guardaroba a mio figlio, comperando maglie pantaloni giubbotti calze e scarpe. Non senza sacrifici e ora mi ritrovo quel che il guardaroba che ho comperato non va bene perché la vicaria lo ha deciso!
Non voglio esprimermi più di tanto ma questo è certo che mio figlio consumerà il guardaroba che io gli ho comprato e vediamo se la vicaria o il dirigente mettono la nota. Poi non ho capito il sondaggio su quanti genitori è stato fatto? Quanti sono i genitori della Losapio? In quanti hanno partecipato?........
 
 
#15 Nicola A. 2021-09-26 17:24
@mamma schifata;
se ha una certa età sicuramente si ricorderà (altrimenti chieda ai suoi genitori) che a scuola PRIMA non si facevano le "SFILATE DI MODA" ma si andava TUTTI con un grembiule. L'unico obbligo era il colore; bianco per le classi femminili e azzurro per i maschietti, ma nessuno ti obbligava ad acquistarli da un unico o solito rivenditore e tante famiglie li realizzavano in casa.
 
 
#14 Mamma schifata 2021-09-26 16:02
Alla losapio, allora, la vicaria re-istituisse il grembiule!
Piu' economico e non si favoriscono i soliti rivenditori!
 
 
#13 PiDioti 2021-09-26 04:13
X genitori indignati o meglio... "schifati": quella della crisi e' solo una scusa,un pretesto per contestare una norma di disciplina dell'abbigliamento scolastico, che serve a fare tornare gli studenti quelli di un tempo. Io un certo obbligo di abbigliamento decoroso lo istituirei anche nelle scuole superiori e nelle facolta' universitarie, dove c'e' veramente da rimanere SCHIFATI!
 
 
#12 Mamma schifata 2021-09-25 15:06
Alla Losapio un disastro!
Perche' il dirigente scolastico e la nuova vicaria hanno deciso di far indossare agli studenti delle magliette e delle felpe, rigorosamente di colore blu, da acquistare sempre presso i soliti rivenditori autorizzati?
Perche' io genitore non sono libero di far vestire mio figlio come meglio crede, ma sempre con decoro?
E perche' ogni classe e' tenuta ad acquistare questi indumenti da un unico fornitore, per uniformare al meglio gli studenti presenti in classe?
Perche' io genitore, in tempo di crisi, devo sobbarcarmi questa ulteriore enorme spesa per indumenti di cui non conosco nemmeno la qualita'? Oltre tutte le altre spese tra cui gli stessi libri?
Se proprio il dirigente scolastico e la nuova vicaria della Losapio vogliono uniformare gli studenti, che facessero indossare a tutti i famosi grembiuli.
Non vorrei che quest'anno il dirigente scolastico e la nuova vicaria si preoccupassero piu' dell'estetica dei nostri figli, che non sul motivo fondamentale per cui gli studenti frequentano la scuola.
 
 
#11 Genitore più che ind 2021-09-24 18:50
È assurdo quanto il dirigente è la vicaria della scuola media losapio chiedono per i ragazzi. Così come scrive il genitore sopra è impossibile per una famiglia comperare la mise blu dal solito negozio CONSIGLIATO
MIA FIGLIA NON HA NIENTE DI QUANTO RACCOMANDATO CONTINUERÀ VESTIRSI CON LE ROBE CHE HA E VOGLIO VEDERE CHI SI DEVE RIBELLARE
 
 
#10 Attento 2021-09-24 13:42
Chiedo a Mastrangelo di commentare #9 Genitore indignato sul fatto di ulteriori spese che i poveri genitori degli studenti della Losapio devono sostenere non si sa per quali capricci!
 
 
#9 Genitore Indignato 2021-09-24 08:25
Quasi 200 euro a studente! Un fiume di soldi.
Chiedo il motivo per cui alla scuola media Losapio di Gioia del Colle, il dirigente scolastico e la nuova vicaria, hanno deciso di far indossare agli studenti delle magliette, a manica corta e manica lunga, e delle felpe, garzate e felpate, rigorosamente di colore blu, da acquistare sempre presso i soliti rivenditori autorizzati?
Perche' io genitore non sono libero di far vestire mio figlio come meglio crede, ma sempre con decoro?
E perche' ogni classe e' tenuta ad acquistare questi indumenti da un unico fornitore, per uniformare al meglio gli studenti presenti in classe?
Perche' io genitore, in tempo di crisi, devo sobbarcarmi questa ulteriore enorme spesa per indumenti di cui non conosco nemmeno la qualita'? Oltre tutte le altre spese tra cui gli stessi libri?
Se proprio il dirigente scolastico e la nuova vicaria della Losapio vogliono uniformare gli studenti, che facessero indossare a tutti i famosi grembiuli.
Non vorrei che quest'anno il dirigente scolastico e la nuova vicaria si preoccupassero piu' dell'estetica dei nostri figli, che non sul motivo fondamentale per cui gli studenti frequentano la scuola.
 
 
#8 certamente 2021-09-24 07:25
Lucio Romano.......non ha niente da fare,con i suoi spettacoli CULT.come li chiama lui,e il suo seguito di intellettuali .Si vede che non ha lavoro nel suo settore e si diletta a fare CULT. perchè non dai le DIMISSIONI?
.
 
 
#7 Laura 2021-09-23 17:13
Giulyo Lo chiamano così, Palazzo Romano. Non ci sono mai entrata è un 'ambiente che non mi..... attizza, come il suo proprietario........Senza le associazioni non sarebbe in grado di organizzare nulla. Prova è che dove c'è da battere il pugno, vedi la situazione dei nostri figli a scuola, lui non esiste........
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.