Domenica 17 Gennaio 2021
   
Text Size

Crolla parte del sottotetto della Scuola Elementare Mazzini

134345286-1059501191129694-6287868346827910010-o

scuola-elementare-mazzini“Il Sindaco rassicura la cittadinanza e le famiglie circa quanto avvenuto poche ore fa alla Scuola Elementare Mazzini.

Attorno alle ore 14.30 ha ceduto una parte della copertura in legno del solaio e tegole soprastanti, in corrispondenza del sottotetto.

Non ci sono feriti in quanto l’area interessata dal cedimento non è fruibile e, al verificarsi dell’incidente, l’istituto scolastico era chiuso.

Si ipotizza che le condizioni atmosferiche avverse dei giorni scorsi possano aver determinato il peggioramento delle condizioni della copertura che, a partire dal 4 gennaio 2021, sarebbe stata sottoposta a ristrutturazione.

L’area è stata subito messa in sicurezza dal Gruppo Comunale di Protezione Civile mentre all’interno operavano i Vigili del Fuoco e i tecnici comunali per i rilievi necessari.

Domattina è previsto un primo incontro di coordinamento dei tecnici comunali per pianificare la messa in sicurezza della zona interessata dal cedimento e successivamente programmare gli interventi.

Durante la fase della messa in sicurezza degli ambienti, l’accesso agli stessi sarà interdetto.

In ultimo, il Dirigente scolastico prof. Leonardo Castellana rassicura che quanto accaduto non comporterà un ritardo nella ripresa delle lezioni”.

Comunicato dal Palazzo comunale

Commenti  

 
#34 THE JAKAL 2021-01-13 15:58
x Genitore commento nr.33.
Mamma mia sempre a lamentarvi per un po' di freddo e che sarà mai. Pensate ai bambini eschimesi che hanno le scuole negli IGLOU!!!!
La cosa piu' importante è stata quella di festeggiare le festività natalizie con spettacoli culturali, musiche danzanti, luminarie stile las vegas per un misero importo di € 40.000,00. E nonostante tutto questo scintillio di luci e feste lei mi attacca il sindaco per un po' di freddo nella scuola?????? La solita ingratitudine gioiese!!!! Dimenticavo, per queste basiche problematiche comunque non ci si rivolge al sindaco che ha impegni molto piu' gravosi bensi al suo STAFF giornalistico/amministrativo/propagandistico lautamente pagato con soldi pubblici locali. Grazie e la prossima volta a suo figlio compri una comperta invece di pretendere i termosifoni accesi.
 
 
#33 Genitore 2021-01-13 11:25
Mastrangelo, TERMOSIFONI SPENTI scuola elementare San Filippo Neri! QUESTO E' IL TERZO GIORNO ORMAI!
 
 
#32 alfabeta funzionale 2021-01-09 18:58
Redazione, messa in sicurezza di che tipo? Per mettere in sicurezza non basta solo andare a puntellare il solaio. Per mettere in sicurezza bisogna comunque redigere un progetto attraverso il quale oltre a verificare l'efficacia di quanto applicato, si deve verificare che la struttura aggiunta non agisca negativamente sul resto della struttura (il peso è importante).
La progettazione è la fase più importante di un'opera, altrimenti va a finire come è accaduto per la ex Losapio per la quale vi è stata la necessità di una variante sostanziale al progetto esecutivo, necessaria per l'effettiva realizzazione dell'opera, che non ha trovato approvazione da parte della Regione e quindi non ha trovato supporto finanziario.
Ecco, il problema è sempre quello. Posso capire la messa in sicurezza (che non si fa dalla sera alla mattina) ma qui le colpe sostanziali sono imputabili a chi, quando ha potuto, non ha prodotto progetti in grado di vincere bandi regionali che avrebbero garantito la copertura finanziaria per quanto necessario.
Non solo, quell'unico bando vinto, relativo alla ex Losapio (da voi citato), proprio in virtù di lacune progettuali, rischia di trasformarsi in un catastrofico boomerang per Gioia del Colle che, nel peggiore delle ipotesi, rischia di vedersi estromessa dalla partecipazione a futuri bandi per fondi europei.

La Redazione
Quando parte di una struttura rischia di crollare che fai, pensi prima al progetto o a evitare che venga giù? Per caso è quello che è successo alla Mazzini? Che si sia pensato al progetto e non a mettere quel luogo in sicurezza con dei puntelli di sostegno? Se così fosse sarebbe davvero grave!
Saluti
 
 
#31 Antonia scocciata. 2021-01-08 17:43
Lucilla chiuse la Losapio ,per problemi strutturali,non sono un ingegnere,pero so che alla Mazzini non e crollato il solaio ma una struttura in legno che non intacca la struttura dell'edificio.

La Redazione
La Losapio fu chiusa perchè non aveva i "requisiti" normativi indispensabili perchè la si utilizzasse come plesso scolastico. La struttura è stata successivamente adibita a Biblioteca comunale per il cui scopo l'allora amministrazione si aggiudicò un finanziamento da 1 milione e 420 mila euro.
http://www.gioianet.it/politica/15257-finanziamento-di-1420000-euro-per-lex-sede-losapio.html
Il locale della Mazzini, in cui c'è il crollo, era utilizzato dal personale delle pulizie. E' una fortuna che non sia successo nulla a chi lo frequentava giornalmente.
Saluti
 
 
#30 Scocciata 2021-01-08 15:18
Quanto siamo bravi a commentare,spesso si parla per partito preso e non per giustizia.Si sono avvicendati non pochi sindaci,non vedo perche le colpe devono ricadere sull'ultimo arrivato.Quello antecedente,ha voltato le spalle forse perche il peso era eccessivo,questo rimane nonostante le polemiche.Cerchiamo di essere coerenti dato che siamo adulti.
 
 
#29 alfabeta funzionale 2021-01-05 19:34
Redazione, se a febbraio 2020 sono stati stanziati i fondi bisogna capire chi è stato individuato come progettista, in che modo, e se è stato avviato l'iter (non ne sono a conoscenza). In mancanza di ciò ci sono gravissime mancanze sia perchè, a questo punto si sapeva, sia perchè non si è fatto nulla pur potendo.
Siccome voglio essere ottimista, immagino che il progettista si sia già messo a lavoro. Il problema riguarda in tal senso tutti gli iter autorizzativi che intercorrono tra progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva. Tra essi, il più importante è sicuramente il parere della Sovrintendenza che spesso ci mette mesi e modifica il progetto in virtù di materiali e colori non idonei.

La Redazione
Nel frattempo si poteva mettere in sicurezza l'area interessata, non credi?
Saluti
 
 
#28 Filippo P. 2021-01-05 17:35
Come mai Mastrangelo non ha transennato la scuola, se si sapeva che il tetto non era sicuro, ragion per cui avevano anche ottenuto un finanziamento?
Perche' Mastrangelo ha fatto continuare le lezioni ai nostri bambini, sapendo che la situazione non era sicura?
 
 
#27 Corrado 2021-01-05 17:32
Sindaco Mastrangelo........! I NOSTRI FIGLI!
 
 
#26 Genitore Allarmato 2021-01-05 17:21
SINDACO, MA GLI STUDENTI POSSONO TORNARE ALLA MAZZINI? E' SICURA?
 
 
#25 alfabeta funzionale 2021-01-05 09:37
Redazione, vedendo le immagini del crollo il problema di quella scuola (e non solo quella, in Italia) è di tipo strutturale. Significa che non è una mera questione di manutenzione ordinaria o straordinaria, ma di ristrutturazione nel senso stretto del termine (spesso impropriamente utilizzato).
Per far ciò non basta andare in mansarda e mettere qualche rinforzo, occorre rimuovere l'esistente e ripristinarlo con il nuovo exnovo. Ci sono tanti comuni che hanno ristrutturato completamente molti dei propri plessi scolastici...Gioia, ahimè zero.
In quel caso, l'efficientamento sismico, che nel caso della Mazzini sarebbe stato un adeguamento sismico avrebbe comportato la completa messa in sicurezza.
Il punto è, ripeto, su un edificio storico quale è la Mazzini, non basta dire a qualcuno vai e togli la ruggine dalle putrelle o dalle travi. Ogni intervento è estremamente oneroso e i fondi europei servono proprio a sopperire alla mancanza di liquidità nelle casse comunali (è proprio per quello che sono stati concepiti). Gioia, da anni, è totalmente assente in ogni consesso che destini fondi europei alla pubblica utilità, a parte qualche sciocchezza che non ha carattere strategico. E' così difficile, per gli amministratori, capire l'importanza di avere figure chiave? O solo se si è amico si può far qualcosa?

La Redazione
Di messa in sicurezza della scuola Mazzini si parlava sin dal mese di febbraio 2020, all'indomani di un fondo ottenuto dalla regione di 250 mila euro. Un fondo, si disse, che sarebbe stato destinato "...all'espletamento di necessarie ed improcrastinabili opere di manutenzione dell'edificio scolastico "G. Mazzini", da tempo afflitto da numerosi fenomeni di natura infiltrativa...da avviare sul solaio della storica Scuola Elementare...".
Quindi il problema era probabilmente risaputo e ben individuato. Come mai non si è intervenuto? Quei soldi come sono stati utilizzati?
Saluti
 
 
#24 Nicola A. 2021-01-05 08:44
@ TIE', ci tengo a precisare che non sono miei amici, Un detto locale recita: " i uà d la pignjat i sap la k.cchjiar". Per dirla in modo comprensibile, i fatti veri li conoscono solo i protagonisti e solitamente la verità non pende in modo unilaterale. L'imposizione o la presunzione di "uomo solo al comando" in DEMOCRAZIA non esiste.
 
 
#23 Tiè 2021-01-04 14:47
Nicola A. Tu pensi che i due tuoi amici sarebbero stati ascoltati dall'ex amministrazione? Scendere a Patti con loro? Avrebbero perso in DIGNITÀ. bene hanno fatto Lucilla e Cuscito a non candidarsi più, molti gioiesi meritano i personaggi che stanno ora.
 
 
#22 alfabeta funzionale 2021-01-04 12:41
Poi ignorate che intervenire sulla struttura di un edificio storico, tra l'altro tutelato dalla Soprintendenza, richiede un iter progettuale talvolta superiore alla durata dell'attuale amministrazione (che è del tutto immobile su altri fronti).
Ma se dobbiamo cercare responsabilità allora risaliamo a chi ha fatto sì che Gioia del Colle non presentasse alcun progetto per la sicurezza sismica relativa alle scuole sotto la propria gestione.

La Redazione
Intervenire sulla sicurezza sismica non ha nulla a che vedere con la manutenzione degli edifici scolastici o pubblici in generale, sia essa ordinaria che straordinaria. Certo, partecipare al bando per ricevere quel finanziamento sarebbe stato più che opportuno. Sta di fatto però che per le scuole gioiesi in questi ultimi anni si sono spesi centinaia di migliaia di euro, per svariate ragioni. Possibile che nessuno si sia accorto du nulla? Forse sarebbe il caso che le forze politiche, tutte, nessuna esclusa, si impegnassero nel rendere pubblici questi dati. Come ad esempio, tornando all'oggi, siano stati spesi gli ultimi finanziamenti ricevuti dal Governo e dalla Regione esattamente per la manutenzione e la sicurezza delle scuole.
Saluti
 
 
#21 alfabeta funzionale 2021-01-04 12:28
Così giusto per dire...in piena amministrazione Lucilla la Regione emanò bandi per l'efficientamento sismico delle scuole. Gioia del Colle non pervenuta.
La manutenzione degli immobili è un'attività che va condotta di continuo, ed il tetto non è certo crollato (viste le immagini) per la mancata manutenzione dell'ultimo anno.
Ma poi volete mettere in confronto l'intervento su un immobile storico come la Mazzini con due luminarie dal costo irrisorio. Non per difendere l'attuale amministrazione, ma il treno dei fondi europei per ristrutturare le scuole è passato, era un treno enorme, e la passata amministrazione se lo è lasciato sfuggire. Basti vedere gli elenchi delle domande presentate.
 
 
#20 Nicola A. 2021-01-04 08:40
@ RED,
intanto Zileni e Derosa sono persone della coalizione di Lucilla e Cuscito, ed è tutto da verificare se c'è stato "tradimento" o se non sono stati nemmeno ascoltati e che "qualcuno" si credeva di essere un "duce". Però se Lucilla fosse stato sicuro si aver operato bene, perchè non si è ricandidato come Sindaco?
 
 
#19 Rabbrivido 2021-01-02 16:07
Sarebbe troppo scontato fare un attacco politico nei confronti del sindaco ma non sono così cinico da farlo in quanto il crollo di un soffitto non è certo colpa dell'attuale sindaco. Ciò detto però Sindaco Mastrangelo 2 cose devo dirleglie, la prima, ma ritiene eticamente giusto spendere a mio avviso sprecare 30 Mila euro per l'assunzione di 2 giornalisti?? Se fossero soldi suoi e non pubblici avrebbe privato i suoi figli di 30 Mila euro???? Gioia è un paese di 30 Mila abitanti, ma cosa ci fa ed a che cosa servono 2 giornalisti per un sindaco???? La seconda cosa, ritiene eticamente giusto spendere migliaia di euro per diffondere rumori musicali di dubbio gusto durante le feste natalizie???? In questo momento di pandemia e crisi economica delle famiglie ogni euro deve essere utilizzato per ciò che è SOSTANZA e non APPARENZA!!!!!! Dimenticavo ma il Presidente del Consiglio Comunale Etna non ha nulla da dire di questo spreco di denaro pubblico, bhe dimenticavo lui posta post su post che gli sono imposti dalla Longobardia.......
 
 
#18 Red 2021-01-02 15:18
@Nicola A, se Zileni e Derosa non avessero tradito, Lucilla e Cuscito sarebbero ancora al loro posto..... e loro pure
 
 
#17 Uomodellastrada 2021-01-02 15:13
Nicola A. Ricordo che Lucilla si era presentato come colui che non avrebbe accettato compromessi al ribasso nel rispetto dei suoi elettori e di tutti i cittadini. Cosi penso che sia stato. Avrebbe potuto trovare una maggioranza differente per rimanere seduto sulla sedia. Non lo ha fatto. Chapeau
 
 
#16 felice 2021-01-01 20:56
Mi raccomando spettacoli culturali ,spendete x chi volete voi.
 
 
#15 Architetto 2021-01-01 19:35
Gli edifici destinati a sede di scuole materne, elementari e medie appartengono ai Comuni, ivi compresa la manutenzione ordinaria e straordinaria. Decreto legislativo 04/94 n.297
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.