Venerdì 24 Settembre 2021
   
Text Size

Gioia del Colle. “Provvedimento interdittivo antimafia a società locale”

Immagine-CC

La caserma dei Carabinieri“I Carabinieri del Nucleo Informativo del Comando Provinciale di Bari, hanno dato esecuzione ad un decreto di informazione antimafia, ai sensi dell’art. 91 del D.Lgs n. 159/2011 e ss.mm., emesso dalla Prefettura di Bari, nei confronti di S.P., 46 enne, rappresentante legale di una società avente ad oggetto la produzione di prodotti caseari.

Il provvedimento scaturisce da una complessa attività d’indagine, svolta dai Carabinieri sulla società in questione, che ha consentito di riscontrare la presenza di due soci del quadro aziendale i quali, oltre ad avere le frequentazioni con elementi di spicco del clan “PARISI” di Bari, uno è stato condannato definitivamente per i reati di estorsione, rapina, e truffa, mentre l’altro socio inquisito, unitamente al citato associato, risultano indagati in un altro procedimento penale in corso ed in attesa di giudizio.

Nella complessa attività investigativa sono state dettagliatamente ricostruite le modalità operative attraverso le quali i due soci aziendali in questione, evocando l’esistenza del sodalizio criminoso con il c.d. clan “PARISI”, avrebbero costretto, con minacce di ritorsioni fisiche, un rivenditore di prodotti caseari a ricevere quantitativi inferiori a quanto dichiarato e a corrispondere del denaro di cui era debitore.

La società in questione è stata già destinataria di analogo provvedimento interdittivo notificato nel 2016, il quale è stato impugnato al TAR Puglia e tuttora è in fase di definizione”.

[Comando Provinciale Carabinieri Bari]

 

Commenti  

 
#11 Cittadino Honesto!1! 2020-12-30 12:42
Che tenerezza quelli che anche qui parlano del sindaco.
A prescindere che il sindaco non è Batman che combatte i criminali, pertanto non si capisce di quale imbarazzo si parli.........
Giusto per chi legge gli articoli: "La società in questione è stata già destinataria di analogo provvedimento interdittivo notificato nel 2016".
 
 
#10 Notizie 2020-12-29 19:53
Sarebbe bello avere NOMI E COGNOMI in modo tale da non andare a comprare più da questi soggetti. Inoltre sarebbe bello che ci fosse un progetto di paese da parte dell’amministrazione teso alla legalità e al benessere con poche semplici azioni (esempio: incentivi tesi a creare attività commerciali nelle zone limitrofe a via Roma penalizzate dalla pedonalizzazione della stessa, rifacimento marciapiedi laddove logori, migliorare la viabilità ciclopedonale dato che in estate in molti anche stranieri vengono qui per fare cicloturismo, sistemazione delle strade disastrate dopo che le ditte che hanno messo la fibra hanno rattoppato malamente il tutto vedi zona ospedale vedi zone periferiche tipo via noci zona padre pio palazzetto ecc. organizzarsi sin da ora per attirare il turismo post COVID, dare incentivi alle attività commerciali nelle zone periferiche non servite esempio via Cassano) e non tirare a campare.
 
 
#9 Poorlydone 2020-12-29 18:33
Ma cosa c'entra il sindaco con l'amministrazione comunale se un imprenditore locale avrebbe avuto relazioni con esponenti mafiosi? Se le infiltrazioni malavitosi avessero varcato Palazzo San Domenico, i vostri fatui commenti avrebbero avuto senso, ma scrivete perché vi rode qualcosa?
 
 
#8 Rabbrivido 2020-12-29 17:12
Da palazzo San Domenico nessun commento e questo sembra molto strano visto che sono stati appena assunti fior fiori di giornalisti. Un plauso ai carabinieri, quegli stessi carabinieri che il presidente del consiglio comunale esalta sui social ma che al momento non godono di alcun plauso dallo stesso presidente.
 
 
#7 TERY ANDREOLLA 2020-12-29 16:16
Sicuramente l'amministratore delegato attuale di questa società non c'entra nulla con fatti accaduti in passato, ma Bisogna ammettere che questa notizia mette in forte imbarazzo Non solo l'intera amministrazione, ma tutta la cittadinanza.
 
 
#6 Antonio I. 2020-12-29 09:58
ETNA, MASTRANGELO E GALLO COMMEMORANO DONATO BOSCIA, ELOGIANO L'UOMO CHE EBBE IL CORAGGIO DI PORRE UN FRENO ALLA MAFIA.
MA POI, QUANDO LE BELLE PAROLE PASSANO E LA CERIMONIA DI COMMERAZIONE DI UN GRANDE UOMO FINISCE, QUESTI AMMINISTRATORI LA LOTTA ALLA MAFIA COME LA FANNO?
 
 
#5 Michele G. 2020-12-28 22:38
Qui Gioia TUTTAPPOST, diceva...... un consigliere tempo fa!
Cosa dice ora?
 
 
#4 The jakal 2020-12-28 21:53
.....Sindaco, Giunta, Consiglieri e Presidente del Consiglio Comunale, a tal proposito cosa ne pensano, o forse l'argomento potrebbe essere imbarazzante da meritare un loro commento?????
 
 
#3 Andrea 2020-12-28 20:41
Redazione, cosa comporta questo provvedimento?
 
 
#2 Dimettetevi 2020-12-28 20:08
.......Redazione si sa qualcosa in piu'?

La Redazione
Nulla di più di ciò che è inserito nel comunicato ufficiale del Comando Provinciale dei Carabinieri.
Saluti
 
 
#1 Indiscreto 2020-12-28 19:31
COSA DICE MASTRANGELO?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.