Lunedì 23 Novembre 2020
   
Text Size

“LA POLITICA DELL’IGNORANZA E DELLE TRASCURATEZZE”

126877825-727379421318547-8358446790479981832-n

126941157-3341508965897653-1679952829128894066-nSin dall’inizio di questa Pandemia si sono delineate figure professionali importantissime, che da subito hanno impattato con zelo e professionalità in questa emergenza. Tanto si è spesa l’opinione pubblica, e i canali d’informazione, valutando l’operato di questi professionisti sanitari, definendo Eroico il loro impegno, non prendendo in considerazione il fatto che il dovere morale per chi lavora in ospedale il più delle volte conta più di uno stipendio, per alcuni anche misero e non meritocratico.

Bene, qualcuno forse non ci conosce, ma tra quegli “eroi” c’è il tecnico di laboratorio biomedico, quella figura mai nominata ma importantissima in questo corpo a corpo virale, quel professionista che col proprio operato si prende sulle proprie spalle delle responsabilità enormi, quell’operatore sanitario che con zelo e pazienza diagnostica l’infezione da SARS-CoV2 processando migliaia di tamponi molecolari, lavorando 24/24 per 7 giorni la settimana senza sosta e con la tensione e lo stato d’animo di chi sa di essere fondamentale e insostituibile in questa guerra, tanto da non pensare nemmeno al rischio clinico che lo vede esposto tanto quanto altri, al pericolo di ammalarsi.

Oggi recepiamo come una offesa professionale, e una delusione morale enorme, la decisione governativa di escludere tale figura dagli emolumenti previsti nella prossima legge di stabilità 2020/2021 assicurati a medici e infermieri e non al personale tecnico di laboratorio.

Questa decisione se non vedrà una immediata inversione di tendenza, ci vedrà costretti nostro malgrado a una rigida presa di posizione, non si può accettare una così evidente discriminazione, tanto che non se ne vede neppure il motivo logico. Nella speranza che chi è preposto ad un ruolo politico di responsabilità decida diversamente, continueremo a fare con dedizione il nostro dovere, ma oggi noi chiediamo uguaglianza di trattamento, perché questa guerra la stiamo combattendo tutti insieme indiscriminatamente, da soli non si combatte, da soli si viene sconfitti, questo non possiamo permetterlo!

Professioni Sanitarie Unite

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.