Martedì 20 Ottobre 2020
   
Text Size

Numeri casi positivi al COVID-19: il Sindaco dice la verità?

coronavirus

Esiste un problSchermata-2020-10-17-alle-16-07-41ema di fondo: le comunicazioni non sono univoche, né si possono derubricare a mero scambio di vedute talune affermazioni “istituzionali”.

Da una parte, una testata online ha pubblicato i dati del Bollettino epidemiologico regionale per il quale Gioia del Colle è inserito tra i comuni in cui attualmente risultano positive dalle 11 alle 20 persone, unica fonte “ufficiale” in assenza di comunicati provenienti dal Palazzo. Dall’altro lato il Sindaco coglie l’occasione per accusare chi ha redatto l’articolo, che articolo non è bensì la pubblicazione di un comunicato regionale con dati ufficiali, e una breve riflessione, di aver diffuso una “notizia non corrispondente ai dati ufficiali” polemizzando sul sito in questione che, a suo dire, non lo contatta prima di pubblicare articoli sui dati Covid creando un ingiustificato allarmismo.

Ciascuno dovrebbe fare la sua parte nella guerra contro il Covid-19 (e soprattutto contro la paura che esso genera). Certamente un giornale è tenuto a pubblicare i dati ufficiali, e quelli del bollettino regionale lo sono, fino a prova contraria. Il Sindaco, invece, piuttosto che pretendere di essere contattato prima di una pubblicazione (richiesta che sa tanto di censura preventiva), dovrebbe farsi promotore di una comunicazione libera, continuativa e soprattutto aperta a tutte e tutti. Non come ora, su prenotazione, insomma. Sfruttare poi la circostanza per l’ennesimo attacco strumentale ad un giornale, in questa circostanza poi, è davvero una caduta di stile.

Così come fare appello al “senso civico” di ciascuno, di fatto scrollandosi di dosso qualsiasi responsabilità politica per la mancanza di controlli, la disorganizzazione in alcuni momenti delicati come l’entrata/uscita dalle scuole, l’impiego di soldi pubblici per eventi di dubbia efficacia, distogliendo magari quelle somme da altre emergenze, come quella sociale.

Infatti, l’Amministrazione si autoincensa sull’aver mantenuto invariata la spesa sociale per il prossimo anno, se confrontata a quella dell’anno scorso, salvo non accorgeBollettino-Covid-16102020-pdf-copia-1rsi che a differenza del 2018 o del 2019, quest’anno vi è stata una pandemia mondiale, che ha prodotto (e ancora produrrà) effetti sul piano economico… Ma questo è un altro discorso….

Resta il mistero dei dati difformi tra quelli pubblicati sul bollettino regionale e i numeri “dati” dal Sindaco, provenienti dalla Prefettura.

Ho interpellato il Sindaco di un altro comune e ho scoperto che i dati trasmessi dalla Prefettura (come quelli in possesso di Mastrangelo), riguardano i cittadini RESIDENTI nel territorio che amministrano. Vi sono però casi di positività riscontrati in uno specifico territorio comunale che, pur non risiedendo nel Comune di riferimento, lì svolgono il periodo di isolamento fiduciario. La somma di entrambi i gruppi dovrebbe spiegare il numero riportato nel Bollettino epidemiologico regionale, maggiore dei dati in possesso del Sindaco.

Piuttosto che puntarsi il dito contro per interessi evidentemente dell’una o dell’altra fazione politica, sarebbe meglio che ciascuno svolgesse al meglio il proprio compito, senza voler a tutti i costi - riprendendo una nota espressione del fondatore del partito di maggioranza di questa Amministrazione -, dimostrare “chi l’ha più duro”.

dpc-covid19-ita-scheda-regioni-latest-78

Commenti  

 
#5 Predatoredelnulla 2020-10-19 12:31
???????? DPCM Calcetto e sport amatoriali
Il Dpcm in vigore fino al 18//10/2020 salvava gli sport a livello dilettantistico come quello praticato nel centro sportivo Padre Semeria, quale avendo regolarmente affiliazione CONI n 12100044 dal 2005, ha continuato a garantire le attività sportive a livello dilettantistico, seguendo scrupolosamente le ultime disposizioni del dpcm del 13/10/2020 con gli annessi protocolli anti-covid.
Di conseguenza potevano cioè continuare a svolgere le attività tutte quelle società che abbiano adottato protocolli per limitare i contagi. Gli sport di contatto sono consentiti, si legge nella bozza del dpcm, “da parte delle società professionistiche e, a livello sia agonistico che di base, dalle associazioni e società dilettantistiche riconosciute dal Comitato olimpico nazionale italiano (CONI), dal Comitato italiano paralimpico (CIP), nel rispetto dei protocolli emanati dalle rispettive Federazioni sportive nazionali, Discipline sportive associate ed enti di promozione sportiva, idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio nel settore di riferimento o in settori analoghi”.
Conferma per lo stop agli sport amatoriali di contatto. Significa niente più partire tra amici che non siano regolamentate.
P.S. Documentatevi prima di scrivere delle inesattezze su un’associazione dilettantistica. L’invidia è una brutta bestia propio come chi ha commentato, che deve guardarsi bene nel nn infrangere le regole come sappiamo che puntualmente infrange.

La Redazione
Ascolti quanto detto in proposito dal Presidente Conte nel corso della sua conferenza stampa andata in onda ieri, dal 3'50" al 4'15". Se poi ci sono delle deroghe non dette, meglio così, che ben vengano. La permalosità a prescindere è un sentimento altrettanto "bestiale", che fa vedere frasi inesistenti, a parte un "sembrerebbe", visto che contro il centro sportivo Padre Semeria non c'è nemmeno una parola.
Saluti
 
 
#4 Roberto V. 2020-10-19 05:52
Mastrangelo. Chiudi Paolo VI e via Roma, la sera. Con il nuovo DPCM i sindaci hanno il potere di chiudere i quartieri, le vie e le piazze dove si formano assembramenti. Ora, Mastrangelo, agisci!
 
 
#3 MARAUDER 2020-10-18 19:07
Ma è consentito giocare a calcetto al campo di "Padre Semeria", la domenica pomeriggio?
Chiedo per un amico ...

La Redazione
Da quanto ascoltato sembrerebbe di no, che non sia consentito, trattandosi di attività amatoriale e di contatto.
Saluti
 
 
#2 Cittadino Honesto!1! 2020-10-18 10:26
In molte attività gli esercenti non rispettano le regole. Soprattutto i bar dove le bariste tranquillamente toccano tutto senza guanti e non indossano la mascherina o l'hanno abbassata.

Non ci vuole nulla a fare due belle multe pesanti e a mettere tutti in riga.
 
 
#1 Antonio I. 2020-10-17 17:17
SINDACO, GLI ESERCENTI SONO SENZA MASCHERINE!
MA QUANDO PARTONO I CONTROLLI?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.