Mercoledì 28 Ottobre 2020
   
Text Size

Tumori a Gioia. “21 patologie su 27 superano medie regionali”

fumate sperimentazioni

roberto cazzolla gatti “In data 2/10/2020 una delegazione rappresentante il Comitato per la Tutela della Salute e dell’Ambiente di Gioia del Colle, ha incontrato il Sindaco Avv. Giovanni Mastrangelo ed i consiglieri Milano Rosario, Ferrante Ottavio e Capano Domenico.

E’ stato rappresentato al Sindaco, in occasione di questo primo incontro, che il Comitato si è costituito nel mese di febbraio del 2020, con la finalità di contribuire alla tutela dell’Ambiente e della Salute dei cittadini gioiesi, in seguito alla pubblicazione del primo rapporto epidemiologico relativo ai dati ISTAT 2001-2016 ad opera del Prof. Roberto Cazzolla Gatti.

Sulla scorta di quei dati preoccupanti, l'Amministrazione Comunale ha richiesto una Relazione sullo stato di salute della popolazione di Gioia del Colle all’Agenzia Regionale per la Salute ed il Sociale (AReSS).

Il Comitato ritiene che i risultati ottenuti evidenziano e non escludono la presenza di criticità nel quadro epidemiologico gioiese. L'Agenzia stessa fa riferimento in più occasioni ad “eccessi di rischio significativi” per numerose patolomezzo rilevazione inquinamentogie tumorali. Ciononostante, ed inspiegabilmente secondo noi, la suddetta Relazione si conclude con l’affermazione che “il profilo di salute della popolazione residente nel Comune di Gioia del Colle - nel periodo esplorato - non sembra presentare particolari criticità”. Tuttavia l’Agenzia Regionale caldeggia non solo l’attuazione di misure preventive per l’eliminazione/contenimento dei fattori di rischio individuale e collettivo ma anche che, citiamo testualmente, “alcuni limitati eccessi di rischio meritano di essere seguiti nel tempo attraverso la prosecuzione della sorveglianza epidemiologica sullo stato di salute della popolazione”.

All’amministrazione è stato consegnato un approfondimento, a cura di questo comitato, dei dati di ospedalizzazione 2015-2018 forniti dalla stessa AReSS, che aggiungono ulteriori preoccupazioni in quanto evidenziano nella popolazione gioiese una crescita significativa del totale dei tumori ospedalizzati negli ultimi anni in esame.

Infatti, nel confronto regionale, il totale dei tumori di Gioia supera per gli uomini il 7% del valore regionale e il 16% del valore provinciale e ancor peggio per le donne rispettivamente con 11% e 20%.

In pratica, a prescindere dal sesso, in 21 patologie su un totale di 27, i gioiesi superano le medie dei tumori regionali e provinciali (considerando i valori assoluti senza IC90%).

Pertanto in questo incontro, come già indicato nelle nostre due precedenti comunicazioni protocollate presso l’ufficio protocollo del Comune ed indirizzate al Sindaco, all’Assessore all’Ambiente, al presidente della Commissione Speciale Sanità e al presidente della IV Commissione Consiliare, il Comitato ha chiesto quali azioni intende intraprendere l’amministrazione in merito, anche in funzione dei nostri suggerimenti sui monitoraggi che, a parere di eOSP-01-18-e-15-18sperti consultati da questo Comitato, potranno contribuire all’individuazione dei fattori contaminanti ambientali gravanti sulla nostra città:

1) Qualità dell’aria:

a) Analisi di IPA (benzene, toluene, antracene, ecc…)
b) Diossine, Furani, PCB, PCT, PM 2.5, ecc…

2) Analisi Radioattività:

a) Nell’aria
b) Nell’acqua
c) Nel suolo
d) Prodotti alimentari locali

3) Qualità del suolo:

a) Analisi di IPA, PCB, diossine, metalli pesanti, etc.

4) Qualità dell’acqua che non rientra nei controlli ACQ:

a) Analisi della presenza di metalli pesanti, PCB, ecc..

5) Rilievo dell’inquinamento elettromagnetico.

Il Sindaco ha illustrato le criticità inerenti il capitoloOSP-donne-2015-18 ITEA. Ha rimarcato le richieste di azioni di verifica sulle sperimentazioni del CCA e la necessità di documentazione delle attività svolte.

Ha proposto anche sopralluoghi dei rappresentanti comunali, oltre ai già previsti di ARPA, durante le fasi di attività programmate dal CCA e Ansaldo Nucleare, presso lo stabilimento di Ansaldo Caldaie.

Il Sindaco ha accolto le indicazioni del Comitato circa le campagne di monitoraggio effettuate da ARPA, convenendo sul richiedere rilevazioni più pertinenti in relazione alle criticità evidenziate.

Il Comitato ha dato la disponibilità a collaborare con l'attuale Amministrazione Comunale su un progOSP-uomini-2015-18ramma di interventi ed azioni concordate anche operativamente (campagne di sensibilizzazione e informazione, studi e rapporti col mondo scientifico, rilevamenti e monitoraggi anche con strumentazione di cui il comune vorrà dotarsi).

Consapevoli dei diritti dei cittadini all’accesso alle informazioni, a partecipare ai processi decisionali e sensibili alla giustizia in materia ambientale, confidiamo in una proficua sinergia tra il Comitato e codesta Amministrazione, che coinvolga gli organi di stampa e la cittadinanza, per il miglioramento della qualità della vita, dell'ambiente e della salute nel nostro territorio”.

Comitato per la Tutela della Salute e dell’Ambiente

 

Commenti  

 
#3 Dario 2020-10-15 19:25
Capano, tace!
 
 
#2 Meccanico 2020-10-15 17:20
Quoto GAY TANO ANGELILLO!
 
 
#1 Realista 2020-10-15 14:27
E se si indagasse anche sugli aerei della base che ogni giorno
volteggiando allegramente sulle nostre teste
rilasciano tonnellate di inquinanti,potenzialmente(...anzi sicuramente) cancerogeni?
Sicuramente e'una impresa ardua,andare a scontrarsi con certi poteri...e purtroppo molti nostri concittadini vanno fieri di avere questi mostri sotto casa!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.