Mercoledì 23 Settembre 2020
   
Text Size

Oltre 10mila euro al mese per la manutenzione pubblica illuminazione

23751702054-11374a8c68-o

17825202-LAMPIONI-420x252Dopo la nostra segnalazione sui lampioni spenti in vari quartieri gioiesi, la situazione sembra tornata alla normalità e le notti gioiesi sono meno…. buie, ad eccezione del lampione in via Vittime della Mafia (ex via Cirillo, nel quartiere del Sacro Cuore), che continua, chissà perché, a non funzionare.

Abbiamo indagato e scoperto che il “Servizio di manutenzione ordinaria pubblica illuminazione cittadina” è stato affidato al costo di € 10.376,10 dal 19 agosto al 18 settembre 2020 alla Elettra Impianti di Pellegrini e Delvento snc di Monopoli.

Un costo mensile calcolato - leggiamo nella det. n. 680 del 19/08/2020 - “agli stessi patti e condizioni contrattuali in corso di cui al contratto di appalto n. 91 del 19/08/2005” scaduto il 19/08/2020. Un contratto della durata di 15 anni… La proroga si è resa necessaria “per garantire la manutenzione ordinaria degli impianti di pubblica illuminazione a garanzia della sicurezza e della pubblica incolumità della viabilità comunale, anche alla luce della carenza di risorse umane e strumentali necessari per provvedere direttamente a tale importante gestione.”

Apprendiamo dallo stesso atto che è “in corso apposita procedura di appalto per l’affidamento del servizio di gestione, manutenzione, efficientamento energetico e riqualificazione degli impianti di pubblica illuminazione per un periodo di anni 15 mediante project financing.

In realtà sono passati nove mesi dal momento in cui la procedura è stata avviata (09/12/2019, avviso Pubblico prot. n. 33308), una gestazione alquanto lunga per una “consultazione preliminare di mercato”, mentre “è in corso la valutazione delle manifestazioni di interesse pervenute.”

Sta di fatto che rischiamo di avere per altri tre lustri un servizio a regime unico, e quindi poco concorrenziale.

Il 15 settembre 2020, trascorso il “tempo strettamente necessario alle operazioni di gara e alla stipula del nuovo contratto di manutenzione ordinaria” scopriremo chi si è aggiudicato l’appalto e a quali condizioni e chissà che il lampione di via Vittime della Mafia rientri tra le costose manutenzioni e riparazioni inserite nel bando.

 
Per visualizzare o scaricare la determina clicca sul link sottostante.

 

Commenti  

 
#3 Deluso 2020-09-09 20:55
Mastrangelo, 10.000 euro al mese per NON risolvere i problemi!
 
 
#2 Don Chisciotte 2020-09-08 21:21
Il caos mediatico che create finirà nel momento in cui aggiusteranno il lampione in via vittime delle mafie. Il giornale deve essere utilizzato per fare informazione, la gogna mediatica non porta da nessuna parte se non a creare confusione e panico tra gli ignari abitanti del paesello!

La Redazione
Né gogna né caos ma semplice lettura degli atti e osservazione della città. I problemi si risolvono solo affrontandoli, non mettendo la testa nella sabbia facendo finta di nulla, né compiacendo i politici di turno, di qualunque fazione essi siano. Il loro compito dovrebbe essere fare gli interessi della città e risolvere i problemi. Il nostro di mettere in evidenza il loro operato in negativo o positivo. Quello dei cittadini di valutarne l'operato, premiandoli se operano bene.
O no?
 
 
#1 Mik 2020-09-08 17:29
Nonostante tutti questi soldi spesi vorrei fare notare che Via Ricciotto Canudo è buia ,non credo sia normale per una via principale .Se ci deve essere un costo...almeno ci sia una illuminazione adeguata.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.