Martedì 27 Ottobre 2020
   
Text Size

DEGRADO. NON SOLO DISCARICHE E BUCHE. C’È DI PIÙ!/foto

100-7021-FILEminimizer

100-7004-FILEminimizer Non solo discariche abusive a cielo aperto o le immancabili buche, questa volta il nostro amico/collaboratore Giacomo Magistro (Attivista LIPU) ci propone una panoramica dello stato di degrado in cui versa una delle aree che a suo tempo fu definita il “fiore all’occhiello di Gioia del Colle”. Il classico bigliettino da visita che avrebbe dovuto accogliere degnamente i visitatori. In questo caso si sta parlando della Zona Industriale, che da bigliettino da visita con il passare degli anni si è trasformata in croce e delizia dei gioiesi e di tutti gli operatori commerciali che vi operano, oltre spina nel fianco per i numerosi runners (corridori) che da anni la utilizzano per i loro allenamenti o per le loro passeggiate.

I larghi marciapiedi, una volta così invitanti e accoglienti, come dimostrano le crude e nude foto scattate dal nostro buon Giacomo, uno dei tanti corridori di cui sopra, sono spariti, non esistono più, sono ormai sommersi, inglobati, preda delle erbacce infestanti, dei rovi. Correre o passeggiare su di essi è diventato pericolosissimo, una fatica immane, più che un piacere è una sofferenza continua, un peso per il fisico ma soprattutto per lo spirito di chi vi si reca per respirare un po’ d’aria pura.100-7019-FILEminimizer

Via Cristoforo Castellaneta, ma non solo, e le relative traverse sono ormai diventate un immenso rovo, in cui tra l’altro ci si trova di tutto, anche buste abbandonate di rifiuti. Segnaletica divelta e abbandonata. L’erba è cresciuta a dismisura ovunque, e non solo in altezza, anche nello spazio dedicato allo spartitraffico realizzato per delimitare le due carreggiate, sotto i marciapiedi, sulle rotatorie al punto da rendere pericolosa la stessa viabilità.

Una desolazione, un degrado che ha dell’incredibile per non dire del tragico, altro che “fiore all’occhiello”, e il bigliettino da visita è da bollino rosso, altro che “bello”. Ma come si fa a ridurre in questo stato una zona così vasta e importante per la nostra economia e il nostro turismo senza che nessuno intervenga, da mesi sicuramente?

Una domanda a cui non si chiede una risposta da chi di competenza, ma una decisa azione affinché si metta fine a questo scempio non degno di una cittadina come Gioia del Colle, l’ex, in tutto, bel paesello.

Per visualizzare la gallery clicca sul link sottostante.

 

Commenti  

 
#7 Nicola A. 2020-08-21 11:50
Si parle, giustamente, di buche e immondizia; vorrei segnalare che sulla ex ss 100, il tratto che porta da Gioia fino all'Aeroporto Militare c'è una pista ciclabile, tra la stessa sede stradale e la ciclopista c'è un canale per l'acqua piovana che ha una profondità molto pericolosa per auto, pedoni e ciclisti, oltre a non essere segnalata, molte volte è anche ricoperta di erbacce ed impedisce a chiunque di valutarne la profondità; quando è piena di erbacce sembra che non ci sia nessun canale. Non capisco perchè mai nessuno vi abbia posto rimedio.
 
 
#6 Filippo28 2020-08-21 11:30
A dire il vero è un paese indecente, la nuova e le vecchie amministrazioni hanno le stesse colpe. Uscendo dall’autostrada la prima immagine che si troverebbero ipotetici turisti e’ una strada disastrata e lo è da quando ero bambino (adesso 50). La strada per putignano un disastro, senza strisce, sporchissima, pericolosa e con contorno di prostitute ( nessuno se ne accorge da decenni?). La strada per Matera senza una luce, di notte pericolosissima. In generale buche, sporcizia, piante che crescono in ogni dove. Mi fermo, ma in una parola un paese che fa schifo. E non è colpa di questa, ma di tutte le amministrazioni; incapaci e arraffoni. Mi piange il cuore, ma è questa la fotografia di un paese allo sbando, senza sprint, senza voglia e amministrato malissimo. Per non parlare del livello di ricchezza, gli stipendi fatte le debite proporzioni con il costo della vita, sono pari a quelli della Bulgaria. Ci sono moltissime famiglie che per decenni non hanno mai migliorato il loro livello, mai. Per chi vive fuori è una tristezza indicibile vedere questo disastro e il paragone con gli altri paesi limitrofi, aumenta la tristezza. Paese triste,
 
 
#5 Sinistrorso 2020-08-21 11:17
L'opposizione è in coma irreversibile.
Uscirà dal coma a Natale per contestare luci e addobbi.
 
 
#4 Italo 2020-08-20 18:18
Mastrangelo usa il Covid per mascherare la propria incompetenza!
Anche Sammichele ha avuto il Covid, ma forse hanno un sindaco ed una amministrazione migliore! E guadagnano meno!
 
 
#3 Leonardo P. 2020-08-20 18:16
Mastrangelo che delusione!
 
 
#2 Cittadina indignata 2020-08-20 17:41
Provate a vedere il marciapiede della scuola di Via Eva che tra ascrementi di animali e rami che spuntano camminare diventa un percorso ad ostacoli
 
 
#1 cavolo 2020-08-20 16:40
Ma qualcuno dell'amministrazione attuale gira per Gioia? E quelli dell'"opposizione" nulla hanno da dire? Perché deve essere sempre il comune cittadino a dover fare le segnalazioni? Sarebbe una vergogna, ma oramai queste cose costituiscono l'ordinario non l'eccezione.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.