Topi in via Roma tra le bancarelle del mercatino vintage

116878561-287886532482431-1446179102317547691-n

117288216-1188742088168720-6575663996238894543-nNella tarda mattinata di domenica, 9 agosto, in via Roma è comparso un topo che dopo aver dribblato tra le bancarelle del mercatino vintage si è rifugiato nell’ingresso della Banca Nazionale del Lavoro (BNL).

La bestiolina, visibilmente terrorizzata, ha cercato di nascondersi, mentre i presenti con i cellulari immortalavano la sua disperata fuga in foto e video.

Un passante ha ben pensato di chiudere la porta della banca, ma l’arrivo di alcuni clienti per effettuare un prelievo ha consentito al topolino di fuggire costeggiando le mura della Chiesa di Santa Lucia, dove in un primo momento sembrava volesse dirigersi, forse in cerca di… asilo.

Curiosamente non si è manifestato tra i passanti alcun timore, nessun urlo o caccia “rumorosa” al topo, anzi alcuni bimbi hanno chiesto ai genitori se potevano adottarlo e portarlo a casa. Probabilmente sembrano essere di casa in zona. Giorni fa un altro topo era stato visto circolare in via Carducci, anche i116333411-1017743588681143-7608084456265412844-nn questo caso immortalato sui cellari.

Una residente ha ricordato di aver ricevuto tempo fa la visita di un topo nella sua abitazione situata al 5° piano di uno dei palazzi presenti in zona, a conferma che le bestioline sono attratte dalla città e tentano sortite anche diurne, probabilmente in cerca di cibo.

Meno celebre del topo funambolo sul sagrato della Chiesa di Sant’Antonio (TOPO FUNAMBOLO E ACROBATA ALLA FESTA DEL CROCIFISSO ), e dei suoi compagni di avventura avvistati anni fa nei paraggi delle scuole gioiesi (DAVVERO INCREDIBILE. SCUOLE APERTE ANCHE PER I TOPI?-foto) e del liceo Scientifico (ANCORA RATTI ALL’INTERNO DEL LICEO SCIENTIFICO-video), il topolino si è dileguato in cerca di un rifugio più sicuro.

Forse è necessario pensare ad una seria derattizzazione prima che Gioia venga invasa da topi e ratti come spesso accaduto in passato, a meno che - ci si conceda un pizzico di ironia - non sia tutto calcolato per inserire tra le promesse dei candidati alle regionali una derattizzazione spinta con “cacciata dei topi” fuori dalle mura cittadine.