Lunedì 28 Settembre 2020
   
Text Size

Piazza Pinto. Investita da una bici finisce in ospedale

ambulanza generica

20200711-191612 Un incidente solo in apparenza banale ha compromesso la salute di una nostra concittadina: la 42enne gioiese R.G., investita da una bicicletta mentre era sul marciapiede di Piazza Pinto, intorno alle 21. Come ogni sera portava a spasso i suoi due cagnolini.

Ero appena salita sul marciapiede quando sono stata investita alle spalle da una bici guidata da una ragazzina che di certo correva veloce per non aver fatto a tempo a frenare o evitarmi. L’urto è stato particolarmente violento. Sono stata sbalzata sul pavimento, la ragazza e la bici mi sono rovinate addosso e mi sono ritrovata con il manubrio tra lo sterno ed il collo. Non riuscivo né a respirare né a parlare, provavo una terribile sensazione di schiacciamento, il busto sembrava paralizzato… confesso di aver avuto paura. La ragazza spaventata continuava a chiedere scusa, ma non riuscivo a risponderle. Mi è stato riferito che era agitatissima ed a un certo punto è scappata via, forse temendo le conseguenze. Comprendo il suo stato d’animo…!”

Alcuni dei presenti, stando a quanto detto dopo l’incidente, conoscono la ragazza e potrebbero testimoniare sull’accaduto, anche perché sono intervenuti i Carabinieri. 20200711-191914

“Dopo un tempo ragionevolmente breve - continua la signora -, è giunta un’ambulanza da Sammichele, quella di Gioia era impegnata in un altro soccorso. Gli operatori sanitari mi hanno spostato con grande cautela, temendo fratture. Giunta al Pronto soccorso del Miulli la dottoressa in servizio, senza visitarmi, mi ha fatto spostare dalla barella e mi ha mandato in radiologia, dove mi sono state fatte delle radiografie che pare avessero dato esito negativo. Mi hanno somministrato una flebo con antidolorifici e sono stata rimandata a casa con tre giorni di prognosi. In realtà, invece di stare meglio i dolori sono aumentati e quando il dottore mi ha visitato, ha intuito che qualcosa non andava, per cui sono tornata al Pronto soccorso del Miulli. Questa volta dagli esami fatti sono risultati una lesione costale, una distorsione cervicale a causa della quale ho dovuto indossare il collare e un versamento pleurico. Ora sono a casa, mi muovo il meno possibile e mi sto curando con cortisone e antibiotici. Non so spiegarmi perché i primi esami abbiano dato un esito diverso, non voglio polemizzare, ma ritengo che una visita più accurata sarebbe stata forse opportuna.”

Se ad essere investito con la stessa dinamica fosse stato un anziano, probabilmente oggi scriveremmo ben altro. Il problema da affrontare è serio e richiede un intervento istituzionale deciso.

Da tempo nei giardini pubblici, in modo particola Piazza Pinto, biciclette in corsa e pallonate mettono a repentaglio la salute di chi vi sosta o passeggia, in particolare se anziani o bambini. Mentre le norme nei confronti di chi porta a spasso un cane sono severe, si è molto più perm20200711-193855issivi nei confronti dei ragazzi. Il controllo è scarso, le telecamere inesistenti, il senso civico anche.

La polizia municipale - da sempre sotto accusa in questi casi - come giustamente osservato dalla signora R.G. non ha colpa, sono in pochi per controllare un territorio così ampio, occorrerebbe assumere altri vigili oppure trovare soluzioni alternative, individuando luoghi più adatti e sicuri al “libero sfogo” dei nostri giovani. Non è difficile, basta avere la volontà politica di farlo.

E nell’attesa come tutelarsi? I ragazzi hanno bisogno di spazi per giocare, fare sport, ma anche gli adulti hanno il diritto di fruire degli stessi spazi in sicurezza. Il problema è di natura educativa e civica. Occorre educare i ragazzi al rispetto delle persone e dei luoghi, controllarli, guidarli e se necessario adottare provvedimenti severi. Laddove la famiglia, come spesso accade, è assente, questo ruolo deve essere svolto da tutti: forze dell’ordine e cittadini comuni, altrimenti questi luoghi diverranno sempre più pericolosi e coloro che li frequentano meno tolleranti. Prevenire è un imperativo!

Auguriamo a R.G. - una donna davvero dolce, garbata e molto sensibile, che avrebbe a buon diritto potuto lanciare strali e fulmini su malasanità, adolescenti, polizia municipale assente - di guarire al più presto e cancellare con una bella vacanza il ricordo di questa brutta avventura.

 

Commenti  

 
#7 tantoper2020 2020-07-28 18:40
Fiumi e fiumi di...parole.
Questi episodi si verificano da anni, e mai dico mai, una amministrazione è stata capace di contrastare questi fenomeni, vedi anche le partite di calcio effettuate a tutte le ore su piazza Dalla Chiesa.
Concordo con chi chiede a gran voce spazi per questi ragazzi, ma allo stesso tempo chi quelli spazi deve goderseli perchè creati per sedersi e godere momenti di tranquillità, deve altremodo essere tutelato da questi pericoli.
E veniamo sempre al nocciolo della questione: chi dovrebbe farlo cosa fa?
 
 
#6 stat cit 2020-07-27 17:33
x la redazione , mi piacerebbe sentire anche la campana di un testimone .
sicuramente in quella piazza i cani fanno quello che vogliono pur essendoci un divieto .
i ragazzi ma anche gli adulti passeggiano o scorazzano tranquillamente in bici su via roma o peggio ancora in controsenso su tutto il paese.

La Redazione
I testimoni c'erano, e hanno anche confermato l'episodio dell'investimento più ciò che accade in quella villa. Per maggior sicurezza alcuni di loro ci hanno invitato ad assistere di persona a quanto giornalmente succede. Che poi ai ragazzi si aggiungano anche gli adulti, sui monopattini o sulle bicilette, è un fatto acclarato.
E che sia in villa, su via Roma, in altri giardini e piazze o in tutto il paese, anche in controsenso e senza controlli, non è certamente un buon esempio o una scusante, per nessuno.
Saluti
 
 
#5 stat cit 2020-07-27 08:01
è vero che c'è molta anarchia nel nostro paese , però su questa storia mi piacerebbe sentire anche un'altra campana...

La Redazione
Quale campana? Suonata da chi?
Saluti
 
 
#4 Nicola A. 2020-07-27 07:00
Non solo ragazzini/e con le bici, ci sono anche adulti che percorrono i marciapiedi e isole pedonali (via Roma e Piazza plebiscito) ora ci si mettono anche i monopattini che sfrecciano con slalom percolosi. Ma può essere che a Gioia ci sia ANARCHIA TOTALE!? Quando parlo di Piazza Plebiscito, bisogna tener conto che ci sono le Forze dell'Ordine in primo piano ed anche se qualcuno chiacchiera davanti alla chiesa di San Francesco, fanno finta di non vedere. Così come fanno "coreografia" i Vigili quando, le rare volte che sono presenti, a Piazza Pinto e via Roma, fanno di tutto affinchè coloro che sono in bici e monopattini o giocano al pallone possano dileguarsi.
 
 
#3 Val 2020-07-26 20:06
Tra poco i ragazzi dovranno andare in giro legati e con la museruola... non ci sono piste ciclabili sicure, non ci sono spazi adeguati perché i ragazzi vadano in bici in sicurezza, non ci sono strutture adeguate alle loro esigenze e il problema sono loro o le loro famiglie? Il problema è l inciviltà? No il problema è che non ci curiamo di loro e non ci preoccupiamo del fatto che non abbiano spazi adeguati. Gli incidenti saranno sempre all ordine del giorno se non si creano strutture adeguate. Quando noi adulti avremo creato piste ciclabili a norma e sicure, zone adibite solo all uso di bici e monopattini, quando noi adulti avremo creato strutture sicure per i bambini e i ragazzi allora potremmo gridare all inciviltà, fino ad allora non abbiamo diritto di dire che sono incivili ma solo che nessuno della comunità gioie si preoccupa ne di creare loro spazi adeguati e ne della sicurezza di tutti.
 
 
#2 Fortunato 2020-07-26 17:55
Alla fine si è saputo chi l'ha investita almeno
 
 
#1 Tonino 2020-07-26 17:40
Regole severe per i cani? Ma sta scherzando? Non c'è più nessuna regola c'è il liberi tutti!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.