Truffa dello specchietto… ci riprovano anche a Gioia

13990358480-e4d21e5361-c

48695671903-cc6eb09d77-oTruffa di cui avevamo scritto sul nostro settimanale, La voce del paese, attualmente in edicola.

“Il 28 giugno scorso in via Ricciotto Canudo c’è stato il primo tentativo di truffa dello specchietto. A “provarci” un ragazzo e una ragazza a bordo di un’Alfa Romeo grigia.

Solitamente le vittime prescelte sono anziani. Il malcapitato di turno viene fermato ed accusato di aver effettuato una incauta (oltre che inconsapevole e quasi sempre inesistente) manovra, causando danni allo specchietto retrovisore. Ovviamente per non incorrere in stratosferici aumenti del premio assicurativo con slittamento in classi meno favorevoli, giunge puntuale la richiesta di un immediato risarcimento, magari anche per una cifra modica rispetto al reale costo dello specchietto.

Una ulteriore segnalazione sempre relativa alla medesima auto, denuncia il tentativo di truffa in via Einaudi o via Noci. Un giovane dall’accento salentino, anche in questa occasione ha tentato di addebitare ad un guidatore la rottura dello specchietto. In questi casi per far dileguare i malintenzionati, basta dichiarare di voler telefonare ai Carabinieri per denunciare l’accaduto.

Purtroppo la targa dell’auto non è stata identificata”.

In data odierna, domenica 5 luglio, si segnala un nuovo tentativo di truffa messo in atto sembrerebbe dalla stessa banda, denunciato sul gruppo Facebook “Sei di Gioia… se” da Mariangela M., che ha postato il seguente messaggio: “AVVISO A TUTTI è successo a mio padre, sta girando per Gioia di nuovo la banda dello specchietto, sono truffatori che fanno finta di urtare la tua macchina e poi vogliono un risarcimento in contanti sul posto. La macchina è una Alfa 147 grigia a bordo due signori stranieri un uomo ed una donna. CHIAMATE I CARABINIERI ...... noi abbiamo fatto così e sono scappati via”.

Un avviso che condividiamo e che raccomandiamo di far girare il più possibile fra parenti, amici e conoscenti.